6
maggio

FIORELLO FRENA LE DISDETTE A SKY MA NON CONVINCE DEL TUTTO: LA FAVOLA DELLA TV LIBERA DAGLI ASCOLTI NON HA AVUTO IL LIETO FINE?

Di “relativismo” degli ascolti avevamo già parlato, prendendo in analisi la differenza di interpretazioni che uno stesso dato può subire a seconda della rete di messa in onda.

Il caso “Fiorello Show” però, merita sicuramente un discorso a parte. Perchè non stiamo parlando di un dato che può essere definito un successo su una rete e un flop su un’altra, bensì di un programma i cui risultati vengono, a discrezione del commentatore, definiti brillanti o deludenti. Fin dalla prima, super pubblicizzata, puntata, quello share del 3,53% (con 1.399.000 contatti) fu al centro di una disputa, in cui Sky gridava al successo, con un comunicato stampa che rimarcava che “il 40% dei nostri abbonati ha scelto Fiorello, e il restante 60% ha potuto comunque dividersi tra cinema, sport, telefilm, programmi divulgativi, proposte per bambini, news, musica“, e Mediaset rispondeva facendo notare che gli abbonati Sky avevano invece scelto il Grande Fratello, “in particolare, tra le 21.32 e le 22.08, orario in cui erano in onda il programma-evento su SkyUno e “Grande Fratello” su Canale 5, gli abbonati Sky hanno preferito guardare il reality di Mediaset (24.30%) e solo il 15.37% ha visto la nuova proposta della tv a pagamento di cui è cliente“.

Sembra quasi che la magia di Fiorello, quell’incantesimo capace di mettere tutti d’accordo e che aveva accompagnato lo show-man nella sua trasversale promozione dello show, si sia inevitabilmente rotto; secondo “La Stampa” lo spettacolo vivacchia nella mancanza di un fattore che faccia la differenza, ma Sky è pronta nuovamente a smentire. In un’intervista a “Il Sole 24 ore“, l’amministratore delegato Tom Mockridge ha parlato dell’effetto positivo che Fiorello ha avuto sugli abbonati della piattaforma satellitare. Secondo l’ad, infatti, il Fiorello Show ha decisamente contribuito a frenare le disdette dovute all’aumento dell’Iva per le tv a pagamento, inserito nel tanto discusso decreto anti-crisi del governo. “La media di ascolti è buona” – dichiara Mockridge a fronte di una media di circa 600mila telespettatori – “lo spettacolo è un successo di creatività, ma per noi è più importante che siano contenti gli abbonati, il nostro unico padrone“.

Contentezza, qualità, quantità, share, ascolti; viene da domandarsi se Sky sia veramente libera da questa schiavitù che oggi condiziona enormemente la televisione generalista. Che cosa resta di un progetto, più volte definito “evento“, se la critica è ridotta ad un’analisi matematica? Potremmo pensare che sia avvilente per uno show-man come Fiorello, che non sia la direzione giusta in cui guidare il ragionamento. Eppure la televisione, chi potrebbe negarlo, è il mezzo in cui un’idea non si giudica per la sua genialità, piuttosto per la capacità di trascinare le masse, di fare risultato sulla carta, laddove è il dato numerico che dimostra la validità di un progetto.

Manca allora l’idea, o è del tutto priva di una sua validità? Fiore è sempre Fiore, e Sky non si è smentita, mettendo in moto una macchina organizzativa che non sembra avere difetti. Eppure la stampa è divisa, la critica lo è, il web pure. Il problema? Niente di nuovo sotto il sole: c’è il Fiorello animatore, c’è l’orchestra, la musica, le risate. Ci sono gli ospiti, le interviste in pieno “stile Letterman“, un quasi ritorno al varietà. C’è tutto e niente. Nell’era del reality Sky ha scelto il personaggio, il linguaggio della comicità, il mondo visto dagli occhi di quel trascinatore che più volte il pubblico ha osannato, che ha funzionato in teatro, in tv e alla radio.

E a fronte di un ingaggio milionario, sul quale forse è meglio smettere di fare moralismi, si poteva pretendere almeno che ci fosse un’idea di rottura, quell’idea originale capace di giustificare quella parola, “evento“, che oggi sembra troppo grande, perfino per Fiorello.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Paolo Bonolis (Fiorello)
FIORELLO? SEMPRE UGUALE A SE STESSO. COSI PARLO’ PAOLO BONOLIS


Fiorello - Fiorello Show
FIORELLO SHOW, NON E’ BUONA LA PRIMA: CHIUSO LO SHOW DOPO LA PRIMA ORA DI SPETTACOLO


FIORELLO FRENA LE DISDETTE A SKY MA NON CONVINCE DEL TUTTO: LA FAVOLA DELLA TV LIBERA DAGLI ASCOLTI NON HA AVUTO IL LIETO FINE?
LA PROMOZIONE AL “FIORELLO SHOW” DI SKY ARRIVA DIRETTAMENTE DA UNO DEI VOLTI STORICI DI MEDIASET. MIKE BONGIORNO TESTIMONIAL DEL PROMO PRO-FIORELLO/SKY


Pubblicità comparativa Sky Mediaset Premium
SKY SFIDA MEDIASET PREMIUM: FIORELLO PER LA PRIMA PUBBLICITA’ COMPARATIVA TRA LE DUE OFFERTE PAY.

19 Commenti dei lettori »

1. Andrea80 ha scritto:

6 maggio 2009 alle 16:54

Dopo tutta la promozione che ha potuto farsi su tutte le reti ed a tutti gli orari, effettivamente ci si aspettava qualcosa in piu’!!!
Bravo è bravo, ma ritengo che negli ultimi tempi sia stato troppo pompato da tutti e se cio’ servira’ a farlo scendere coi piedi per terra , allora ben venga!



2. marta gentile ha scritto:

6 maggio 2009 alle 18:02

l’nvidia è un brutto sentimento, avere troppo successo in Italia è un peccato.W fiorello almeno ha avuto il coraggio di lasciare la tv generalista piena di raccomandati e di format già pronti e sicuri. Io sono felicissima di essermi abbonata a sky, nel mese di aprile ha avuto un aumento di telespettatori.



3. Biagio Chianese ha scritto:

6 maggio 2009 alle 18:35

@ Marta: Sono stato il primo nel mio pezzo a dire che forse sarebbe meglio smetterla di fare moralismi sul suo ingaggio milionario, ma di fronte a quei soldi parlare di “coraggio” mi sembra un tantino esagerato. A chi mancherebbe il coraggio in casi come questi?



4. Zoro! ha scritto:

6 maggio 2009 alle 18:49

buuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuuu toglietevi sti ladoni buuuuuuuuuuuuu!



5. marta gentile ha scritto:

6 maggio 2009 alle 19:04

non è assolutamente esagerato parlare di coraggio perchè Lui sta rischiando tantissimo basta leggere alcune critiche esagerate e velenose nei suoi confronti.Sky gli ha dato la possibilità e la libertà di fare un programma teatrale e non televisivo.comunque basta essere ipocriti! a tutti noi piace avere tanti soldi e poi non è una tv pubblica ma privata sky. Forza fiore!



6. Marco82 ha scritto:

6 maggio 2009 alle 19:05

fiorello one man show quindi il suo show è composto da tutto, chi lo va a vedre si diverte da matti,

sky monta male la mezz’ora troppo cantato. io lo manderei per intero.

e poi ragazzi mica tutti hanno sky se no ciao ascolti buoni per mediaset e rai



7. Biagio Chianese ha scritto:

6 maggio 2009 alle 19:26

@ Marta: come vede, concordiamo. Altro che coraggio, a tutti piace avere tanti soldi, lo ha detto proprio lei!



8. Mary ha scritto:

6 maggio 2009 alle 19:54

Sono d’accordo con Marta quando dice che Fiorello ha avuto il coraggio di rischiare ( e i soldi non c’entrano nulla con il fattore rischio, ma poi siamo così convinti che la cifra uscita fuori sia quella vera?).
Innanzittutto è stato uno dei pochi a dire di no al signor Berlusconi che a quanto pare non era affatto contento di tale passaggio.
Due: Fiorello ha sempre detto di voler sperimentare, e sperimentare non vuol dire cambiare “genere”, lui è uno show man, un’artista televisivo vero, uno dei pochi che ci rimangono, quindi non si può chiedergli di fare il Bonolis, la De Filippi o condurre un reality, lui farà sempre ciò che sa fare: ovvero l’intrattenimento. La novità consiste nell’aver concesso alle reti Sky di riprendere un suo show teatrale, Fiorello fa sempre Fiorello, ma se avete visto lo show, avrete notato che è più libero di dire cose che forse in Rai non avrebbe detto, improvvisa di più, coinvolge il pubblico famoso e non. E lo show risulta divertente e gradevole. Eppure la carta stampata gli da addosso non poco con commenti abbastanza acidi, e questa cosa mi fa pensare un pochino…
Tre: se proprio vogliamo trovare un difetto, allora concordo con quanto detto da Marco, Sky non monta sempre bene il programma, e questo a detta di chi lo show lo ha visto dal vivo.
Infine, a me questi ascolti, tenendo conto che si tratta di una pay tv con 4 milioni e mezzo di abbonati, non sembrano poi così male. Eppoi bisognerebbe tener conto anche di quanti guardano il programma tramite web (io sono tra questi).



9. zia assunta ha scritto:

6 maggio 2009 alle 20:23

Fiorello doveva proporre qualcosa dal vivo una sola volta a settimana.
Poi diciamoci la verità fa sempre le stesse cose da 30 anni e neanche lui è più un ragazzino.



10. Rosy ha scritto:

6 maggio 2009 alle 20:31

Bravo Fiore continua così. A me lo spettacolo piace tantissimo, certo sky manda potrebbe mandare in onda almeno un’ora dello spettacolo.
Mi piace perchè ha unito lo spettacolo teatrale e la radio. E’ bello perchè ci sono sempre tanti ospiti di diverso genere (cantanti, sportivi, attori ecc).Si parla sempre e solo di auditel, sono stufa di questi ascolti e poi la tv generalista è pieno di reality e di quiz, non se ne può veramente più.
Quindi Fiore continua così divertiti tu così ci divertiamo anche noi.
Complimenti anche a Enrico Cremonesi.



11. STE ha scritto:

6 maggio 2009 alle 20:54

Fiorello è un FLOP!
è stato poco furbo.
ha seguito il profumo dei soldi che gli offriva Sky ma non tutti hanno Sky e chi ce l’ha non lo guarda sempre.
su RaiUno avrebbe fatto mille mila ascolti se solo avesse ceduto ai corteggiamenti che Del Noce gli fa da anni per riportarlo all’ammiraglia di Stato come ai tempi d’oro di Stasera Pago Io.
il consenso e l’affetto del pubblico, dopo questa mossa, si sta decisamente affievolendo.



12. andrea ha scritto:

6 maggio 2009 alle 21:06

fiorello più rimarrà su sky più perderà consensi…



13. Biagio Chianese ha scritto:

6 maggio 2009 alle 21:54

@ Mary: non volevo dire che Fiorello doveva cambiar genere. Semplicemente che le idee sono il motore della televisione, e che l’idea del one man show che da sempre propone probabilmente non funziona più come una volta, visto che prima riusciva ad esaltare tutti.



14. emanuele ha scritto:

7 maggio 2009 alle 09:02

grande coraggio fiorello!….se fossi in lui tornerei con uno spettacolo su raiUno!….è con “stasera pago io” che ha raggiunto l’apice del suo successo!



15. erodio76 ha scritto:

7 maggio 2009 alle 11:11

A me sembra un risultato buono quello di Fiorello, considerando anche gli errori fatti da Sky (ad esempio il taglio di 30 minuti dato al programma).
Fiorello fara’ pure 300/400 mila spettatori, ma andate a guardare su skyUno quanto rende la Cuccarini o qualche altro programma…
Fiorello come sempre fa’ la differenza, anche negli ascolti che sono decisamente buoni per una tv a pagamento.



16. pietro89 ha scritto:

7 maggio 2009 alle 11:34

ha avuto coraggio e ha fatto bene!
secondo me parlare di ascolti su Sky mi sembra un pò azzardato. come tutti sanno, gli abbonati non sono costretti a vedere il primo passaggio televisivo, in quanto esiste la replica alle 22.20 su skyuno+1, poi di nuovo la replica a mezzanotte e all’una sul +1, e ancora il giorno dopo, e molti hanno il mysky. insomma ognuno lo guarda quando gli pare, senza rinunciare ad altri programmi Sky che già si guardavano prima del suo arrivo.
tutto il resto…è noia!



17. pietro89 ha scritto:

7 maggio 2009 alle 11:36

un’ultima cosa: lo show è molto divertente ed è migliorato tanto dalle prime puntate…



18. Marco ha scritto:

7 maggio 2009 alle 13:57

Io credo che nesusno sia nacora capace di valutare gli ascolti fatti da una rete satellitare. D’altronde, fare i conti in tasca ad un’azienda privata mi pare anche fuori luogo.



19. dario micali ha scritto:

7 maggio 2009 alle 14:31

sta sera se volete ridere guardatevi il fiorello show ci sarà un divertente monologo sul matrimonio di berlusconi, fatto con garbo, così mi hanno riferito alcuni amici che sono andati a vederlo dal vivo infatti loro si sono divertiti tanissimo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.