2
novembre

GAME CHANGE: SU RAI3 IL RITRATTO NON AUTORIZZATO DI SARAH PALIN

Game Change

A pochi giorni dalle elezioni presidenziali americane, che vedranno sfidarsi il candidato democratico Barack Obama e quello repubblicano Mitt Romney, Rai3 fa un passo indietro nella storia recente per raccontare l’ascesa e la caduta di una delle donne politiche più discusse degli Stati Uniti: Sarah Palin. Il ritratto dell’ex governatrice dello Stato dell’Alaska, diventata la vice McCain nella corsa alla Casa Bianca del 2008, verrà tracciato stasera in prime time dal film Game Change.

La rete diretta da Antonio Di Bella presenterà in prima visione assoluta il documentario trasmesso da HBO e vincitore di 5 Emmy televisivi. La pellicola, interpretata da Julianne Moore (nel ruolo della Palin), Ed Harris (McCain), Woody Harrelson, per la regia di Jay Roach, è tratta dal libro Game Change: Obama and the Clintons, McCain and Palin and the race of a lifetime, incentrato per l’appunto sull’accesa competizione per le Presidenziali Usa del 2008. I fatti verranno ricostruiti dalla voce narrante di Steve Schmidt (consulente politico di McCain interpretato da Woody Harrelson), che durante un’intervista a ‘60 Minutes’ racconta la sua attività durante la campagna elettorale.

L’immagine di Sarah Palin che ne esce è quella di una donna di carattere, scelta per il suo fascino indiscutibile e per un carisma innato, che avrebbe dovuto contrastare la forte immagine mediatica proposta dallo sfidante Obama. Il rovescio della medaglia evidenziato da Game Change è però quello di una personalità spesso dotata di scarso autocontrollo nelle situazioni stressanti e soprattutto priva di un’adeguata preparazione, specialmente in politica estera. Un ritratto, questo, nel quale alcuni hanno riconosciuto un’impronta filo-democratica, di parte.

Del resto, dopo il debutto della pellicola sull’emittente HBO (con una media di ascolti pari a 2.1 milioni), la stessa Palin lamentò che i dialoghi e i personaggi rappresentati fossero “tutti frutto della fantasia degli autori“. Game Change, infatti, racconta anche degli scontri scoppiati tra la vice di McCain e il suo staff di lavoro, con la conseguente perdita di consensi nei confronti di Obama.

In attesa che la nuova corsa alla Casa Bianca trovi il suo esito nelle urne (l’election day negli Usa sarà il prossimo 6 novembre) l’appuntamento con Game Change è per stasera su Rai3 alle 21.05.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Barack Obama
IL NUOVO PRESIDENTE DEGLI STATI UNITI E’ BARACK OBAMA


Chernobyl
Chernobyl: la prima produzione originale della partnership Sky/HBO. Riprese al via nel 2018


The Deuce
The Deuce: la serie HBO sul mondo del porno e della prostituzione degli anni ‘70


Il trono di spade - Richard Madden
IL TRONO DI SPADE: HBO CONFERMA L’IPOTESI DI UN PREQUEL

5 Commenti dei lettori »

1. WHITE-difensore-di-vieniviaconme ha scritto:

2 novembre 2012 alle 16:30

uff stasera non lo potrò vedere infatti stamattina l’ho messo a scaricare. ma ovviamente non ho trovato versioni italiane. non ne esistono.
mi accontenterò dei sottotitoli..



2. Nina ha scritto:

2 novembre 2012 alle 16:32

Che dire? Un cast favoloso e poi l’Hbo fa sempre cose bellissime.



3. paky ha scritto:

3 novembre 2012 alle 12:21

Io l’ho trovato interessantissimo.. ho tifato Palin fino alla fine, anche se sapevo come sarebbe andata a finire, ovviamente!



4. Valerio ha scritto:

5 novembre 2012 alle 00:16

Documentario interessante, un prodotto certamente frutto di sforzi anche da parte della Hbo. Bene il cast e ottima la scrittura, una sceneggiatura che dà umana ritratto inedito della protagonista.



5. Valerio ha scritto:

5 novembre 2012 alle 00:18

Errata corrige: …scrittura, una sceneggiatura che dà un ritratto inedito della protagonista.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.