17
aprile

FABRI FIBRA SULL’ESCLUSIONE DAL CONCERTONE: MI SEMBRAVA STRANO. IL PRIMO MAGGIO E’ ANCORA SOGGETTO A CERTI SCHEMI

Fabri Fibra

La replica via social, come promesso, è arrivata. Proprio mentre vi rendevamo conto dell’esclusione di Fabri Fibra dal Concertone del Primo Maggio, il rapper rilasciava sulla propria pagina ufficiale di Facebook le personali considerazioni sulla vicenda, “ironizzando” su un’espulsione che non l’ha più di tanto sorpreso. O almeno non quanto l’iniziale invito di salire sul palco in Piazza San Giovanni:

“[...] nemmeno quest’anno sarò su quel palco – scrive Fabri FibraMi sembrava strano. In effetti, l’invito entusiasta da parte di Marco Godano (storico organizzatore dell’evento, ndDM) mi aveva sorpreso, era una bella novità”.

E aggiunge polemico:

“[...] non sono gli organizzatori che decidono chi suona in piazza. Nei miei testi forse non tutti ci leggono l’impegno politico o sociale necessario per eventi del genere. Nel 2013, per alcuni, il rap e i suoi meccanismi artistici sono ancora da interpretare e da capire fino in fondo. Qualcuno voleva che io suonassi e qualcuno no. Nonostante il tentativo, non si fa nulla. Il Primo Maggio è ancora soggetto a certi schemi che in altri circuiti live non ci sono o comunque non ci sono più”.

Chissà se gli schemi di cui parla Fabri Fibra sono gli stessi accusati da Anna Oxa pochi mesi fa, quando contestò duramente il Festival di Sanremo targato Fabio Fazio, definendolo un sottoprodotto del Primo Maggio. Nessun accenno, invece, all’accusa precisa rivoltagli dall’associazione D.i.re (Donne in rete contro la violenza), che nei suoi testi non sembra aver colto l’impegno politico o sociale di cui parla, bensì messaggi omofobi, sessisti e misogini.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


fabri fibra
CONCERTO 1 MAGGIO 2013: FABRI FIBRA ESPULSO


Corinne Clery
Pagelle TV della settimana (16-22/10/2017). Promossa Veronica Pivetti. Bocciati Corinne Clery e Fabri Fibra


Ermal Meta - Wind Summer Festival 2017
Wind Summer Festival 2017: ecco chi ha vinto


Michele Riondino a Taranto
CONCERTO DEL PRIMO MAGGIO 2013: TARANTO RISPONDE CON RAF E MANNOIA

2 Commenti dei lettori »

1. marco.p3 ha scritto:

17 aprile 2013 alle 16:12

Il problema non è il rap, il problema è il modo in cui lui fa rap.
Si è venduto alle logiche della discografia con canzoncine che non dicono nulla. Il rap è da sempre denuncia, non per forza sociale, ma anche dei sentimenti. Lui invece insulta gente a casaccio e parla solo di fi*a e argomenti simili.
Altro che Primo Maggio, manco alla sagra della porchetta lo prenderei.



2. Andrew ha scritto:

17 aprile 2013 alle 19:06

Marco quello che dici è valido praticamente per il 99,99 % dei cantanti! E’ ovvio che tutti sono mossi dalle case discografiche! Loro impongono e il cantante vede di accontentarli!
Certo, se ci si ferma a “Tranne Te” è ovvio che pare che Fabri Fibra faccia solo canzoncine stupide, ma in altre canzoni ci sono anche temi diversi dal rap futuristico a b…!
Tra l’altro, molte canzoni, ascoltandole distrattamente pare abbiano testi macabri ed offensivi! Riascoltandoli con attenzione e nel complesso, il discorso cambia portando significati diversi! Che poi possano piacere o meno è un altro discorso! Ma non mi si venga a dire che abbia più forza sociale i Modà con le canzoni portate a Sanremo sulla crisi che altri cantanti!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.