7
febbraio

MI CURI, SONO GAY: IL DOCUREALITY DI CHANNEL 4 CHE PROMETTE DI CURARE L’OMOSESSUALITA’

Christian Jessen gay

Christian Jessen

Fin dal 1990 l’Organizzazione mondiale della sanitá esclude l’omosessualitá tra le malattie ed altri problemi legati alla psiche, in quanto orientamento naturale; ma adesso questa teoria viene messa in discussione attraverso un documentario che sará trasmesso prossimamente in Inghilterra. Channel 4 ha reclutato il celebre medico Christian Jessen, già volto del docureality Malattie Imbarazzanti in onda su Real Time, per sottoporsi a delle tecniche per “curare” e trattare l’omosessualitá. Il documentario, dal titolo, Cure me, I’m gay (Mi curi sono gay), mostrerá se queste tecniche sono efficaci e saranno provate dal dottor Jessen che, recentemente, ha fatto il suo coming out.

Oltre ai test effetuati dal dottor Jessen, il documentario sará accompagnato da interviste fatte ai pazienti di quese terapie e dalle testimonianze di coloro che assicurano che questi trattamenti hanno funzionato e che adesso vivono una vita da persone “normali”.

“Sono stato alla mercé di commenti omofobi da parte dei miei colleghi medici, soprattutto quando facevo le mie ricerche o quando parlavo di temi legati alla salute sessuale”

afferma il famoso dottore a un media britannico e inoltre afferma che ai media inglesi piace molto parlare della sua sessualitá, perché sono stati sorpresi dal suo coming out vista la sua riservatezza.

Se queste terapie funzioneranno o meno lo sapremo a fine anno e se funzionano possiamo dire, parafrasando il sommo poeta Povia, “Christian Jessen era gay e adesso sta con lei”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati


MEDIASET PREMIUM: ARRIVANO PREMIUM CINEMA EMOTION, PREMIUM CINEMA ENERGY E IL NUOVO DECODER PREMIUM ON DEMAND

Finalmente l'enigma è risolto. Dopo mesi di indiscrezioni e anticipazioni su ciò che la pay tv del Biscione stava programmando per i...


COUGAR TOWN: LA MONICA DI FRIENDS E’ CRESCIUTA ED E’ DIVENTATA UNA “PANTERONA”

Quasi a sorpresa debutta oggi su Canale 5 alle 14.10, nello slot lasciato libero per le feste da Cento Vetrine, Cougar Town. La sitcom a...


MARCO TRAVAGLIO: IL FESTIVAL DI SANREMO 2014? UNA PALLA MORTALE

Ai microfoni di RTL 102.5 Marco Travaglio ha commentato il Festival di Sanremo 2014 e il momento di Grillo con Nicoletta e Gabriele Parpiglia...


UN POSTO AL SOLE: ANTICIPAZIONI 20-24 GIUGNO 2016. SCOPPIA LA PASSIONE TRA ROSSELLA E PATRIZIO?

La lunga estate in compagnia di Un Posto al Sole ha appena preso il via. La soap di Rai3 terrà compagnia al pubblico ininterrottamente per...

4 Commenti dei lettori »

1. claudio ha scritto:

7 febbraio 2014 alle 15:27

L’avevamo intuito, eh! Comunque si spiega tutto: ecco perché stava sempre a gironzolare per gli spogliatoi a misurare l’oggettistica degli avvenenti sportivi di turno…



2. pedro ha scritto:

7 febbraio 2014 alle 17:07

Beh, a quanto pare queste tecniche sono molto efficaci per annullare l’orientamento sessuale. Ma per far sì che questo accada devi voler veramente “curarti”. Perciò, queste tecniche non funzioneranno con il Dottor Jessen.

Se sei un uomo gay, con queste tecniche diventerai un uomo senza nessun tipo di orientamento sessuale. Un uomo senza nessun tipo di attrazione fisica.

Quindi, se sei gay e vuoi veramente annullare il tuo orientamento sessuale, ti consiglio di sottoporti a queste tecniche, se te le puoi permettere, ma non sperare di diventare etero.



3. nicola83 ha scritto:

7 febbraio 2014 alle 18:48

Se uno è gay, rimane gay… non esiste modo di cambiare. Gay si nasce. Chiunque sostenga il contrario, non è sincero.



4. zigzag ha scritto:

8 febbraio 2014 alle 08:23

Assolutamente d’accordo con nicola83. E aggiungo che questa specie di documentario è pure inutile e offensivo, perché pretendere di “curare” qualcosa che è tale fin dalla nascita, vuol dire inevitabilmente non accettare e, perciò, voler annullare una parte di se stessi. Oltretutto, mettere ancora in discussione il fatto che l’omosessualità non possa essere annoverata fra le “malattie” o fra i “disturbi della psiche” è semplicemente assurdo. Omosessuali si nasce. Ma se poi le dichiarazioni ufficiali spuntano solo in età adulta, vuol dire solo che si è tentato di reprimere inutilmente quella parte di se stessi che, poi, giustamente è rimersa spontaneamente, perché nella natura di quella persona.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.