14
novembre

PAOLO BONOLIS ACCUSA CHI FA LA TV DEL DOLORE: “SEMBRA CHE I CONDUTTORI SIANO I MANDANTI”. ANCORA IN FORSE CIAO DARWIN

Paolo Bonolis

Si può essere vincenti senza vincere? Paolo Bonolis lo è. La sfida del preserale tra Rai 1 e Canale 5 è ancora saldamente in mano a Carlo Conti con L’Eredità, ma Avanti un altro ormai tallona costantemente da settimane la concorrenza, piazzandosi di diritto tra i successi televisivi della stagione in corso. Una sfida, ci tiene a precisare il conduttore romano, vinta insieme all’azienda, quasi a voler mettere a tacere le voci che lo vogliono da “sempre” non in sintonia con la tv del Biscione. In realtà, è la cosiddetta tv del dolore che lo urta maggiormente, Rai o Mediaset che sia:

Mi inquieta, sembra quasi che i conduttori siano i mandanti - accusa Bonolis in un’intervista al settimanale Chi - Ormai è tutto in vendita: la morte, il dolore”.

Alcuni diranno: ma a parlare è lo stesso che anni fa a Domenica In intervistò il serial killer Donato Bilancia? Paolo mette subito i “paletti” sulla questione, rimarcando la differenza tra il suo fare tv e quello di alcuni suoi colleghi:

“Si, ma non volevo approfondire i lati più morbosi dei suoi delitti, volevo capire in quale momento il lato oscuro di Bilancia fosse diventato dominante. E Ricci cercò di screditare quello che abbiamo fatto perché Striscia aveva problemi con il mio Affari Tuoi”.

Malumori a parte (pare superati) con il patron del tg satirico, Paolo Bonolis apre ad altri progetti con Mediaset, diventata ormai la tv dove riesce ad esprimersi meglio (fatta eccezione per Il Senso della Vita, per sua stessa ammissione poco affine alla prima serata di Canale 5). Non del tutto scartata l’ipotesi di una nuova edizione di Ciao Darwin (“Non è detto, Mediaset sta ancora decidendo. I costi del programma potrebbero essere proibitivi” dice), mentre avanza la possibilità di realizzare il sogno di essere un documentarista:

“Certo, mi piacerebbe fare documentari e forse fra un po’ li farò: sto trovando la strada giusta per poterli fare. E Mediaset sta per darmi retta“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


paolobonolis_g
IPSE DIXIT, LE ULTIME PAROLE FAMOSE: PAOLO BONOLIS TORNA A MEDIASET PER PROVARE QUALCOSA DI NUOVO, MA IL BISCIONE LO “INCASTRA” CON I SOLITI PROGRAMMI


Palinsesti Canale5 Primavera 2010 (Maria De Filippi)
CANALE 5, PRIMAVERA 2010: SUI PALINSESTI INCOMBE LA CRISI (ECONOMICA E CREATIVA).


bonolis conferenza stampa
Paolo Bonolis rinnova con Mediaset. Ecco cosa farà nei prossimi due anni


paolo bonolis
PAOLO BONOLIS: SE MEDIASET MI CHIEDE DI RIFARE SOLO CIAO DARWIN E AVANTI UN ALTRO, VADO IN RAI

19 Commenti dei lettori »

1. osservatore ha scritto:

14 novembre 2012 alle 12:26

pure ciao darwin in forse per i costi elevati. andrebbe analizzato il rendiconto trimestrale in rosso di mediaset di ieri per capire il futuro dell’azienda – chissà se ci saranno gli arabi all’orizzonte-
oggi in borsa perde il 5% il titolo ed il futuro è fatto di tagli



2. ANGELO ha scritto:

14 novembre 2012 alle 12:29

Peccato! Lo avrei visto bene ancora in RAI ;-(



3. amazing1972 ha scritto:

14 novembre 2012 alle 12:31

ce l’ha con la d’urso mi sa!



4. Nina ha scritto:

14 novembre 2012 alle 12:36

Ha perfettamente ragione, ricordo la polemica su Bilancia che trovai molto pretestuosa.



5. amazing1972 ha scritto:

14 novembre 2012 alle 13:04

la cosa che mediaset gli faccia fare documentari la ritengo la solita mossa “il bastone e la carota”. gli fanno fare cose come ciao darwin e peter pan per un paio d’anni,dicendo che poi lo accontenteranno,ma poi ciccia. il senso della vita solo a fine contratto glielo hanno fatto fare,per paura che non rinnovasse



6. MisterGrr ha scritto:

14 novembre 2012 alle 13:05

Ha ragione, fine.

Spero facciano Ciao Darwin, decisamente. Il TOP.



7. Federico ha scritto:

14 novembre 2012 alle 13:09

#3
mi sa che nn dormite la notte c’è solo la d’urso vabbè



8. matteo quaglia ha scritto:

14 novembre 2012 alle 13:36

se mediaset e’ in rosso di certo la rai non e’ che navighi nell’ oro….



9. matteo quaglia ha scritto:

14 novembre 2012 alle 13:38

amazing ma per favore , che e’ solo la d’urso che fa cronaca nera , e la vita in diretta?? e la cuccarini?? e dai suvvia ora non mettiamola sempre in mezzo in ogni dove come se fosse il male del mondo



10. libus ha scritto:

14 novembre 2012 alle 13:47

Il senso della vita ce lo vedrei bene in Rai, magari su rai3 o perché no anche su rai1



11. matteo quaglia ha scritto:

14 novembre 2012 alle 14:27

comunque bisogna ricordare che c’e’ anche l’altra faccia della medaglia , i vari programmi rai e mediaset e via dicendo trattano cosi tanto la cronaca nera perche’ ha un grande seguito tra il pubblico



12. ciak ha scritto:

14 novembre 2012 alle 14:34

ha ragione bonolis…
è vero che c’è possibilità di scelta visti i tantissimi canali esistenti.
ma ora basta…dopotutto non penso che parlare di nera in modo ossessivo come stò facendo la tv in questo periodo sia tuela del diritto di cronaca…
ma a chi importa cosa pensa ad esempio un luca giurato di turno sullpevento giallo???
lascerei in vita solo CHI L’HA VISTO su questi temi..



13. matteo quaglia ha scritto:

14 novembre 2012 alle 15:31

ora pero’ mi viene in mente un altra riflessione , che di cronaca non bisogna fare l’errore inverso di lasciarne anche troppo poca , mi riferisco ad esempoio alle persone che scompaiono , non puoi lasciare solo chi l’ha visto ottimo programma che pero’ va in onda una volta a settimana , i famigliari devono avere la possibilita’ di lanciare appelli parlare di quello che stanno vivendo in qualsiasi trasmissione in cui e’ possibile farlo perche’ puo’ aiutare a risolverne il mistero sia che si concluda bene o che si concluda , purtroppo , tragicamente



14. fabio ha scritto:

14 novembre 2012 alle 15:48

I conti pubblicitari di mediaset sono in calo sensibile, con perdite non indifferenti, la prima volta nella storia in cui il Biscione e’ in perdita ( potete vedere il sole24 ore di oggi) e i suoi conti in rosso. E’ previsto un periodo di tagli per i prossimi tre anni, quindi dubito ci possano essere soldi da investire per ciao Darwin ex novo. Bonolis invece per semplici documentari lo vedrei bene a fare buona domenica, aumenterebbe gli ascolti pomeridiani, ma per mancanza di soldi e’ un’ipotesi impossibile. La via di salvezza? Vendere come appare probabile un 25% alla tv araba per poi poter investire i soldi in……nuovi programmi? Eh no! Per il Milan o meglio per lo stadio, il ristorante e lo store Adidas (se non sbaglio), c’è già disegnato il progetto e descritto anche su Italiaoggi.



15. fabio ha scritto:

14 novembre 2012 alle 16:06

Bonolis e’ un fuoriclasse e vederlo impegnato solo in un preserale per tutta la stagione e’, come dire, riduttivo. Ad esempio non poteva farlo lui the winner is? O lo show dei record?



16. Gah! ha scritto:

14 novembre 2012 alle 19:07

Speriamo che non rifacciano “Ciao Darwin”,e’ un macina ascolti incredibile(solo il “Ciak si canta!” di Pupo ed Emanuele Filiberto riuscì a tenergli testa).



17. Valerio ha scritto:

14 novembre 2012 alle 22:48

. matteo quaglia ha scritto:

14 novembre 2012 alle 13:36

«se mediaset e’ in rosso di certo la rai non e’ che navighi nell’ oro…»

Sì, ma quella di ieri pubblicata in prima dal giornale non certo ostile a Berlusconi Milano Finanza (edito da Class Editori…) sul «primo rosso» nella storia di Mediaset era la notizia, non la Rai. Non facciamo sempre benaltrismo per distogliere il punto dalla notizia e sostenere che «mal comune…».

Da notare come Chi da anni svolga puntualmente, nell’assetto dei periodici del gruppo berlusconiano il ruolo di house organ ufficiale delle comunicazioni legate agli interessi politici (come quando pubblicò il finto scoop sul «fidanzato» di Noemi Letizia, patacca smascherata da Repubblica) e aziendali dell’ex premier. Esce qualche dichiarazione non tenere di Paolo Bonolis sul Berlusconi politico? Subito dal settimanale di gossip chiedono l’intervista all’interessato per allontanare le voci che queste critiche politiche possano influire il rapporto di Bonolis con Mediaset. Da tempo Chi ha smesso di essere un giornale di gossip come un altro. Buona parte dei servizi hanno sempre un secondo fine malcelato dagli stessi che confezionano questi servizi.
Sicuramente questa intervista Bonolis non avrebbe mai potuto rifiutarla anche perché non si può permettere di non dare buoni segnali agli inserzionisti pubblicitari del Biscione.



18. Valerio ha scritto:

14 novembre 2012 alle 22:52

Errata corrige:

qualche dichiarazione non tenera…
possano influire sul rapporto…
buona parte dei servizi ha…



19. Valerio ha scritto:

14 novembre 2012 alle 22:56

@ Fabio: sei milanista?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.