27
luglio

AMERICA’S GOT TALENT: GERRY CERCA TALENTI CON FASCINO. MA SENZA MARIA.

Maria De Filippi (America’s Got Talent)

Dell’approdo in Italia del format “America’s Got Talentvi avevamo parlato in questo post, così come della conduzione dello zio Gerry, che dunque lascerebbe riposare l’Italica Corrida per buttarsi in format dal sapore decisamente internazionale.

Oggi arriva, via AdnKronos, un’anticipazione firmata “Tv Sorrisi e Canzoni” che affianca al conduttore di Chi vuol esser Milionario, nella caccia ai nuovi talenti del Belpaese, l’impegnatissima Maria De Filippi, già esperta di scouting attraverso la sua esperienza nella scuola più famosa del piccolo schermo. Due fuoriclasse, dunque, al lavoro su un progetto a metà fra la Corrida e Amici. Un nuovo talent show che altro non è che “America’s Got Talent“, della cui realizzazione si vociferava ormai da tempo. Peccato, però, che la De Filippi abbia già preso le debite distanze dal progetto, puntualizzando che non sarà in alcun modo coinvolta nel programma, salvo per quanto riguarda la produzione; il format, infatti, sarà coprodotto da Grundy e dalla Fascino. Queste le precisazioni arrivateci pochi minuti fa dall’ufficio stampa di Fascino P.G.T.:

In merito all’anticipazione del prossimo numero in edicola di Tv Sorrisi e Canzoni, che riferisce di Maria De Filippi coinvolta nella ricerca di Talenti con Gerry Scotti per un futuro programma Mediaset, lo staff di Maria De Filippi ci tiene a precisare che: America’s Got Talent è un format straniero rappresentato in Italia dalla Grundy, società che coprodurrà con Fascino il programma in Italia. Maria De Filippi non ne sarà in nessun modo coinvolta, salvo quanto concerne la sua casa di produzione. Sia il format che soprattutto il conduttore, Gerry Scotti, non necessitano in nessun modo del coinvolgimento ne autorale ne artistico di Maria De Filippi, che sarà impegnata e direttamente coinvolta solo sulle produzioni da lei condotte.



Articoli che potrebbero interessarti


AMERICA'S GOT TALENT: GERRY CERCA TALENTI CON FASCINO. MA SENZA MARIA.
DM LIVE24: 12 GENNAIO 2010


Maria De Filippi
MARIA DE FILIPPI, L’ITALIA HA TALENTO E I GRAMMY AWARDS: QUESTIONI DI… FASCINO!


Gerry Scotti, Paolo Bonolis
Mediaset, i compensi dei conduttori. Quanto guadagnano Bonolis, D’Urso e De Filippi


Simona Ventura - Estate 2017
L’estate dei personaggi TV: ecco come si preparano alla nuova stagione

21 Commenti dei lettori »

1. factor ha scritto:

27 luglio 2009 alle 16:33

America’s Got Talent…che tradotto vuol dire X Factor con un pizzico di Corrida…Non vedo la novità se non la voglia di proporre a tutti i costi un programma che se piace alla gente non si sa ma l’importante che rubi pubblico alla concorrenza…



2. Davide Maggio ha scritto:

27 luglio 2009 alle 16:49

@ factor: beh, sono stati creati entrambi da Simon Cowell.



3. Elisa ha scritto:

27 luglio 2009 alle 17:09

per fortuna che non mette mano la De Filippi..almeno non si cade nel trash becero stile amici!



4. Biagio Chianese ha scritto:

27 luglio 2009 alle 17:15

@ Elisa: la struttura del format è quella che è… molto rigida. Difficile cadere nel trash. Su un’eventuale piega trash potrebbe incidere la scelta dei tre giudici…



5. Cristian Tracà ha scritto:

27 luglio 2009 alle 17:19

Mi sembrava difficile che la De Filippi si sovraesponesse così tanto dato che si vocifera anche un suo progetto con Bonolis. Poteva rappresentare il tracollo del genere la sua onnipresenza; sono convinto che il programma non farà impazzire la gente anche se ritengo positivo il tentativo di superare lo schema della Corrida



6. Sal ha scritto:

27 luglio 2009 alle 17:23

con svarati mesi d’anticpo possiamo gia collocarlo nel “libro nero dei flop”!

la corrida in chiave moderna? con esclusivamente personaggi validi e capaci?

Se la corrida ha funzionato sino ad ora, è proprio grazie al clima goliardico e all’autoironia dei concorrenti.Di un ennesimo talent, con giuria di espertoni non si sente proprio il bisogno.Scotti poi, completamente fuori luogo, ormai nel prime time è legato a format nazional popolari come “paperissima” e “corrida”.

ma poi che ci faranno con tutti questi talenti?

accendi la radio e ci trovi ancora i pooh,celentano, mina etc da 40 anni
accendi la tv e ci trovi baudo, bongiorno, costanzo o al massimo qualche raccomandata
vai al cinema e vedi sempre le stesse facce



7. Biagio Chianese ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:05

@ sal: lo scopo è di trovare un vincitore, augurandosi che sia valido e capace, ma il format prevede proprio che ad esibirsi non siano solo i talenti, ma anche persone notevolmente “incapaci”… quindi su questo direi che continueremo a sentire i fischi del pubblico della corrida.

E poi chi dice che “L’Italia ha Talento” non possa diventare un format nazional popolare?



8. factor ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:06

@Davide Maggio
hai perfettamente ragione…però negli ultimi tempi queste sono state le indiscrezioni targate Canale 5: Amici Vip (=Amici di Maria), un Festival alternativo (=Sanremo), Survivor (=L’Isola dei Famosi), America’s Got Talent (=X Factor)…insomma niente di nuovo…non ti pare? :)



9. Davide Maggio ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:08

@ factor: quanto meno America’s Got Talent (che poi presumo verra’ italianizzato) potrà svecchiare la Corrida.



10. factor ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:08

Questo nulla toglie al fatto che possa avere successo, anzi se lo conduce Gerry Scotti se lo merita secondo me…



11. factor ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:10

@ Davide Maggio

se il programma risulta poi essere una rivisitazione/svecchiamento de La Corrida ne sono felice…e probabilmente il fatto che a condurre sia Scotti è un segnale positivo…



12. Biagio Chianese ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:17

Bisogna poi vedere che ruolo avrà Scotti. Nelle versioni andate in onda negli USA e in UK, il conduttore è soltanto un “annunciatore”, e i giurato gestiscono da soli presentazioni, domande ai candidati e relativi giudizi, con il risultato che il conduttore sia un pò in secondo piano, soprattutto nella fase iniziale…



13. Biagio Chianese ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:18

*i giurati



14. factor ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:22

@Biagio Chianese

ma è la stessa cosa che accade in Italia con X Factor (infatti stiamo parlando di 2 programmi che hanno la stessa impostazione e la stessa mente). Facchinetti è il presentatore ma i giudici la fanno da padrona…com’è giusto che sia…



15. Biagio Chianese ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:31

@ factor

Si, infatti. Però in America e in Uk, facci caso, non c’è nemmeno bisogno che il conduttore dia la parola ai giudici, si autogestiscono proprio del tutto. Cosa ancora diversa, invece, in Danimarca, tanto per fare un esempio, dove la conduttrice intervista il cantante anche prima dell’esibizione. Ecco, mi riferivo a questo, alle diverse impostazioni che si possono dare. Non ce lo vedo Gerry Scotti a stare in disparte limitandosi ad annunciare i concorrenti in gara!



16. Sal ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:37

ma… se ci sono pure gli incapaci… e si vuol dare un impostazione meno glamour rispetto ad x-factor…allora si vuol fare veramente una riedizione riveduta e corretta della corrida o magari del “pomofiore”. ah ah ah

vediamo che cosa uscirà fuori.



17. factor ha scritto:

27 luglio 2009 alle 18:39

@Biagio Chianese

concordo, hai ragione…vedremo un pò cosa viene fuori :)



18. Biagio Chianese ha scritto:

27 luglio 2009 alle 19:10

@ sal: in effetti è una corrida con i giudici. puoi farti un’idea vedendo qualche filmato in rete! : )



19. Valerio ha scritto:

27 luglio 2009 alle 19:11

sono curioso di vedere questa cosa e se avrà successo come negli altri paesi, visto che l’italia è un paese strano……..

certo gerry facendo questo programma ha sicuramente chiuso con la corrida



20. mimmo ha scritto:

3 agosto 2009 alle 16:03

mi picerebbe partecipare ai casting di questo nuovo talnt show….ma non so come fare..mi aiutate????



21. Davide Maggio ha scritto:

3 agosto 2009 alle 16:05



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.