3
ottobre

MARA VENIER TEME SOLO UOMINI E DONNE E LANCIA UNA FRECCIATA A CRISTINA PARODI

Mara Venier a La Vita in Diretta

“Ci credi che dopo così tanti anni mi sveglio ogni mattina alle 6.30 morsa dall’ansia degli ascolti?”. Ma Mara Venier non ha di che preoccuparsi: con La Vita in Diretta si conferma anche quest’anno leader del pomeriggio in tv. Il suo spazio è costantemente attorno al 20% di share medio in queste prime settimane di messa in onda. Un risultato che non la fa sentire la più brava di tutte, ma il rischio (per le colleghe) di giocare un campionato a parte è molto alto. E lei lo fa notare:

“Siamo partiti bene, ma abbiamo nove mesi davanti ed è ancora tutto da dimostrare - ha dichiarato la Venier in un’intervista a Gente - E comunque non vivo Barbara e Cristina come due avversarie: Parodi è una giornalista elegante, ha bon ton e misura e in alcune dichiarazioni ha preso le distanze dai contenitori del pomeriggio. Con il suo 3 per cento di share credo che le distanze le abbia proprio prese. La D’Urso è più simile al mio modo di essere e fa il suo programma egregiamente”.

Tradotto in numeri: Cristina Parodi (sia Live che Cover) per il momento è inchiodata poco sopra al 2% di share medio, mentre la diretta concorrente Barbara D’Urso e il suo Pomeriggio Cinque (partito una settimana prima de La Vita in Diretta) resta al palo con circa il 14% nella prima parte e l’11.6% nell’ultima. E sarà per questo che l’attenzione maggiore Mara la riserva a Uomini e Donne:

“(Maria De Filippi, ndDM) E’ la più brava di tutte. Non ti nascondo che, un giorno, mi piacerebbe lavorare con lei. Io la chiamo Super Maria”.

In effetti, lo scenario cambia se si guarda a Buon Pomeriggio Italia (l’anteprima de La Vita in Diretta) opposto al pomeriggio di tronisti e corteggiatori di Maria: su Rai 1 la Venier va oltre il 17% di share, ma Canale 5 con Uomini e Donne tocca costantemente il 20%, regalando di fatto alla rete del Biscione il primato nel pomeriggio almeno fino alle 16.00. Poi è storia sopra citata.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Mara Venier - ultima puntata Vita in Diretta 2013
LA VITA IN DIRETTA – L’ADDIO DI MARA VENIER: “VADO VIA SODDISFATTA”


Mara Venier, La vita in diretta
LA VITA IN DIRETTA: IL SINDACO DI PERUGIA PAVENTA AZIONI LEGALI E DENUNCIA UN “EFFETTO MEREDITH”


Paola Perego - Parlano Loro
LA VITA IN DIRETTA: PURE PAOLA PEREGO TRA LE “ANTICIPAZIONI INTERESSATE”. MA PERCHE’ NON AFFIDARLE PARLANO LORO SU RAI2 AL POSTO DEI PRESUNTI FACTUAL?


Mara Venier zittisce Agus
DM LIVE24: 1 MARZO 2013. LA VENIER ZITTISCE AGUS, LA PARIETTI NON CAMBIA CASACCA

19 Commenti dei lettori »

1. Tripolina ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 16:40

Ieri è finita ai nuovi mostri! Che figuraccia!



2. Pier ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 17:17

@tripolina
comunque quella chiafìca della madre di ERBATMAN ne ha dette di
tutti i colori sulla D’Urso….
Fossi stato in lei l’avrei arrestata pure a lei



3. giudy ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 17:28

La D’Urso per essere stata insultata ieri ha il dente avvelenato… Oggi sta facendo un pezzo tutto incentrato su quello… Meno male che dice che tutto le scivola addosso… Abbasso Barbarella, senza sta roba il suo 14% diventerebbe 7%



4. Tripolina ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 17:36

Pier io parlavo di Mara cosa centra la D’Urso?! Qui si parla di Mara.



5. Pier ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 17:40

@TRIPOLINA
OK HO CAPITO…….

COMUNQUE O LA D’URSO O QUALCUNALTRO NON SI PARLA COSI’ MALE A UNA CONDUTTRICE

AVREI VOLUTO PROPRIO VEDERE SE LA MADRE DI ERBATMAN AVESSE AVUTO UN AFFRONTO CON LA VENIER……………..

LA VENIER ERA CAPACE DI CHIAMARE I CARABINIERI, AVVOCATI E L’AVREBBE PORTATA A VERDETTO FINALE ………
X ESEMPIO…………………………………………..



6. thedarknight ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 18:14

A me la “Vita in diretta” piace molto.Soprattutto da quando c’è la Venier, credo che la trasmissione sia diventata molto nazional-popolare , un po’ come i suoi passati contenitori domenicali della Sig. Venier. Il programma della Parodi ha maggiormente un ‘impronta giornalistica, d’altronte Cristina è una (bravissima)giornalista. Il suo è un programma davvero intelligente e di classe…



7. marcko ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 18:33

con tutta la simpatia, ma xkè la venier parla sempre sempre SEMPRE dei suoi risultati… echepalle! non sarebbe meglio se parlasse solo del suo lavoro, delle difficoltà ke incontra suoi inviati (alcuni penosi A G …) delle numerore gaffes….



8. Liberopensiero ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 19:26

Ieri sghignazza a ai nuovi mostri per la morte di una vecchietta,la trovo inadatta alla vid,inadatto il suo modo di buttare tutto ma proprio tutto in caciara,una buona conduttrice e’ al servizio del programma,non il contrario in questo e non solo ha tanto da imparare dalla Parodi.



9. Roberta ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 19:51

Trovo ridicolo prendersi il merito dei risultati, in quanto occorre tener conto che su Rai 1 in particolare, se anche ci fosse, così per dire, un Lippi, un’Arianna Ciampoli il risultato sarebbe sempre lo stesso mentre al contrario vorrei vedere la Venier ad inaugurare a La 7 lo spazio della Parodi e poi ne potremmo riparlare se riuscisse a fare l’1%, ovviamente il discorso vale anche nell’eventualità si trovasse al posto della D’Urso e non credo riuscirebbe a far di più. Quindi sarebbe meglio evitare prendersi meriti che derivano da altri fattori.



10. liberopensiero ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 19:58

Roberta,giusto,per di piu’si e’ inserita in una trasmissione che aveva gia’ il suo seguito e un pubblico consolidato,e’ come se la hunzinker si prendesse tutto il merito del successo di striscia,in quella fascia chi aveva qualche merito e’ la balivo,che pur non piacendomi,non capisco perche’ sia a casa.



11. Roberta ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 20:25

@Liberopensiero

Ma poi quello che trovo intollerabile e disgustoso e questo vale sia per la Rai che Mediaset è quel clima di arena che si scatena quando parlano dei Parolisi,Scazzi,Ragusa e tutti gli altri ed appoggiano senza alcun pudore le tesi colpevoliste scaldandosi ed aizzando il pubblico in studio e da casa,uno spettacolo medioevale da caccia alle streghe che trovo scandaloso a maggior ragione se proposto dalla Rai. Desta amarezza che il caso Tortora non abbia insegnato nulla.



12. liberopensiero ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 20:35

Roberta,che dire,concordo,una vergogna,la stessa cosa,quando non ci sono i politici da Vespa,ma mi gente come Meluzzi e Crepet ma quando lavora?sono un crogiolo di luoghi comuni…



13. nino.tv ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 22:29

evviva la venier e il saper buttare tutto in caciara o, detto in altri termini, il non prendersi troppo sul serio e non fare le faccette di circostanza. la venier ha la grazia di essere sempre adeguata e non apparire mai falsa e cortese! bene ne la vita in diretta, poco adeguata nella conduzione classica da prima serata. bellissima la battuta sulla parodi, non capisco la stima nei confronti di super maria, sinceramente io non mi spiego questo 20% fino alle 16.00, ma la gente ha perso il cervello?



14. Andrea80 ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 23:04

La mitica Mara Venier non si smentisce mai… appena capita scoppia a ridere fottendosene di tutto, rendendo più leggero il pomeriggio in tv!!!
A me piace così, non quando fa la saputella seriosa…
Una bella risata ci vuole, solo che lei dovrebbe fare i temi leggeri e lasciare ad altri la cronaca
A Mara nun’ fa la giornalista che sei una nata per fà caciara, no pè parlà de morti e feriti…….



15. Andrea80 ha scritto:

3 ottobre 2012 alle 23:10

http://www.youtube.com/watch?v=uUPjxm5M_T0
QUESTA E’ LA MARA CHE CI PIACEEEEEEEEEE



16. Valerio ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 03:47

Intanto la Venier dovrebbe spiegare onestamente da dove verrebbe quel 20 % che la segue ogni pomeriggio mentre tratta in trasmissione solo di delitti e di temi etici con preti… Quale pubblico compone il suo «successo»? Bisognerebbe dire la media sul titolo di studio, sull’età… Che la vedano solo gli over 70, ovvero più o meno il pubblico a cui RaiUno si rivolge?
La Parodi farà pure il 3 %, la sua trasmissione non è forse all’altezza delle aspettative ma è di gran lunga migliore dei due macabri e beceri competitor, e se ha preso le distanze dalla «tv del dolore» ha fatto bene perché quando si è sopra le righe si rischia di nauseare una buona fetta di pubblico che la tv anche stesse a casa la tiene spenta proprio.



17. Valerio ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 03:52

E poi basta con questi salamelecchi alla De Filippis, prima la Landi, ora ci si mette pure lei. Se vogliono lavorare insieme si facciano assumere da Canale5 che la Rai è pubblica e non deve fare da ammortizzatore sociale per le eventuali persone che in futuro dovessero essere mandate via da Mediaset.



18. Nina ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 10:48

@Roberta: quoto, quoto, quoto. Sei una boccata d’aria fresca e mi conforta trovare persone che la pensano come me. Anche io provo molto fastidio per questi processi sommari, ovviamente il pubblico somaro aderisce con entusiasmo forse per sentirsi migliore. Una cosa mi chiedo: queste persone, prese singolarmente, hanno lo stesso coraggio?



19. Roberta ha scritto:

4 ottobre 2012 alle 18:54

Grazie @Nina lo stesso vale anche per me, in quanto molto spesso ho notato che abbiamo lo stesso spirito critico. Spero che questi teatrini offensivi messi su per un pubblico troglodita cessino perché sono fondati sull’istigazione degli istinti più bassi e biechi degli esseri umani e tali si sono rivelati conduttrici e opinionisti con quelle facce livide di odio;mentre ho imparato ad apprezzare Sansonetti che si è rivelato una persona equilibrata,saggia e di animo sensibile e nobile che a confronto di quel prete che pronuncia parole cariche di odio e vendetta, sembra lui il religioso.Spero pertanto che questo spettacolo orrendo,primitivo ed incivile ci venga evitato perché è una delle pagine più brutte della televisione.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.