16
ottobre

GLEE 5 – LACRIME DA QUARTERBACK

Glee 5 - The Quarterback

Capita spesso che i personaggi delle nostre serie preferite escano di scena, lasciando un vuoto incolmabile tanto nel plot della storia, quanto nei nostri cuori. E’ successo con Stephanie Forrester in Beautiful, con Ned Stark in Game of Thrones o con Mike Delfino in Desperate Housewives. Ma cosa succede quando quel personaggio abbandona non solo il set che l’ha reso celebre, ma anche il mondo reale, costringendoci a non vederlo mai più? Ebbene, “The Quarterback”, l’episodio tributo a Cory Monteith di Glee, risponde a questo interrogativo.

Glee 5 – la morte di Finn

Tutti (o quasi) i personaggi che hanno preso parte alle stagioni delle serie ritornano, ancora una volta, al McKinley per rendere omaggio al loro leader. Sono vestiti di nero, gli occhi sono lucidi, la voce spezzata, ma è chiaro che la loro missione è solo una: onorare la memoria del proprio compagno con la musica. Grazie alla maglia da gioco di Finn, vera testimone del dolore sfogato da ciascun compagno d’avventura, siamo in grado di entrare nella psiche dei suoi amici, di rievocare i ricordi delle passate stagioni e di scoprire in che modo il personaggio affronterà il dolore. Da Kurt che conserva la lampada barocca “da finocchio” che Finn non gradiva nella prima serie, a Puckerman che sradica l’alberello commemorativo piantato nel cortile della scuola da Sue Sylvester fino al Professor Schuester, colpevole di aver rubato la divisa da quarterback di Finn e di affogare, a fine puntata, il suo pianto su quel pezzo di stoffa.

La commozione c’è e si vede, ma è proprio quando pensiamo che sia tutta una recita che ci rendiamo conto che non vedremo più il sorriso sprezzante di Cory e, questo, i membri del cast lo sanno bene. Ecco perché ogni canzone, ogni lacrima, ogni dialogo ci emoziona fino a farci dimenticare il resto e a pensare a quanto Finn fosse importante per tutti. La scelta di non rivelare le cause della morte è coraggiosa, ma condivisibile, d’altronde aveva ragione Kurt quando afferma che “non importa come sia morto, l’importante è come ha vissuto”. Dopo i numerosi rumors di questi mesi, dai messaggi promozionali contro la droga e l’alcol alle canzoni scelte per ricordare Cory, possiamo dire che Ryan Murphy e la sua squadra ce l’hanno fatta: sono riusciti a congedare, nella maniera più dignitosa possibile, il loro collega, strappato troppo presto alla vita per via di una scelta sbagliata che, speriamo vivamente, i gleeks di tutto il mondo comprendano e non seguano mai.

L’episodio The Quaterback di Glee 5 andrà in onda in versione doppiata il prossimo martedì 22 ottobre alle 21 su Sky Uno.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Glee 5 - Tina
GLEE 5: DA STASERA SU SKYUNO FRA DEMI LOVATO E IL TRIBUTO A CORY MONTEITH (VIDEO)


Glee 5 - Cory Monteith non morirà per overdose
GLEE 5: FINN NON MORIRA’ PER OVERDOSE


Glee 5 - Lea Michele torna sul set
GLEE 5: LEA MICHELE TORNA SUL SET


Ryan Murphy con Lea Michele
GLEE 5, RYAN MURPHY: L’OMAGGIO A CORY NEL TERZO EPISODIO. ASSECONDATO IL VOLERE DI LEA MICHELE

2 Commenti dei lettori »

1. lu85 ha scritto:

16 ottobre 2013 alle 20:14

L’ho visto in inglese con i sottotitoli, ho pianto per 45 minuti. I ragazzi non stavano recitando e la solita Sue ha reso il tutto ancora più speciale. Struggente. :(



2. griser ha scritto:

17 ottobre 2013 alle 06:34

Non so quanto “non abbiano recitato” ma sicuro che il momento di Lea Michelle è stato struggente e sicuramente le sue lacrime erano vere



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.