1
febbraio

IL TREDICESIMO APOSTOLO RIUSCIRA’ A INVERTIRE LA ROTTA DEGLI ASCOLTI?

Il Tredicesimo Apostolo

7, 6, 5, 4… Sembra un normalissimo conto alla rovescia, è in realtà l’incredibile, o per meglio dire “paranormale”, percorso Auditel de Il Tredicesimo Apostolo – Il prescelto, la serie tv di Canale 5 e Taodue con protagonisti Claudio Gioè e Claudia Pandolfi. In attesa di vivere l’epilogo finale (stasera c’è la quinta e penultima puntata), si possono già tirare le somme di quella che possiamo considerare una fiction (a tratti) rivoluzionaria per la trama mistery, inusuale per la serialità tricolore.

Quattro appuntamenti finora trasmessi che sono valsi al mercoledì dell’ammiraglia Mediaset una media di 5.784.000 spettatori, pari al 21.42% di share. Un risultato che strapperebbe un sorriso persino a Rai Fiction, figuriamoci a Canale 5, dove in autunno una delle serie più viste, Un amore e una vendetta, ha raggiunto appena 4.353.000 appassionati di media (share del 16.45%). Si può, dunque, usare la parola “trionfo” per Il Tredicesimo Apostolo? Assolutamente… ni.

Partita lo scorso 4 gennaio con un clamoroso botto iniziale (oltre 7 milioni di spettatori), la fiction ha fin da subito perso consensi: 6 milioni alla seconda puntata che diventano poco più di 5 alla terza, fino ai 4.765.000 superstiti di sette giorni fa. Un calo senza precedenti, che ha riportato sulla terra una rete che probabilmente sperava di aver trovato chi potesse mettere in ombra il dirimpettaio Don Matteo. E invece c’è ancora tanto da pedalare.

Riuscirà la fiction a risollevarsi con le due puntate finali, invertendo così un ruolino di marcia da dimenticare, oppure il trend è ormai scritto? Stasera (neve permettendo) c’è persino il campionato di Serie A a dar fastidio, ma è chiaro che riacciuffare gli oltre 2 milioni di spettatori scappati nel corso delle settimane ha tutta l’aria dell’impresa impossibile. Anche per chi si fa chiamare Il Tredicesimo Apostolo.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


paolo borsellino - i 57 giorni
2012, UN ANNO DI SUCCESSI (PRIMA PARTE): SOLO SANREMO E IL CALCIO MEGLIO DI ITALIA’S GOT TALENT. FICTION DI RAI 1 SUGLI SCUDI


Andrea Imperiali, Nicola Porro, Alberto Barachini, Angelo Cardani, Massimiliano Capitanio
Rapporto Auditel-Censis: gli smartphone hanno superato i televisori. 5,7 milioni di italiani guardano la tv su schermi diversi


Imma Tataranni -Vanessa Scalera e Alice Azzariti
Imma Tataranni – Sostituto Procuratore: tutti i personaggi


Alessio Boni - La Strada di Casa 2
Rai 1 a tutta fiction: al via Un Passo dal Cielo 5, La Strada di Casa 2 e Imma Tataranni

17 Commenti dei lettori »

1. ANTONIO1972 ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 21:08

stasera serata facile per l’apostolo,almeno un milione in più



2. Pippo76 ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 21:10

500mila in più



3. Zoro ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 21:14

beh che possa calare ancora è impensabile visto anche la serata molto migliore rispetto a quella di mercoledì scorso, bisognerà vedere però se risale a buoni livelli, ovviamente non penso che possa più tornare a grandi livelli!



4. Metius91 ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 21:15

Ascolti a parte, resta un ottimo prodotto!



5. Claudio ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 21:16

Il fatto è che inizialmente sembrava un buon prodotto, ma si è totalmente persa x strada. Non c’è niente da fare, questo tipo di serie in Italia non le sappiamo fare assolutamente.
Non riesce a creare quella sensazione di “sospensione della realtà”, e mentre la guardi pensi “che caz*ata!!”



6. auri ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 21:19

continuo a pensare che sia un bel prodotto ma forse un po difficile e particolare per attirare grandi numeri anche se a me piace tantissimo!



7. Davide Maggio ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 21:25

auri: io penso, invece, che in questo caso il calo sia facilmente spiegabile. La prima puntata e’ stata bellissima, la seconda un po’ meno, la terza bruttarella..



8. sara ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 21:40

a me piace è di fantascienza



9. Fabio Fabbretti ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 22:01

Diciamo che a sorprendere è proprio il crollo. Difficile trovare un prodotto, più o meno di qualità che sia, che alla prima puntata fa 7,1 milioni e alla quarta 4,7



10. Diego ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 22:18

Ascolti in calo o in crescita …”Il Tredicesimo Apostolo” è il prodotto migliore degli ultimi anni visto in televisione ..Rai e Mediaset …nessuno ha mai osato tanto!



11. MariaAntoniettaReginadiFrancia ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 22:45

Questa fiction peggiora di puntata in puntata, invece di appassionarti ti fa passar la voglia di vederla.
Il primo episodio è stato un caos, il secondo lo guarderò quando ne avrò voglia.



12. Valentina ha scritto:

1 febbraio 2012 alle 23:29

Appunto Diego, è la cosa migliore vista da anni, non il solito don Matteo…a furia di guardare il gf e il trash che di solito gira in tv mi sa che non si sanno apprezzare prodotti quanto meno decenti



13. pippo ha scritto:

2 febbraio 2012 alle 00:21

diciamo che l’aposto è inversamente proporzionale alla sua concorrenza: aumenta la concorrenza e diminuisce la fiction. comunque la media attuale è buonissima, visto che nessuna fiction quest’anno ha fatto meglio su canale 5. strano che mediaset ancora non si sbrighi a metterne in cantiere una nuova serie e non si fidi. comunque in 4 puntate ha ottenuto 3 vittorie ed 1 sconfitta; forse più che episodi singoli, questa fiction doveva basarsi e svilluparsi per tutto l’arco della sua durata su un tema centrale.



14. Mattia ha scritto:

2 febbraio 2012 alle 01:13

Ma anche voi avete la sensazione che ogni puntata non si concluda? Per me i finali sono incompleti: c’è poca attenzione nel chiudere dettagliatamente un episodio.



15. Pippo76 ha scritto:

2 febbraio 2012 alle 09:43

La migliore fiction degli ultimi anni?
Ma le puntate caotiche , bruttine e noiose, chiuse male le avete viste?



16. Valentina ha scritto:

2 febbraio 2012 alle 13:00

avete mai visto Fringe (per nominarne uno)?
Serie di questo tipo non hanno mai la conclusione con la spiegazione scientifica e rigorosa, terminano tutte con una “non conclusione”, o meglio lasciano alle persone la possibilità di capire la conclusione.
Poi io apprezzo molto questo genere e quindi apprezzo molto la fiction.
Sarà anche che hanno scelto attori che sanno un po’ recitare, di noioso e di mal fatto non ci vedo molto, soprattutto se rapporto tutto alla media delle fiction proposte da rai e mediaset.



17. valeri@24 ha scritto:

4 febbraio 2012 alle 01:26

Boh! A me questa serie piace moltissimo, mi piace il protagonista Gabriel Antinori (bada bene non l’attore anche se Claudio Gioè è sicuramente interessantee lo interpreta bene), mi piace Claudia Munari e come è interpretata dalla Pandolfi e soprattutto mi piace la storia centrale con annesso il rapporto che si è instaurato tra Gabriel e Claudia. Certo sono sicura che non ci sarà mai una relazione sentimentale tra i due per via dell’abito di Gabriel però bisogna ammettere che il rapporto è coinvolgente proprio per il non detto e il non fatto. A buon intenditor poche parole!:-)
Spero che il finale sia all’altezza delle aspettative della storia principale, mi auguro che non sia una boiata come quello de I cerchi dell’acqua con Alessio Boni.
Invece gli argomenti trattati nei vari episodi sono stati moderatamente interessanti e credo anch’io che siano stati lasciati volutamente così per dare la possibilità allo spettatore di trarre le sue conclusioni.
Spero moltissimo che vorranno fare una seconda serie ma sono certa che dopo la debacle rispetto all’exploit iniziale non verrà neanche presa in considerazione. Peccato.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.