AGCOM



19
marzo

TG CHE VAI, POLITICO CHE TROVI

Loghi TG

Che i telegiornali italiani siano, costantemente, impantanati nelle infide sabbie mobili della politica non è, certo, una novità. L’italica corsa alla notizia rischia però, oggi più che mai, di trasformarsi in una forsennata lotta a chi blandisce più e meglio il politico di turno attraverso stucchevoli e mal digeribili panegirici. Naturalmente, ognuno il suo. Con buona pace, dunque, dei cittadini e del loro sacrosanto diritto a essere informati in maniera completa, precisa e imparziale.

I dati sul pluralismo politico-istituzionale, relativi al gennaio 2009, diffusi dall’ Autorità garante delle comunicazioni, (dati in cui, per la prima volta, figura anche Skytg24), ci offrono un interessante spaccato sul rispetto delle norme relative alla par condicio da parte dei tg. Lo stesso organismo di garanzia, d’altra parte, è più volte intervenuto, in un recente passato, a sollecitare alle emittenti un riequilibrio del “tempo di parola” (quello in cui il soggetto politico o istituzionale parla direttamente) fra le forze politiche e fra le forze politiche e il governo.

Scorrendo i dati, si evince un sorprendente sorpasso del Pd ai danni del Pdl, in termini di presenza nei notiziari, (Tg1 Pd 18,53% / Pdl 16,51%, Tg2 Pd 15,12% / Pdl 14,14%, Tg3 Pd 25,92% / Pdl 13,48, Tg5 Pd 14,54% / Pdl 11,11, Studio Aperto Pd 19,22% / Pdl 18 ,77%, Tg La7 Pd 15% / Pdl 6,01, Skytg24 Pd 23,79% / Pdl 9,83%). Un recupero, quello del Pd, che risulta, però, drasticamente ridimensionato, se non addirittura vanificato, se ai dati del Pdl sommiamo quelli relativi allo spazio dedicato al Premier in persona e al Governo.




22
gennaio

AGCOM SANZIONA MICHELE SANTORO E FABIO FAZIO

Michele Santoro

In una nota ufficiale, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni conferma questa mattina di aver comminato alla Rai due sanzioni, una da 51 mila euro per una puntata di Annozero di Michele Santoro, l’altra da 10 mila euro per una puntata di Che tempo che fa di Fabio Fazio, entrambe andate in onda a maggio dello scorso anno.

L’Autorità, spiega la nota, ha sanzionato la Rai Radiotelevisione italiana per violazione dei diritti fondamentali della persona, con riferimento alla messa in onda di filmati nel corso della trasmissione Annozero del Primo maggio 2008 contenenti interventi di Beppe Grillo con offese rivolte al presidente della Repubblica Giorgio Napolitano e al prof. Umberto Veronesi. La Rai – continua la nota – e’ stata inoltre sanzionata, per la medesima violazione, con riferimento all’intervento di Marco Travaglio nei confronti del presidente del Senato Renato Schifani, nel corso della trasmissione Che tempo che fa del 10 maggio 2008. Le sanzioni ammontano a 51 mila euro per Annozero e a 10 mila euro per Che tempo che fa’.

L’Agcom ha altresì diffidato la Rai per violazione degli obblighi del servizio pubblico con riferimento alle medesime trasmissioni. Entrambe le decisioni sono state adottate a maggioranza. Contro l’irrogazione delle sanzioni hanno votato, in Commissione Servizi e Prodotti, i commissari Michele Lauria e Sebastiano Sortino; gli stessi commissari, con il collega Nicola D’Angelo, si erano schierati contro la diffida all’Azienda, decisa dal Consiglio dell’organismo di garanzia.

[ANSA via Dagospia]


8
gennaio

SPORTITALIA SI SPOSTA SUL MUX TELECOM PER FAR SPAZIO AL NUOVO ARRIVATO “ALPHABET”

SportItalia @ Davide Maggio .itCon un comunicato sul sito web e con messaggi promozionali sul canale, dalle 13 di ieri Sportitalia e la sorella Sportitalia24 sono trasmessi, oltre che sul mux Mediaset2, anche sulle frequenze digitali di Telecom Italia, nel mux TIMB1.

Perchè questa doppia presenza, vi chiederete? Si legge su digital-forum.it che venerdì 9 gennaio, Mediaset ha programmato l’ennesimo restyling per i suoi multiplex digitali, in particolare Mediaset 1 e Mediaset 2. Dal mux Mediaset 1, che contiene i canali dell’offerta Premium Fantasy, Disney Channel +1 in comune con l’offerta Gallery, Premium Calcio24 e i canali in pay per view Diretta Calcio, verrà spostato sul Multiplex Mediaset2 Coming Soon, il canale di Anica dedicato ai trailer e alle anteprime cinematografiche. Sullo stesso mux verrà spento il canale all news britannico BBC World, apparso sul digitale terrestre grazie ad un accordo tra Mediaset e BBC del lontano 2003, non più riconfermato.

La vera novità di questo rivisitazione della composizione dei bouquet, arriverà sul mux Mediaset2, che ora trasmette l’offerta free del biscione (i canali tradizionali, Iris, Boing, Class News), e sarà un nuovo canale presente nella graduatoria promossa dall’Agcom che risponde al nome di Alphabet.





18
novembre

ARRIVA PREMIUM FANTASY: ECCO LE NOVITA’ “SOTTO L’ALBERO” DI MEDIASET PREMIUM

Premium Fantasy @ Davide Maggio .it

Sono state diramate in mattinata le prime notizie ufficiali sulle nuove offerte dell’inverno 2008 di Mediaset Premium, dopo i rumors che vi abbiamo fornito ieri.

Le prima novità riguarda il lancio, a partire dal prossimo 8 dicembre, del nuovo pacchetto FANTASY, dedicato a bambini e ragazzi, che va, quindi, ad affiancarsi ai già esistenti GALLERY e CALCIO.

Il pacchetto Fantasy conterrà: Disney Channel, già trasmesso nel pacchetto Gallery, Playhouse Disney, dedicato all’intrattenimento e all’animazione prescolare, Cartoon Network, del gruppo TimeWarner, che sul DTT edita già Boing, e Hiro, nuova creatura di Mediaset dedicata ai ragazzi pre-adolescenti e ai grandi che coltivano la passione per i cartoon.


19
ottobre

A EUROPA7 PARTE DELLE FREQUENZE DI RAIUNO IN BANDA VHF

Europa 7 @ Davide Maggio .itDopo dieci anni di attesa, le frequenze che ci spettavano sono state trovate. Ora ci aspettiamo che vengano assegnate, in attuazione della sentenza della Corte di giustizia europea, per poi valutarne la qualità e la copertura“, ha commentato Francesco Di Stefano, proprietario di Europa 7 che dieci anni fa riceveva l’autorizzazione a trasmettere ma non le frequenze necessarie.

Le frequenze oggetto del contendere erano quelle di Rete 4 del gruppo Mediaset che avrebbe dovuto abbandonare l’analogico entro il 31 dicembre 2003 in ottemperanza alla legge Maccanico, che fissava il tetto del 20% per la proprietà delle reti nazionali. Un intervento del TAR, al quale si erano rivolti Fede & Co., consentì alla terza rete di Cologno Monzese di continuare a trasmettere in analogico. Dopo una lunga querelle legale tra Roma e Bruxelles, che vedeva Di Stefano in prima linea pronto a rivendicare ciò che, secondo lui, Rete4 sfruttava illegalmente (le frequenze) sembra che finalmente l’Agcom abbia messo un punto fermo all’annosa questione.

Lo scorso 13 ottobre, infatti, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha dato parere favorevole al piano del Ministero dello Sviluppo Economico, elaborato dal sottosegretario alle Comunicazione Paolo Romani.





10
settembre

CHE SWITCH-OFF SIA: ECCO IL CALENDARIO DELLO SWITCH-OFF DELLA TV ANALOGICA REGIONE PER REGIONE

Switch Off @ Davide Maggio .it

E’ stato presentato dal sottosegretario alle comuncazioni Paolo Romani, il calendario dello spegnimento della tv analogica italiana a favore del digitale terrestre che porterà di qui a quattro anni all’abbandono totale dell’analogico.

La prima regione interessata sarà la Sardegna, che già aveva sperimentato lo spegnimento di Rai2, Rete4 e Qoob lo scorso marzo. Dal 15 al 31 ottobre si procederà allo spegnimento di tutte le reti analogiche dell’isola, sia nazionali che locali, per permettere l’accensione delle nuove reti in isofrequenza che garantiranno per ogni bouquet di canali  la copertura con un’unica frequenza in tutta la regione.

Entro i primi sei mesi del 2009 sarà la volta della Valle d’Aosta, anch’essa già interessata dal mini switch-off lo scorso aprile. La più piccola regione d’Italia vedrà lo spegnimento di tutti i segnali e la realizzazione, analogamente a quanto accadrà in Sardegna, di reti in isofrequenza sulle frequenze affidate dal trattato di Ginevra al nostro “bel paese”.

Il calendario completo nella seconda parte dell’articolo:


31
luglio

L’AGCOM HA DECISO. ECCO LE NEW ENTRY DEL DIGITALE TERRESTRE

Dtt Agcom @ Davide Maggio .it

L’Agcom ha pubblicato il 29 luglio la graduatoria finale dei soggetti che, a partire dal prossimo autunno, si accaparreranno il 40% della capacità trasmissiva del mux Rai B, dei due multiplex Mediaset e dei due mux Telecom Italia Media. Nove soggetti avranno, dunque, a disposizione uno o più canali dei bouquet digitali a livello nazionale per trasmettere i propri programmi. Tutto ciò per permettere l’ingresso di nuovi soggetti nel mondo televisivo e per garantire il pluralismo e spianare la strada per lo switch off, lo spegnimento del segnale analogico, previsto per il 2012.

La classifica è popolata dai big stranieri dell’industria televisiva, accompagnati da piccoli gruppi italiani che hanno “guadagnato” soltanto alcuni dei 18 posti in graduatoria. E’ opportuno guardare più da vicino la graduatoria poiché più si è alti in classifica, più banda si ha a disposizione e, vista la situazione del digitale terrestre italiano, avere banda a disposizione è vera manna dal cielo.

La medaglia d’oro va a Digital Tv Channels, controllata da Jetix Europe, che proporrà un canale in chiaro dedicato ai bambini tra i 2 e i 14 anni d’età. Il canale dovrebbe trasmettere una selezione dei cartoni animati in onda sul canale satellitare Jetix come i Power Ranger o le nuove Totally Spies. Il progetto, ancora senza un nome, ha totalizzato 69 punti.