Access Prime Time



17
novembre

QUANDO BASTA UN TELEFILM DEGLI ANNI 80 PER BATTERE GLI AMBIZIOSI ACCESS DI TV8, NOVE E REAL TIME

A-Team

“Dieci anni fa gli uomini di un commando specializzato operante in Vietnam vennero condannati ingiustamente da un tribunale militare. Evasi da un carcere di massima sicurezza si rifugiarono a Los Angeles, vivendo in clandestinità. Sono tuttora ricercati, ma se avete un problema che nessuno può risolvere – e se riuscite a trovarli – forse potrete ingaggiare il famoso A-Team”.

Con queste parole nel 1984 il telefilm americano A-Team debuttò nella tv italiana: era il 25 febbraio e la prima puntata andò in onda su Rete 4. Oggi, a distanza di oltre trentadue anni, le avventure di “Hannibal” e soci continuano ad appassionare il pubblico nostrano: le repliche (attualmente è in onda la terza stagione), dal lunedì al venerdì su Iris alle 20.15, ottengono ascolti record. Numeri superiori a quelli registrati dalle ambiziose proposte di reti come Tv8, Nove e Real Time.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,




6
aprile

I NOSTRI CARI VICINI: IN ARRIVO NELL’ACCESS PRIME TIME DI RAI 2 UNA SHORT COMEDY FRANCESE SUL “BUON” VICINATO

Dear Neighbours

Non solo format e serie tv americane. Dopo aver “scippato” alle terre austro-ungariche il buon vecchio Rex e visto il grande successo di Braccialetti Rossi, basato su un format catalano, la Rai ci riprova e questa volta lo fa guardando alla patria della Tour Eiffel e del Louvre. E’ infatti in arrivo sui nostri teleschermi un nuovo prodotto d’importazione, direttamente dalla TF1 francese e destinato all’access prime time di Rai 2.

I Nostri cari Vicini: episodi da otto minuti per raccontare i rapporti tra vicini

Si tratta di una short comedy intitolata I Nostri cari Vicini (titolo originale Nos chers voisins), 103 episodi finora prodotti da Ango Productions e Aubes Productions con LE Rights, che prossimamente dovrebbero prendere il posto di LOL sulla rete diretta da Angelo Teodoli. Episodi da otto minuti ciascuno, caratterizzati dal tipico humor delle produzioni francesi, che i telespettatori più attenti ricorderanno di aver assaporato negli anni ‘90 con Primi baci, storico telefilm di Italia 1 sempre a marchio TF1.

I Nostri cari Vicini: i personaggi

Qui però di romantico ed ingenuo c’è ben poco. I protagonisti della serie sono un nutrito gruppo di vicini di casa che, pur armati tutti di buone intenzioni, si faranno la guerra quotidianamente per qualsiasi cosa: famiglie con bambini, giovani single, studenti con compagni di stanza festaioli e anziani dal lamento facile vivono nello stesso edificio e confrontano le proprie vite gli uni con gli altri. Qualche volta sul pianerottolo, qualche volta nell’androne del palazzo, altre volte in ascensore. Conosceremo così la famiglia Dubernet-Carton, i Becker, il dottor Grégory Derek, l’avvocato Chloé Varenko e la famiglia Jombier, ovvero Chantal e Didier, i proprietari della palazzina sita al numero 28 di rue de la Source, che se la sono equamente divisa e la gestiscono in piena autonomia.


9
dicembre

TEMPESTA D’AMORE: DA STASERA L’OTTAVA STAGIONE IN ACCESS AL POSTO DI DEL DEBBIO E DOPO ‘IL SEGRETO REWIND’

Tempesta d'amore 8 - Natascha, Konstantin e Marlene

I telespettatori italiani sono abituati a seguire le storie di Tempesta d’amore durante la fascia preserale di Rete 4 ma da questa sera – complice la chiusura di Quinta Colonna Il Quotidiano – l’appuntamento cambia. La soap opera tedesca, giunta all’ottava stagione, da oggi – lunedì 9 dicembre 2013 – occuperà l’access prime time della rete minore di casa Mediaset, lasciando lo spazio occupato fino alla scorsa settimana alla repliche della telenovela spagnola Il Segreto.

Tempesta d’amore: dal lunedì al sabato alle 20:30 su Rete 4

L’appuntamento quotidiano delle 20:30 si unirà all’ormai consueta puntata in prime time del martedì. Per Tempesta d’amore, che ha conquistato il pubblico italiano ormai molti anni fa, si tratta dell’ennesimo spostamento in palinsesto: dopo essere partita nel 2006 su Canale 5, la soap migrò nel 2007 su Rete 4 dove è poi rimasta in pianta stabile. Con l’ottava stagione, partita venerdì 6 dicembre 2013, la messa in onda ha raggiunto quota mille e seicento episodi.

Tempesta d’amore anticipazioni: chi sono i nuovi personaggi

Da questa sera vedremo l’evolversi della storia d’amore tra Marlene Schweitzer (Lucy Scherer) e Konstantin Riedmüller (Moritz Tittel), ostacolata dall’attrazione tra il ragazzo e Natascha (Melanie Wiegmann), la madre di lei. Ma gli intrighi, gli amori e le passioni cui fa da sfondo il Furstenhof, un tradizionale albergo sulle Alpi, si arricchiranno in questa nuova serie di due nuovi personaggi, che andranno ad unirsi a loro e agli ormai storici André Konopka, Charlotte e Werner Saalfeld, Tanja Liebertz Heinemann, Alfons e Hildegard Sonnbichler. Le due new entry sono destinate a diventare la coppia protagonista della nona annata della soap: una delle caratteristiche di Tempesta d’amore è infatti proprio il cambio di guardia dei protagonisti ad ogni serie, un po’ come nel fu Incantesimo.





3
aprile

BOOM! PAOLO DEL DEBBIO NELL’ACCESS DI RETE4. CLAUDIO BRACHINO TORNA A MATTINO CINQUE.

Paolo Del Debbio

Paolo Del Debbio

Tenetevi forte perchè questa è grossa! Ricordate quando, qualche giorno fa, il responsabile della comunicazione del Biscione, Paolo Calvani, annunciò su Twitter delle sorprese in vista da Paolo Del Debbio, definendole ‘roba seria’? Bene, vi sveliamo in anteprima di cosa si tratta. Complici gli ottimi risultati raggiunti dal suo Quinta Colonna su Rete4, l’attuale conduttore di Mattino Cinque è pronto a traslocare in toto sull’emittente diretta da Giuseppe Feyles.

Dal prossimo 15 aprile 22 aprile, infatti, il giornalista Mediaset aprirà il sipario su un nuovo programma quotidiano di informazione che occuperà l’access di Rete4 dalle 20.30 alle 21.15. E già immaginiamo il grande entusiasmo di Antonio Ricci. Ma questa è un’altra storia.

I malumori, però, dovrebbero farla da padrona da un’altra parte. Paolo Del Debbio, infatti, contestualmente alla nascita del nuovo approfondimento della rete cadetta del Biscione, lascerà il suo impegno quotidiano con Mattino Cinque. E indovinate un po’ chi è stato chiamato a sostituirlo? Il direttore di VideoNews Claudio Brachino che, così, torna sul ‘luogo del delitto’.


5
settembre

AFFARI TUOI: MAX GIUSTI RIPARTE IL 12 SETTEMBRE CON UNO SPECIALE IN PRIMA SERATA

Max Giusti al timone di Affari tuoi

Si è scelto un ritorno in grande spolvero per lanciare la nuova edizione di Affari tuoi. Il gioco dei pacchi, infatti, ripartirà su Rai1 mercoledì 12 settembre con uno speciale in prime time. La decisione è stata probabilmente dettata dal successo di fine stagione dello Speciale Anni ‘80 (share prossimo al 21%), che verrà riproposto con la stessa formula mercoledì prossimo. Al timone del programma, per il quinto anno consecutivo, Max Giusti.

Il ritorno di Affari tuoi, subito dopo il Tg1 delle 20, dovrà vedersela con il debutto di Ris Roma 3, la serie americana Once upon a time, Chi l’ha visto e i Celebrity Games di Italia1. Una serata tutt’altro che facile (almeno sulla carta) per poi tornare nella tradizionale collocazione in access dal giorno successivo, ovvero giovedì 13 settembre quando ormai Veline sarà nelle fasi finali.

Se il meccanismo rimarrà lo stesso, ad arricchire il gioco arriva qualche diversivo. La principale novità è il Superpacco, un pacco speciale che dà il via a una sorta di gioco nel gioco grazie al quale il concorrente più fortunato potrà addirittura giocare con due pacchi da 500.000 euro, avendo così più possibilità di aggiudicarsi il montepremi in palio. Dalla precedente stagione ritorna il Pacco Matto con diverse novità fra cui la “Proposta indecente“, con la quale il concorrente dovrà vedersela con il Dottore in un duello di cervelli in piena regola, oppure il più cinico “Vai o resti”, grazie al quale verranno smascherate le reali intenzioni del “pacchista”.





12
ottobre

SERENA DANDINI VERSO L’ACCESS PRIME TIME DEL WEEKEND DI LA7, IN DIRETTA CONCORRENZA CON FAZIO?

Serena Dandini

Un’assenza (ingiustificatamente) rumorosa quella di Serena Dandini che lascia vacanti slot prestigiosi e che origina “guerre di successione” in quel di Rai3 con i giornalisti del Tg che chiedono l’aggiudicazione della fascia oraria al fine di garantire un discreto traino all’approfondimento di Linea Notte frenato, a loro dire, dalla messa in onda di repliche e telefilm.

Vi avevamo già detto che il neo direttore Antonio Di Bella starebbe riprovando a convincere l’ex conduttrice de L’ottavo nano a ritornare alla base con una “proposta che non si può rifiutare” comprendente anche alcune prestigiose prime serate da produrre insieme a Fandango, ottenendo per tutta risposta un “No, grazie“. Evidentemente pesa ancora sulle scelte di Serena il voto contrario del Cda Rai del 15 settembre che ha bocciato il contratto con la società di Domenico Procacci.

E’ in questo contesto che va letta l’indiscrezione riportata da Italia Oggi, secondo la quale la presentatrice sarebbe in trattativa “ben avviata” con La7 per la realizzazione di un nuovo programma destinato all’access prime time del weekend, da contrapporre a Che tempo che fa di Fabio Fazio con il quale – almeno in linea teorica – condividerebbe il target di pubblico. In effetti, gli ascolti del “nuovo” In Onda, sono tutt’altro che positivi e in particolare la domenica Porro e Telese non si schiodano dal 2.5% di share ed è più che legittima l’aspirazione del terzo polo televisivo di rinforzare la programmazione del weekend che non è ancora all’altezza dei giorni feriali.


7
ottobre

QUI RADIO LONDRA TRASLOCA ALL’ORA DI PRANZO

Qui Radio Londra, Giuliano Ferrara

Rai 1 corre ai ripari per arginare un’emorragia di ascolti senza precedenti. E così succede che nel prime time si registra già una chiusura anticipata (quella di Me lo dicono tutti, condotto da Pino Insegno), così come in access c’è odore di bocciatura, ma per ora nessuno stop anzitempo.

Qui Radio Londra, l’editoriale di circa cinque minuti di Giuliano Ferrara, in onda subito dopo il Tg1 della sera, trasloca all’ora post-caffè. Gli ascolti poco felici del programma (anche ieri lo share non è andato oltre il 16.54%), a stento sufficienti nonostante il traino dell’informazione numero uno in Italia (auditel parlando), hanno portato alla decisione, anticipata sulle pagine de Il Fatto Quotidiano: Qui Radio Londra andrà in onda intorno alle 14.00, dopo il telegiornale delle 13.30.

Il direttore della rete ammiraglia Rai, Mauro Mazza, già nell’occhio del ciclone, ammette le difficoltà riscontrate dal programma e soprattutto “cede” ad altri (Mauro Masi) le principali responsabilità:


15
settembre

PRESERALE, TG E ACCESS: RAI 1 E CANALE 5 IN EQUILIBRIO SU TRE FRONTI. QUANTO DURERA’?

Avanti un altro - Paolo Bonolis

Se è vero che la nuova stagione tv non è ancora entrata completamente nel vivo, da lunedì 5 settembre ha preso il via una delle rivalità più attese dell’anno: L’Eredità vs Avanti un altro. Una sfida, questa, che animerà tutta la stagione televisiva, almeno fino a quando Rai e Mediaset non comunicheranno la personale vittoria della garanzia.

In questo primo scorcio di stagione, i riflettori si sono accesi sul preserale delle due ammiraglie, che già dai primi risultati regala qualche (inaspettata?) riflessione. Un fattore che va subito a confortare Canale 5, da troppo tempo agonizzante in quella fascia, è che il nuovo programma di Paolo Bonolis, oltre a tallonare la corazzata guidata da Carlo Conti, porta sorrisi (e punti) anche al tg delle 20.00. Vero è che una decina di puntate (di fine estate) non fanno primavera, però se il buongiorno si vede dal mattino quelle del “milionario” Gerry Scotti non possono certo considerarsi notti tranquille.

Emblematica è stata la serata d’esordio, che ha vissuto di un equilibrio tra Rai 1 e Canale 5 prolungatosi fino all’access prime time e che, nei giorni a seguire, ha confermato un avvincente testa a testa su tre fronti. Ad oggi, infatti, entrambe le reti hanno di che gioire: a Viale Mazzini tirano un sospiro di sollievo perchè lo spauracchio Bonolis risulta, almeno per ora, “solo” ingombrante, mentre a Cologno sorridono sulla tenuta del nuovo preserale, fascia preziosissima per gli investitori pubblicitari tanto da essere definita in gergo ‘la banca’.

L’Eredità e Avanti un altro si attestano in media sui 2 milioni e mezzo di spettatori, con uno scarto a favore del quiz di Rai 1 di circa due punti di share (20,09% vs 18,24%). Nei due giochi finali, invece, L’Eredità con la Ghigliottina (3.767.000 – 22,03%) supera la concorrenza di appena mezzo milione di spettatori e circa tre punti di share. Un testa a testa cui, come già detto, segue quello tra i due telegiornali: il Tg1 aggancia la media del 22% di share (circa 4 milioni e mezzo di spettatori), col Tg5 appaiato al 20% (e sopra i 4 milioni di “appassionati”).