15
febbraio

SANREMO 2013: EMMA DUETTA CON ANNALISA ALL’ARISTON. LITTIZZETTO: INDEMONIATE!

Sanremo 2013 - Emma Marrone e Annalisa Scarrone

Sanremo 2013 - Emma Marrone e Annalisa Scarrone

In una gara tra chi si è vestita e pettinata peggio (ma ci dirà meglio il più esperto Enzo Miccio nelle sue quotidiane pagelle su DM), nella quarta serata del Festival di Sanremo 2013 è arrivato presto il momento dell’atteso duetto di Annalisa con la vincitrice in carica Emma Marrone. I fans non hanno dovuto aspettare molto: alle 21.25, infatti, le due hanno guadagnato la scena al Teatro Ariston.

Sulle note di “Per Elisa“, brano che ha trionfato nel Sanremo 1981 grazie alla voce di Alice, le due hanno infuocato la serata, con l’immancabile grinta della salentina che ha trascinato anche la più timida Nali. Sembravate indemoniate, porca miseria è stato il commento di una “spaventata” Luciana Littizzetto al termine della performance. Le due, che ai tempi della canzone non erano ancora nate, spiegano in poche parole il perché del brano scelto:

“Per Elisa ha fatto la storia, non è stata una scelta strana” ammette velocemente Annalisa, che sembra voler risparmiare voce e parole per la finale di domani.

La Littizzetto, però, è rimasta ancora colpita dalla grinta di Emma: Chissà quando ti incazzi…. Fazio la stoppa, la cantante invece sorride. Il duetto, alla fine di tutto, può considerarsi ampiamente riuscito; le due hanno saputo “rianimare” un brano datato (neanche tanto) ma mai dimenticato. E alla fine la Littizzetto offre loro un bicchiere d’acqua!



Articoli che potrebbero interessarti


emma
SANREMO 2013: EMMA TORNA ALL’ARISTON CON ANNALISA PER ELISA!


Annalisa Scarrone - Sanremo 2013
SANREMO LIVE24: 16 FEBBRAIO 2013. EMMA E ANNALISA… PRIMA DEL DUETTO!


chiara galiazzo
SANREMO 2013: MENO MALE CHE IL TALENT C’E’


marco mengoni
FESTIVAL DI SANREMO 2013: SI AI TALENT (MA CON TALENTO). LA SPUNTANO ANNALISA, CHIARA E MENGONI

16 Commenti dei lettori »

1. matteo quaglia ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 22:04

bellissimo duetto



2. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 22:15

emma un pò era stizzita



3. Giovanni ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 22:38

Raramente mi è capitato di sentire e vedere qualcosa di così agghiacciante, questa canzone l’hanno letteralmente stuprata!



4. Markos ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 22:48

Mi è piaciuto molto il duetto, brave entrambe!



5. daniele ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 23:04

Sono state molte brave e non penso proprio che come alcune persone dicevano Emma oscurava Annalisa, anzi Annalisa stava per oscurare lei con la voce !! Verso la fine del pezzo ha fatto un super acuto che Emma non è stata capace di fare. Insieme sono state molto brave! Hanno saputo interpretare un brano bellissimo!



6. carlo ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 23:06

Duetto terribile!!! Conciate male con look e capelli pessimi e interpretazione scadente….canzone rovinata



7. Kiara ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 23:17

Insieme erano amalgamate, in perfetta armonia e sintonia. Nessuno sovrastava nessuno, perchè così funzionano i duetti o non sarebbero male. Alcuni fans (fanatici) si impongono con ‘no ma tu l’hai sovrastata’ etc etc etc…senza rendersi conto che dire così significa ammettere che il duetto non è stato fatto assolutamente bene. Hanno assimilato il brano, l’hanno elaborato e restituito ad un epoca distante, ma sempre attuale (per il significato del testo). Io ho amato anche il look che richiama ad una maschia Alice (nell’interpretazione vocale e nel look). Alice è una donna forte ma ancora ferita che camuffa una malcelata gelosia. Una messa in guardia ben riuscita.



8. Kiara ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 23:18

*non sarebbero tali volevo dire. (commento num. 7)



9. osservatore ha scritto:

15 febbraio 2013 alle 23:43

Hanno violentato una bella canzone…
Ma che davero?



10. Manu ha scritto:

16 febbraio 2013 alle 00:09

Non diciamo cavolate, il duetto è stato bellissimo. Nonostante a me Annalisa non mi fa emozionare la trovo una brava cantante e Emma, vabbè, è fantastica, riesce a fare sua ogni canzone e a coinvolgere tutti, insieme sono state fantastiche.



11. iki ha scritto:

16 febbraio 2013 alle 01:51

Per quanto non mi piaccia Emma e apprezzi invece Annalisa devo dire che il duetto è stato davvero bello e la canzone non è stata distrutta
Ottimo ed emozionante anche Mengoni con la canzone di Tenco
Chi ha rovinato invece un capolavoro è stato Gualazzi che secondo me tra l’altro viene troppo sopravvalutato



12. giglio ha scritto:

16 febbraio 2013 alle 07:15

Duetto pessimo roba da sagra Annalisa da sola l’avrebbe fatta meglio



13. amazing1972 ha scritto:

16 febbraio 2013 alle 09:52

annalisa da sola poteva farla bene,ma da tradizione,bisogna duettare con altri di amici,per ricordare al pubblico televotante che il concorrente sanremese è “della famiglia” e va sostenuto. poi maria si lamenta che i suoi non vengono considerati come si deve.
canzone sopraffine,che parla di dipendenza dalla droga,ridotta a una sagra di paese,con emma caciarona più che mai



14. manu.s ha scritto:

16 febbraio 2013 alle 10:15

Il migliore in assoluto ieri sera è stato Mengoni che ha reso la canzone di Tenco ancora più bella.
Gli altri cantanti non hanno dato nulla in più…



15. Kiara ha scritto:

16 febbraio 2013 alle 11:08

Non diciamo corbellerie. LA CANZONE PER ELISA NON PARLA ASSOLUTAMENTE DI DROGA. È UNA LEGGENDA METROPOLITANA, SMENTITA SEMPRE DALLA STESSA ALICE.

Da wikipedia con tanto di fonti di interviste ad Alice, dove spiega che semplicemente ha ricevuto dopo Sanremo anche lettere di ragazzi tossicodipendenti che interpretavano la canzone in quell’ottica e lei dice ‘anche se la canzone parla di altro, sono contenta che ognuno la legga a modo suo e possa aiutare qualcuno’.

“Elisa è un personaggio simbolico, una donna, dipinta con i tratti di una amante che ha portato via il compagno ad un’altra, che le serba rancore e invidia: il testo ruota su come Elisa sia riuscita a plagiare l’uomo facendogli fare qualsiasi cosa: “e poi non è nemmeno bella!” aggiunge con malcelata gelosia la protagonista che mette in guardia l’uomo dalle grinfie di Elisa, che gli ha “preso anche la dignità”.

“È molto diffusa un’interpretazione che vuole Elisa come un simbolo dell’eroina e la canzone una riflessione sulla tossicodipendenza[2], tuttavia la stessa Alice ha dichiarato che la canzone venne scritta pensando a una donna, non a un simbolo di qualcos’altro[3].”

http://it.wikipedia.org/wiki/Per_Elisa_%28Alice%29

Sono sicura invece che se fosse stata scritta in questi giorni, molti ci avrebbero rivisto semmai tematiche come l’anoressia; dipende dal contesto in quel periodo c’era l’allarme sociale della tossicodipendenza ed alcune frasi scritte in senso ambiguo (che non parevano conciliarsi con la figura di una donna), hanno fatto quell’effetto. Non cerchiamo per forza un significato particolare, solo perchè sappiamo chi l’ha scritta insieme ad Alice.

Io temevo che molti, in questo periodo, avrebbero associato questa interpretazione…per il testo in questo preciso momento a Belen. Meno male questa cosa è passata sotto silenzio o quasi. Ho visto solo un commento nella pagina di Annalisa con su scritto ‘Secondo me Emma l’ha dedicata a Belen’.



16. linda ha scritto:

17 febbraio 2013 alle 03:36

duetto osceno pessimo…..non amo la vocalita’ di annalisa non e’ il mio genere,ma le riconosco talento e grazia……..avrebbe dovuto cantarla da sola,la sua ospite oltre ad essere grezza e volgare urla e non canta…..le note alte vanno prese non gridate…..ma pur di convincerci che e’ brava lei e l’altra salentina piagnona e altrettanto urlatrice maria ce le piazza ovunque…..ma chi si intende di musica e non ha venduto la propria dignita’ alla signora della tv e fa informazione avrebbe anzi ha il dovere di non prendere per i fondelli i lettori e il pubblico televisivo….emma non sa cantare….e annalisa si



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.