20
giugno

UOMINI E DONNE SPAGNA: VALERIO PINO SI PROPONE PER UN TRONO GAY

Valerio Pino a Mujeres y Hombres y Viceversa

Se vi dicessimo che Valerio Pino si è candidato per essere il primo tronista gay della storia, probabimente pensereste alla puntuale bizzarra esternazione del ballerino sul mondo di Maria de Filippi. Le dichiarazioni, però, assumono consistenza visto il contesto in cui sono state pronunciate. La candidatura alla “poltrona rossa” avviene, infatti, nel corso di una puntata di Mujeres y hombres y viceversa, versione spagnola del nostro Uomini e Donne. Lo scorso martedì Valerio Pino si trovava negli studi iberici del dating show per sostenere Sven, suo amico “corteggiatore”.

Si parlava di omosessualità (con l’ “aplomb” che contraddistingue la declinazione spagnola del format, dai toni più accesi di quella italiana) e un’opinionista del pubblico ha chiesto a Valerio se tra lui e il suo amico ci fossero stati dei rapporti intimi. Da qui, l’ “illuminazione” per la conduttrice Emma García:

“Ne approfitto per fare una petizione: voglio un trono gay!“*

A quel punto Valerio Pino, prendendo la palla al balzo, senza esitazioni dichiara:

“Sarei lieto di essere il primo tronista gay di Mujeres y hombres y viceversa”*

Un desiderio che la conduttrice pare pronta ad esaudire (“il primo tronista ce l’abbiamo, dobbiamo cercare il secondo”) nel caso in cui, si intende, la sua richiesta venissa accettata. La palla ora passa, dunque, alla casa di produzione Magnolia e alla rete Telecinco. Quale sarà la loro decisione? Quel che è certo è che se trono gay deve essere, la Spagna – notoriamente più aperta sul tema (ha portato l’amore omosessuale anche a C’è posta per te con Tiziano Ferro), è il contesto più consono per introdurre tale variante nel format. Difficile però che Valerio Pino possa diventare il primo tronista gay: chissà che prima o poi anche oltre i Pirenei arrivino gli echi dei rapporti non idilliaci tra l’ex ballerino di Amici e Fascino.

PS. Nel frattempo la tronista che corteggiava l’amico di Pino nella puntata di ieri ha abbandonato il programma con Fede, aitante ragazzo italiano che vive in Spagna.

*traduzione estemporanea non legalmente vincolante.



Articoli che potrebbero interessarti


Uomini e Donne Spagna coppia gay
UOMINI E DONNE IN SPAGNA: UNA COPPIA GAY “INFILTRATA” IN UN TRONO ROSA


Alex Migliorini piange con la sua famiglia
Uomini e Donne 2017/2018: Alex Migliorini è il tronista gay


UED-scelta-claudio-sona-
UOMINI E DONNE: LA SCELTA DI CLAUDIO E’…


Mario e Claudio esterna
UOMINI E DONNE: ARRIVA IL PRIMO BACIO GAY

4 Commenti dei lettori »

1. Marco89 ha scritto:

20 giugno 2013 alle 17:57

L’ idea sarebbe una bomba assoluta, una forma autentica d’ innovazione, almeno per quanto riguardo questo tipo di tv, che però ha molta influenza, soprattutto sui giovani. In Italia pure secondo me potrebbe, soprattutto per curiosità, raggiungere picchi di auditel notevoli, ma c’ è da scordarselo, solo pensando alle critiche varie delle associazioni che si muoverebbero.
In ogni caso, l’ idea è vincente ma il tronista meglio cambiarlo…capisco che il nome sia di peso, anche se per vicende non sempre simpatiche, ma poveri corteggiatori, il mio pensiero va a loro. Hanno un modo per potersi conoscere liberamente, mettere un tipo un pò meno eccentrico, no?



2. Mattia Buonocore ha scritto:

20 giugno 2013 alle 18:01

Mi immagino le reazioni di Moige e Aiart in Italia ! Cmq credo che farebbe il botto all’inizio ma poi andrebbe a calare, oltrettutto la “trasgressione” non ha mai portato fortuna a Uomini e Donne che ha fatto fatica con “troniste emancipate”, figurarsi con gay. Una storia gay a C’è posta invece sarebbe da inserire



3. shiver ha scritto:

21 giugno 2013 alle 02:08

io lessi che ci fu un uomini e donne gay con un altro nome progettato da una tv napoletana, quindi non è proprio una novità. In ogni caso vabbè a me proprio il programma non piace



4. elodie ha scritto:

21 giugno 2013 alle 13:30

Marco e Mattia: ci sarebbero reazioni non solo dalle associazioni che avete citato ma anche dalla politica (da una certa parte politica). Proprio alcuni giorni fa, il consigliere PDL di Milano Francesco Migliarese ha presentato la sua “mozione urgente per la tutela dei bambini, per la promozione della famiglia e contro la diffusione dell’ideologia gay”…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.