15
giugno

MARIO CALABRESI AL TG1? IL GIORNALISTA SAREBBE VICINO ALLA NOMINA

Mario Calabresi

Update: il giornalista ha smentito l’indiscrezione (per maggiori info clicca qui). Non solo l’elezione del nuovo CdA. Secondo indiscrezioni, il vento di cambiamento che sta soffiando su Viale Mazzini si abbatterà presto anche sul  Tg1. Stando a quanto riporta il quotidiano Libero, l’attuale direttore ad interim Alberto Maccari starebbe infatti per essere sostituito da Mario Calabresi, oggi responsabile de La Stampa di Torino. L’avvicendamento alla poltrona di Saxa Rubra sarebbe ancora in via di definizione, ma pare che sul nome del 42enne giornalista siano già confluiti una serie di pareri concordi.

Calabresi, del resto, è un cronista dal curriculum ’sobrio ed importante’: negli anni, ha lavorato anche per l’Ansa e per la redazione politica di Repubblica, distinguendosi per la capacità di raccontare i fatti con un certo equilibrio. Una qualità, questa, che più di altre ne avrebbe sponsorizzato la candidatura alla guida del Tg1. Il giornalista, inoltre, ha avuto anche una recente esperienza televisiva: nel giugno 2011 ha esordito su Rai3 con l’approfondimento serale Hotel Patria , che per la verità non ha riscosso grandi consensi di pubblico.

Ora, se gli accordi andranno in porto, potremmo vederlo sulla poltrona occupata fino allo scorso dicembre da Augusto Minzolini (il quale è diventato capo dei corrispondenti esteri Rai, in attesa della sentenza sulla richiesta di reintegro). Secondo Libero, il suo posto alla Stampa potrebbe essere preso da Aldo Cazzullo, che pure compariva nel toto-nomine per il nuovo Tg1. Nella rosa dei possibili candidati alla guida del notiziario figuravano anche Mario Orfeo, Antonio Preziosi, Susanna Petruni e, più di recente, Marcello Sorgi. Calabresi, tuttavia, li avrebbe scavallati.

Curioso notare come, fino a pochi giorni fa, Calabresi fosse dato come possibile sostituto di Ferruccio De Bertoli al Corriere, qualora questi avesse accettato la candidatura alla Presidenza Rai da parte del Governo. Le cose, poi, sono andate diversamente e adesso il direttore della Stampa pare proiettato verso Saxa Rubra. Il valzer delle nomine suona veloce, a tempo di indiscrezioni.

Fissare date e scandenze sulla designazione del nuovo direttore del Tg1 sarebbe però imprudente, visto che in Rai sono giorni abbastanza burrascosi ed è probabile che ogni decisione verrà ufficializzata solo dopo la nomina del nuovo CdA. A proposito, la Commissione parlamentare di Vigilanza si riunirà il prossimo 21 giugno e il quell’occasione dovrebbero essere votati sette Consiglieri (su nove totali).

Mentre il Pdl sta valutando la strategia da tenere, il Pd si è detto pronto a presentare candidature provenienti da associazioni della società civile.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Mario Calabresi
MARIO CALABRESI AL TG1: IL GIORNALISTA SMENTISCE


Andrea Montanari
BOOM! Andrea Montanari verso la direzione del Tg1. Gerardo Greco al Giornale Radio


M5S vs Mario Orfeo
M5S vs Mario Orfeo, il direttore ‘inseguito’ dai grillini (video). La Rai lo difende: “Rappresenta il pluralismo, massima stima”


Virginia Raggi
Tg1, Beppe Grillo accusa: Virginia Raggi è stata censurata. Fico (Vigilanza Rai): dimissioni subito!

2 Commenti dei lettori »

1. Giuseppe ha scritto:

15 giugno 2012 alle 16:25

Purtroppo non ho seguito Hotel Patria per meglio giudicare, ma quello di Mario Calabresi è un nome importante del giornalismo italiano e quindi il suo avvento alla direzione del Tg1 sarebbe auspicabile per garantire un prodotto migliore dell’attuale. Almeno lo spero.

La strategia del Pd sulle candidature mi pare corretta. E anche qui bisogna vedere come andrà a finire.



2. Marco Leardi ha scritto:

15 giugno 2012 alle 16:28

Intanto Calabresi ha smentito via Twitter… seguiremo gli aggiornamenti



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.