30
dicembre

FICTION RAI: IL DIRETTORE ANDREATTA PUNTA TUTTO SULL’ATTUALITÀ E IL SOCIALE

Pulseras Rojas

Eleonora Andreatta, detta Tinni, classe 1964, da quattro mesi direttore di RaiFiction, sembra voler fare le cose sul serio. A capo di una struttura strategica della tv di Stato, in grado di muovere ogni anno qualcosa come 180 milioni di euro di budget, la neo-direttrice ha, infatti, voluto prendere sin da subito le distanze dai suoi predecessori, proponendo nuove strategie lavorative in grado di migliorare e diversificare la sin troppo stantia offerta della fiction Rai.

Lo scorso mese di novembre la Andreatta ha presentato il nuovo piano di produzione per il 2013, trovando l’immediato consenso positivo del Consiglio di Amministrazione. A differenza del passato dunque, il nuovo anno si aprirà con il Piano della Fiction già approvato, consentendo così di avviare subito i nuovi progetti in un rapporto più mirato e disteso con le società di produzione esterne, con gli autori e gli interpreti.

Nel prossimo anno la fiction della Rai crescerà sia in volume grazie al 20% di serate in più per Rai1 (si passerà da 99 a 120 prime time), ma anche in tipologie di racconto, per via della riapertura di una linea di prodotto destinata esclusivamente a Rai2. Convinta sempre più nella capacità della fiction di raccontare il nostro Paese, la Andreatta punterà su temi, storie e linguaggi molteplici e differenziati, ma con una comune linea di fondo: la narrazione della contemporaneità e la rappresentazione della nostra società. 

Tra i progetti in lavorazione, che ricordiamo dovranno essere girati in Italia, in maniera tale da favorire le maestranze e il territorio nostrano, spicca Braccialetti Rossi, trasposizione italiana della serie catalana Pulseras Rojas, incentrata sulla vita di alcuni bambini e ragazzi ricoverati in un ospedale pediatrico. Nel piano di produzione intento a proporre una fotografia sempre più reale dell’Italia, troverà spazio anche la mini serie L’oro di Scampia, con protagonista Beppe Fiorello nei panni di Gianni Maddaloni, un maestro di judo che porta il figlio alle Olimpiadi di Sidney e spende la sua vita nel tenere lontani i ragazzi dalla cattiva strada.

Kim Rossi Stuart, al suo debutto in una produzione Rai, sarà invece il protagonista di Romanzo di un Commissario, serie ambientata nella Sicilia degli anni 80 fortemente segnata dalla Mafia. Tra le novità presentate anche la serie Un’altra vita, un grande melodramma femminile e familiare sul riscatto di una madre e tre figlie, che porta la firma di Ivan Cotroneo, Stefano Bises e Monica Rametta (sceneggiatori di Tutti Pazzi per Amore e Una Grande Famiglia.). Gigi Proietti vestirà invece i panni di un giornalista di nera in quattro nuovi tv movie, mentre Virna Lisi sarà la protagonista della serie Il Signore sia con te.

Gli immancabili biopic in due puntate ripercorrano la vita di figure importanti come quella di Giorgio Ambrosoli, commissario liquidatore del Banco Ambrosiano morto ammazzato per la sua lealtà nei confronti dello Stato, quella di Don Diana, prete degli scout ucciso dalla camorra, ed ancora dell’indimenticato Maestro Manzi, simbolo del servizio pubblico che contribuì non poco a far uscire l’Italia dall’analfabetismo con la sua trasmissione televisiva Non è mai troppo tardi.

Il dramma della tossicodipendenza sarà ancora una volta al centro della seconda stagione di Caccia al Re – La Narcotici, mentre il mondo della scuola verrà raccontato con ironia da Luciana Littizzetto nella nuova stagione di Fuoriclasse.



Articoli che potrebbero interessarti


braccialetti rossi 2
BRACCIALETTI ROSSI NOMINATO AGLI INTERNATIONAL EMMY KIDS AWARDS


Tinny Andreatta
TINNY ANDREATTA (DIR. RAI FICTION): I RAGAZZI HANNO RITROVATO LA GENERALISTA GRAZIE ALLA RAI. IN ARRIVO L’EREDE DI TUTTI PAZZI PER AMORE, PIF E ARCHIBUGI


Juventus-Real Madrid è la serata tv più vista della stagione
Ascolti TV, i più visti della stagione 2016/2017: Juventus, Sanremo e Montalbano senza rivali


Fedez e Rocio Munoz Morales
FICTION RAI: NUOVI TITOLI SUL SET E IN LAVORAZIONE

11 Commenti dei lettori »

1. Marco MDNA ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 17:15

Oggi si é spenta una grande donna:Rita Levi Montalcini,all’età di 103 anni ci ha lasciato per sempre



2. thedarknight ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 17:45

Vogliamo “Raccontami 3″…una fiction bella e di successo…



3. lele ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 19:39

finalmente una stretta alle fiction storiche e di costume

@thedarknight
magari ma oramai è troppo tardi. Rimarrà ad ammuffire negli archivi della Rai.



4. dumurin ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 20:19

Quindi niente più fiction storiche e in costume? la Rai tradisce il suo pubblico, farà la fine di Mediaset nel 2011. Non si può tradire il proprio pubblico. Non mi piace il fatto che non verranno più realizzate fiction in costume e fiction storiche e sembra proprio che ci abbiano messo una pietra sopra visto che non sono stati annunciati titoli in merito.
Non dico di realizzare solo fiction in costume e fiction storiche ma comunque qualcuna ci dev’essere, su 120 serate assurdo che non ce ne siano. In questo modo la Rai tradisce il suo pubblico più fedele. Le grandi biografie storiche ad esempio sono sempre state il successo della Rai, idem fiction in costume ben fatte.
Assurdo che sono state cancellate le fiction su Evita Peron, Malombra (in entrambe doveva esserci Gabriella Pession per protagonista principale), Eleonora d’Arborea e Le Memorie di Adriano.
Da quanto sembra la Rai farà la fine di Mediaset nel 2011, quando non gliene andava bene una che fosse una di fiction.
Dal 2012 quando Mediaset ha ripreso il suo pubblico i risultati si sono visti: L’onore e il rispetto 3, Squadra antimafia 4, Le Tre Rose di Eva, Il Tredicesimo Apostolo ecc: sono andati tutti bene perchè è quello che vuole il pubblico di Mediaset.
Il pubblico della Rai vuole sì fiction moderne ma anche fiction storiche. Da quanto ho letto in giro per il web sono in tanti a ritenere le prossime fiction Rai fin troppo femminili, ad eccezione di quella con Kim Rossi Stuart.
Ma poi che fine ha fatto la fiction “La Quarta Dimensione”, che dovrebbe essere prodotta dalla Palomar (la stessa casa di produzione dell’Isola) e diretta da Dario Argento? Era un progetto molto interessante e azzardato per la Rai, che dimostrava che la Rai iniziava a osare di più… che fine ha fatto? Spero che non l’abbiano cancellata.
Spero ancora che la Rai ci ripensi, sarebbe meglio per lei.



5. kalinda ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 21:21

si può raccontare la realtà parlando anche di vampiri, vedi True Blood……



6. matteo quaglia ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 21:46

la rai tradisce il suo pubblico?? non esageriamo per cortesia tantissime fiction sono andate bene pur non essendo in costume



7. Silvia ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 21:47

Sicuri che abbiano cancellato fiction su personaggi storici? perchè penso sia un diverso genere dalle fiction in costume, per costume penso intendano il genere Terra Ribelle

poi molte fiction sui personaggi storici sono prodotte in collaborazione con Lux non penso la RAI voglia perdere questa partnership

Inizieranno a girare Romeo e Giulietta della Lux nei primi mesi dell’anno per RAI Uno



8. Salvatore Cau ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 22:02

Rimarranno anche le fiction storiche e in costume, sicuramente in misura minore rispetto al passato.



9. fabio ha scritto:

30 dicembre 2012 alle 22:43

Potrebbe fare una fiction in due o più puntate sulla vita e sulla grande persona e donna qual era Rita Levi Montalcini.



10. dumurin ha scritto:

3 gennaio 2013 alle 20:08

@Silvia, Romeo e Giulietta è prodotta dalla Lux Vide per Mediaset non per la Rai.
@Salvatore Cau, sei sicuro? La Andreatta ha detto chiaramente che non vuole più fiction storiche e in costume, quindi intende entrambi i generi sia il feuilleton in costume sia la fiction sui personaggi storici. Io spero che tu abbia ragione. A me come genere piace, sia il feuilleton in costume, sia la biografia storica, e come me moltissima altra gente.
@Matteo Quaglia, non ho mai detto che non sono andate bene le fiction moderne, però ho detto che eliminando le fiction storiche e in costume la Rai tradisce il suo pubblico. La Rai ha un certo tipo di pubblico, è andata bene anche con le fiction in costume non solo con quelle moderne e cancellarle significa rinnegare quello che ha fatto finora. Tanti hanno sputato veleno sulla direzione di DelNoce ma non mi sembra che abbia fatto così tanti danni considerato che le fiction hanno sempre avuto un buonissimo riscontro da parte del pubblico.



11. Salvatore Cau ha scritto:

3 gennaio 2013 alle 23:17

@Dumurium

Per il momento consolati con Rossella2 e la miniserie Altri tempi, in onda entrambe nei prossimi mesi.

Poi arriverà Anna Karenina…



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.