31
luglio

PROCESSO MEDIASET: SENTENZA IN DIRETTA. VIRUS DIBATTE IN PRIME TIME, BRUNO VESPA PRONTO AL BIS

Silvio Berlusconi

Update. Ora è ufficiale: il giudizio di Cassazione sul processo Mediaset verrà emesso domani, 1 agosto 2013. Alle ore 12 si riunirà infatti la Camera di Consiglio e nel pomeriggio la Corte pronuncerà la sentenza di assoluzione o condanna. Il verdetto sarà trasmesso in diretta tv. “Uno strappo alla regola” ha commentato al riguardo Enrico Mentana, su La7, facendo notare come l’eco mediatica del processo abbia inciso sulla decisione di permettere alle telecamere di accedere all’Aula.

Oggi o domani. Il futuro di Silvio Berlusconi, e dunque della politica italiana, si deciderà tutto in un giorno. E’ atteso per le prossime ore il pronunciamento della sentenza definitiva riguardo al processo sui diritti tv Mediaset, che vede il Cavaliere tra gli imputati con l’accusa di frode fiscale. Ieri il Pg della Cassazione Antonio Mura ha chiesto di confermare la condanna a quattro anni di reclusione inflitta all’ex premier in Appello, mentre ha domandato di ridurre da cinque a tre anni l’eventuale interdizione dai pubblici uffici. Adesso l’ultima parola spetta alla Corte, e l’attesa mediatica cresce sempre più. Gli obiettivi delle telecamere, infatti, non vedono l’ora di riprendere in diretta il momento del giudizio finale: la scena madre di uno show unico al mondo, che dura ormai da vent’anni.

Al momento, sono ventiquattro le televisioni che hanno chiesto di trasmettere la lettura del dispositivo del verdetto, che dovrebbe avvenire entro domani. Motivi di ordine pubblico, tuttavia, potrebbero non consentire l’accesso dei giornalisti all’aula, nonostante la decisione favorevole espressa dal Presidente della Sezione Feriale, Antonio Esposito. Qualunque essa sia, la sentenza di Cassazione avrà una valenza storica e dalle ripercussioni politiche (nonostante Berlusconi abbia rassicurato tutti sulla tenuta del governo). Di questi argomenti, in particolare, si occuperanno gli approfondimenti d’attualità che – ormai da qualche giorno – hanno inaugurato il dibattito sull’esito del processo Mediaset.

Questa sera, a commentare il verdetto in prime time (sempre che il pronunciamento non slitti a domani) sarà Virus, il talk show di Rai2 condotto da Nicola Porro. A parlare del ventennale braccio di ferro tra il Cavaliere e la magistratura ci sarà un parterre d’eccezione, più nutrito del solito: interverranno, tra gli altri, Daniela Santanché, Giuliano Ferrara e Peter Gomez. La sondaggista di fiducia di Berlusconi, Alessandra Ghisleri, illustrerà gli effetti della sentenza sugli orientamenti elettorali. Intanto, sulla rete ammiraglia, Bruno Vespa scalda i motori e si appresta a fare il bis.

Dopo la puntata speciale di ieri, il giornalista si tiene pronto a tornare in onda con Porta a Porta qualora la fatidica sentenza arrivi proprio oggi. A confermarlo, è stato lo stesso direttore di Rai1 Giancarlo Leone, che su Twitter ha parlato di “doppia puntata“. Su La7, a partire dalle 16.50, Enrico Mentana racconterà e commenterà la fase finale dell’udienza della Cassazione.

Del resto, l’occasione è particolarmente ghiotta. Assolto o condannato: stavolta Silvio non ci scappa.



Articoli che potrebbero interessarti


Vittorio Sgarbi, Virus
BERLUSCONI STASERA A VIRUS. VITTORIO SGARBI ESTROMESSO PER PAR CONDICIO


berlusconi
BERLUSCONI VA AL PROCESSO (DI BISCARDI) ED E’ SUBITO SHOW. ORA SILVIO CAMBIA STRATEGIA: DRIBBLERA’ I GIUDICI A FAVORE DI TELECAMERA


Silvio Berlusconi, Che tempo che fa
Silvio Berlusconi, gaffe da Fabio Fazio: «Cinquestelle nostri alleati» – Video


Silvio Berlusconi e Maurizio Costanzo
L’Intervista con Silvio Berlusconi in prima serata

5 Commenti dei lettori »

1. pig ha scritto:

31 luglio 2013 alle 11:20

Ieri ho seguito il tg la 7 e Mentana ha dato appuntamento per uno speciale del tg a partire dalle 17



2. tonyrayce ha scritto:

31 luglio 2013 alle 12:05

Il nostro è un paese talmente malato e talmente finito che l’espression “oggi il destino di Berlusconi, e quindi della politica italiana, si deciderà”. Nelle democrazie normali, quelle sane, quelle che non stanno fallendo la politica del paese non è legata a un singolo politic. Il mondo è pieno di uomini politici che commettono reati, vengono processati senza piagnucolare come delle checchette senza clitoride, e giustamente e normalmente si dimettono con i partiti che seguono un nuovono leader. Invece in questo paese, in questa democrazia anormale, non sana e che sta fallendo…questo non accade e “il destino di Berlusconi, e quindi della politica italiana, si deciderà oggi.” Mamma mia…



3. tonyrayce ha scritto:

31 luglio 2013 alle 12:07

Ovviamente il messaggio manca di una parte. *E talmente finito che l’espressione “oggi il destino di Berlusconi, e quindi della politica italiana, si deciderà” è tranquillamente accettato e accettabile”. Un refuso del post.



4. Nina ha scritto:

31 luglio 2013 alle 13:04

Vero, non siamo un paese democratico. Ma la colpa di chi è?



5. Tonyrayce ha scritto:

31 luglio 2013 alle 13:29

Di Beppe Grillo o dei Comunisti. Dipende stamani quale comunicato stampa ha mandato Brunetta alle redazioni dei Tg.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.