18
novembre

ROBERTO FICO: TALE E QUALE SHOW NON MI PIACE. DOBBIAMO MIGLIORARE LINEA EDITORIALE

Roberto Fico

Abbiamo svenduto i nostri professionisti e i nostri autori“. Per Roberto Fico, ormai, è una questione di principio. Il Presidente della Commissione di Vigilanza Rai non vuole che il servizio pubblico acquisti produzioni esterne, e questa mattina è tornato a ribadirlo. “E’ allucinante che la Rai compri programmi di intrattenimento prodotti da società esterne” ha tuonato dai microfoni di Mix24, il programma di Giovanni Minoli su Radio 24. Per l’esponente grillino,”la Rai non può essere dei manager che fanno solo quadrare i conti ma deve avere un prodotto editoriale fortissimo“. Modello Bbc, dice.

I manager sono manager. Se parliamo di conti abbiamo chiuso in perdita di 250 milioni. Vediamo a fine anno” ha proseguito Fico. Intanto, però, stando ai risultati economico-finanziari del terzo trimestre 2013, la Rai avrebbe un risultato positivo per 700mila euro: meglio che niente. Il Presidente della Vigilanza ha poi espresso parole di apprezzamento nei confronti del suo predecessore, Sergio Zavoli: “un grande uomo di televisione. Uno di quegli uomini che conosce il prodotto editoriale e lo sa fare” ha detto.

Roberto Fico: in Rai basta programmi in stile Mission

Ma le dichiarazioni più interessanti le ha spese in merito al rinnovo della concessione di servizio pubblico alla Rai, prevista nel 2016.

In questo momento siamo in elaborazione del contratto di servizio e dobbiamo assolutamente migliorare la linea editoriale, non possiamo ancora permetterci programmi stile ‘Mission’ su Rai1. Una televisione popolare deve informare, educare e intrattenere. Come le linee guida della Bbc. Farei un palinsesto con delle grandi idee editoriali…” ha detto Fico.

Non c’e’ più filmografia. I film non ci sono più anche perché noi non vogliamo più investire in prima serata su quel settore. Come Rai produciamo dei film ma non vanno in onda sui canali Rai e quindi questo è un paradosso. Incominciamo a metterli in onda e poi ne produciamo di più” ha concluso il vertice della Vigilanza.

Indicazioni precise, le sue. Praticamente, un suggerimento di linea editoriale fatto e finito. Non male per un esponente politico che si è battuto contro l’ingerenza dei partiti in Rai ed ha auspicato di essere l’ultimo Presidente della Commissione parlamentare da lui presieduta.

Roberto Fico: Tale e quale show non mi piace

E, giusto per una questione di linea editoriale e buon gusto, Fico non si è sottratto dell’esprimere il suo giudizio su Tale e Quale Show, uno dei programmi più seguiti di Rai1, in grado di far fatturare all’azienda preziosi introiti pubblicitari. “Non mi piace. Non amo questo genere di intrattenimento” ha commentato Fico.



Articoli che potrebbero interessarti


Fabio Fazio
Vigilanza Rai: documento contro il conflitto d’interessi di agenti delle star e artisti-produttori. Fazio avvisato


Roberto Fico
Vigilanza Rai, Fico: «Superare i conflitti di interesse degli agenti delle star»


Roberto-Fico
VIGILANZA RAI, ROBERTO FICO: TETTO AGLI STIPENDI ANCHE PER LE STAR


Robero Fico
DM LIVE24: 24 GIUGNO 2014. ROBERTO FICO CHIUDEREBBE PORTA A PORTA E COMMISSIONE DI VIGILANZA RAI

8 Commenti dei lettori »

1. Franco2 ha scritto:

18 novembre 2013 alle 17:34

A parte “Tale e quale”, sulle altre cose sono d’accordo con lui.



2. teoz ha scritto:

18 novembre 2013 alle 18:22

come dargli torto in tutto e per tutto… non mi dite che per fare un programma tale e quale servisse per forza comprare un format… cioè era possibile rivisitare la cosa in mille modi e la rai nn avrebbe pagato un briciolo per il format… hanno risorse a sufficienza per non spendere soldi pubblici a caso



3. liberopensiero ha scritto:

18 novembre 2013 alle 19:18

Gli italiani sono notoriamente esterofili,il paradosso è che sono disposti ad acquistare idee straniere anziché ampliarne quelle già esistenti( era così originale una gara tra imitatori?Bastava aggiungere l’elemento vip e il gioco era fatto..)o meglio ancora partorirne di nuove.Dopo Portobello,non ho visto grandi novità nemmeno all’estero.Lo stesso GF,padre dei realities,era stato anticipato da una serie prodotta da Minoli che si chiamava “Davvero”,in pochi lo ricorderanno.



4. and ha scritto:

19 novembre 2013 alle 09:16

Non capisco il commento sull’ingerenza. Una cosa è ostacolare programmi di informazioni o giornalisti (come accaduto per Biagi ecc.), un’altra è dare un giudizio di merito, sicuramente scevro da considerazioni politiche, come nel caso di tale e quale show. Per me Fico ha detto tutte cose giuste (soprattutto sulla mancanza di una filmografia decente).



5. Andrea ha scritto:

19 novembre 2013 alle 10:04

Come non concordare con ciò che dice?
Ma, triste riflessione, al pubblico interessa?



6. bruna ha scritto:

19 novembre 2013 alle 12:47

credo che al pubblico interessi anche passare un paio d’ore senza pensare alle beghe politiche e svagarsi un pochino caro Fico….e’ arrivato un altro CASTIGAMATTI!!!



7. simplemay ha scritto:

19 novembre 2013 alle 13:06

Ma Fico non aveva detto che auspicava la soppressione della commissione di vigilanza? Ora come presidente si mette a fare pure i palinsesti?



8. Nina ha scritto:

19 novembre 2013 alle 14:22

Sempre peggio. Non ho visto neanche una puntata intera d Tale e quale ma so che c’è gente che si diverte molto, quindi è giusto che sia in onda. D’altronde dopo la Boldrini che ha messo il naso dappertutto potevano i grillini essere da meno?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.