11
settembre

LE TRE ROSE DI EVA 2: ATMOSFERE NOIR PER IL SECONDO CAPITOLO DELLA FICTION

Le Tre Rose di Eva 2

Anna Safroncik e Roberto Farnese

La prima puntata de Le Tre rose di Eva 2, trasmessa mercoledì scorso (e strareplicata) con successo, è stata interamente incentrata sul rapimento della piccola Eva, la figlia di Aurora (Anna Safroncik) e Alessandro (Roberto Farnesi), sparita, ritrovata e poi nuovamente portata via dalla rediviva Viola Camerana (Victoria Larchenko).

Le Tre rose di Eva 2 – stasera la seconda puntata

Quindi anche la seconda puntata, in onda questa sera su Canale 5 (qui le anticipazioni), calcherà le orme delle prima. Con l’aggiunta di un’aggravante che rende ancor più drammatica la fiction finora nota soprattutto per le sue passioni e i suoi misteri: prima di fuggire con la piccola, Viola ha sparato a bruciapelo un colpo di pistola ad Aurora, che adesso rischia la vita.

Le Tre Rose di Eva 2: atmosfere noir per un melodramma moderno

A colpire nell’esordio del secondo capitolo, ambientato sempre nell’immaginario paese di Villalba, sono proprio le atmosfere noir, o semplicemente troppo cupe, nelle quali lo spettatore è immerso fin dall’inizio, quando un flash forward mostra Aurora che vaga nella notte tra gli alberi, disperata, chiamando a gran voce Eva. Lo spettatore sarebbe portato a pensare che chiami la madre morta, ma poi il filo della storia viene riavvolto e torna a qualche giorno prima, dove si assiste alla velocissima (fortunata Aurora) nascita della piccola Eva.

La ricerca della neonata dispersa permette agli autori di mostrare tutti i vecchi personaggi nelle loro fragilità e nei loro leit motiv che non cambieranno mai: Edoardo (Luca Capuano) che si dà da fare per la nipotina solo per fare colpo su Aurora; sua madre Livia (Fiorenza Marchegiani) che la ritiene colpevole della sparizione della neonata, Elena (Licia Nunez) che, folle più che mai, non esce dalla sua camera dove finge di essere a sua volta incinta (la scena in cui torna a casa con le mani insanguinate sapeva più di pellicola splatter che di prima serata); Viola, naturalmente, che prima di sparare ad Aurora dice che pretende sua figlia perché i Monforte le devono da sempre un bambino (ne ha persi due in passato i cui padri erano due diversi maschi della famiglia).

Intorno a loro la setta più operosa che mai, Laura Sommariva (Elisabetta Pellini) che non se la sente di fare la lap dance per mantenersi ma è disposta a prostituirsi pur di aver un tetto sulla testa, Tessa (Giorgia Wurth) e Bruno (Francesco Arca) che si ritrovano, litigano e poi fanno l’amore tra le vigne (ma lei non gli rivela che è andata via l’anno prima perché ricattata dalla sua ex moglie che voleva portargli via la figlia). E soprattutto il ritorno di Amedeo Torre (Mario Cordova), che adesso abita a Pietrarossa con l’inquietante moglie Veronica (Euridice Axen) e che sembrerebbe essere il padre delle tre rose di Eva: Aurora, Tessa e Marzia (Karin Proia).

Insomma, un inizio denso. Pregno. Dove la storia non è andata avanti di molto ma le emozioni forti (anche troppo) spopolano. Bisogna vedere se nel seguito si riuscirà a mantenere così serrato il livello di angosciante tensione che al pubblico, naturalmente, è piaciuto.

#TeleRatti2013 Vota il peggio della Tv

CLICCA QUI

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Domenica In - Cristina e Benedetta Parodi
Domenica In: le Parodi convincono, Panatta e Lippi meno. La cronaca nera grande intrusa di un pomeriggio all’insegna della leggerezza


Filippo Bisciglia - Franco Califano
Tale e Quale Show: nella terza puntata trionfa Filippo Bisciglia nei panni di Califano


Bake Off Italia 2017- L'ospite Mauro Colagreco
Bake Off Italia 2017: ora i dolci si fanno con la spigola


Pechino Express 2017
Pechino Express 2017: l’uovo della verità

1 Commento dei lettori »

1. dumurin ha scritto:

11 settembre 2013 alle 14:20

Questa fiction promette sempre meglio. Non vedo l’ora di vedere che cosa succede questa sera!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.