23
settembre

L’INSULTO NEI REALITY? CONSIDERATO IL CONTESTO E’ DEL TUTTO LEGALE, LO HA DECISO LA CASSAZIONE.

IL REALITY E GLI INSULTI SURVIVORS MANCINI

Concorrenti dei reality italiani insultatevi pure quanto vi pare! Se i regolamenti interni ai format di casa nostra potrebbero punirvi con una temutissima eliminazione, avrete comunque compiuto un atto del tutto legittimo e legale.

Lo ha stabilito la Cassazione, che ha definito i reality come un contesto con l’insita “caratteristica di sollecitare il contrasto verbale tra i partecipanti“, che a tal proposito ne sono “perfettamente consapevoli“. La sentenza in questione è arrivata in merito alla domanda di Franco Mancini, concorrente del reality Survivors, flop colossale andato in onda su Italia1 nel 2001 con la conduzione di Benedetta Corbi. Saranno stati i concorrenti nip, sarà stata colpa della mancata diretta, ma il programma in questione non è mai decollato negli ascolti, destinando il format a sparire sulle reti Mediaset, salvo poi ricomparire in chiave vip su Raidue, che con L’Isola dei Famosi non ha certo avuto problemi di auditel.

Il concorrente in questione si era rivolto al tribunale per ottenere un risarcimento in seguito ad un insulto arrivato da un suo collega naufrago, Samuele Saragoni, reo di aver apostrofato Mancini con il termine di “pedofilo” per aver rivolto delle attenzioni ad un’altra concorrente più giovane. Mancini aveva sostenuto che il taglio della scena era possibile, essendo lo show completamente registrato prima della messa in onda, e aveva dunque chiamato in causa anche Stefano Magnaghi, responsabile del controllo su Survivor per conto di RTI. Ma a Mancini avevano dato “picche” già il Tribunale di Rieti e la Corte d’Appello di Roma.

Per la Cassazione, dunque, “occorre avere riguardo al contesto nel quale l’offesa è inserita“, e se anche Survivor era uno dei primi reality in onda nel nostro paese, i concorrenti dovevano tener conto di partecipare ad una “trasmissione volutamente indirizzata alla rissa verbale“. Ma come mettere a tacere le lamentele dell’ex-concorrente riguardo alle numerose prese in giro ricevute dopo la partecipazione al reality? Per la sentenza sono “una conseguenza della notorietà volontariamente acquisita con la partecipazione a quella trasmissione, nonché della naturale tendenza del pubblico all’imitazione di quanto apparso in televisione“.

Considerato anche lo scarsissimo successo che quell’unica edizione del programma ha registrato in Italia l’intera faccenda ci sembra veramente paradossale. Eppure “pedofilo” è una parola che ha un suo peso, e che sembra veramente difficile da inserire e decifrare in un contesto ludico e televisivo come quello di un reality, alla luce anche di tutti gli insulti e le bestemmie che in diverse occasioni sono state segnalate, messa al bando e punite. Mancini si sarà messo l’anima in pace, e chissà che i futuri concorrenti dei prossimi reality del bel paese non si sentano legittimati all’insulto libero.

Se nomination deve essere, che sia anche una nomination… colorita?



Articoli che potrebbero interessarti


Mediaset
Diritti d’autore: Vimeo e Dailymotion condannate a risarcire Mediaset


Emma Marrone
Emma Marrone, in concerto ad Ancona, respinge odio e offese – Video


Facebook
Mediaset vince la causa contro Facebook: «Violazione di copyright e diffamazione»


big-red-e gabibo
IL GABIBBO NON E’ UN PLAGIO DI BIG RED. DOPO QUASI 15 ANNI DI CONTENZIOSI, LO STABILISCE CASSAZIONE

7 Commenti dei lettori »

1. sonia_vampira ha scritto:

23 settembre 2009 alle 16:56

così daremo via al “biiiiiiiiiiip continuo”.. sti qua sn abelinati



2. Curiosity ha scritto:

23 settembre 2009 alle 17:30

Pedofilo è una brutta offesa.Ben oltre il solito vaffa, o str… o altro. E cmq………MA chi cacchio erano sti due? No perchè io ero uno dei pochi ad aver seguito sto reality, che vinse tale Milica, se non ricordo male. Aspettate, eccoli li ho trovati!!!
http://digilander.libero.it/survivorpagetostart/personaggi.html#D



3. giulia ha scritto:

23 settembre 2009 alle 17:34

Se l’insulto è autentico , ben venga! :) Io detesto i peace and love!



4. Peppe ha scritto:

23 settembre 2009 alle 17:36

Ragazzi però PEDOFILO è una parola che non andrebbe detta così, nemmeno per scherzo, dai!



5. GIEMMEGI ha scritto:

23 settembre 2009 alle 18:48

Allora fra poco potremmo avere anche il via libera per tirare giù tutti i Santi dal Paradiso, Padrone di casa compreso?



6. giulia ha scritto:

23 settembre 2009 alle 19:45

Giemmegi :
La bestemmia è sgradevole e deprecabile in qualsiasi contesto ma in televisione è più grave spacciare per vero il malore della Ripa Di Meana alla Fattoria…dell’ epiteto , sia pur blasfemo, di Ceccherini ( i toscani quell’ espressione la usano come un intercalare ).



[...] genialata così non si vedeva in tv dalla parodia degli spot Lidl by Gialappa’s: stessa rete ma la fucina creativa è quella de Le Iene, irresistibili più che mai con le loro provocazioni intelligenti e puntuali che trasformano l’attualità in un gioco dissacrante ma riflessivo al contempo. Ricordate la recente sentenza della Cassazione che legittimava indirettamente l’insulto libero all’interno dei reality, definiti come contesti naturali di frecciatine velenose incrociate? (per i particolari leggete qui). [...]



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.