7
maggio

SUPERVIVIENTES: ESORDIO DE FUEGO PER L’ISOLA DEI FAMOSI SPAGNOLA.

Scapezzolamento della pornostar a Supervivientes

Era da tempo che non si vedeva un prime time “de fuego” in Spagna. Mentre La1 giá era scesa in campo con la sua consolidata fiction “Gran Reserva“, la serie doveva vedersela con tre importanti debutti: Antena 3 con la settima stagione della sua fiction giovanilistica “Física o Química“, trasmessa anche su Rai4, La Sexta si lanciava con il suo piú ambizioso progetto di produzione propria “BuenAgente“e Telecinco presentava la nuova edizione di “Supervivientes“, la nostra versione dell’Isola dei Famosi.

Anche se sulla carta sembrava una lotta tra i titani, alla fine il reality é uscito vincitore in questa prima battaglia: il programma di Telecinco, complice un cambio di conduzione e un casting del tutto accattivante (tra i concorrenti, una pornostar, la cognata della cantante piú importante di Spagna e il figlio di un torero) ha realizzato il suo terzo migliore debutto con un 26,7% di share e quasi 4 milioni di spettatori che hanno assistito allo sputo (in piena faccia) di Aida nei confronti di Paquirrin e allo scapezzolamento della pornostar durante una delle prove (guarda la foto d’apertura).

L’ambizioso progetto della Sexta “BuenAgente“, invece, é stato il miglior debutto di una fiction nazionale in tutti i cinque anni della storia della rete seppur con un 9,2% di share e quasi due milioni di spettatori alle prese con le peripezie del poliziotto Sebas e del suo gruppo di amici.

La maglia nera invece spetta alla fiction di Antena 3 “Física o Química” che ha fatto un misero 9,8% pareggiando, in quanto a spettatori, con la fiction della Sexta. Il risultato fa si che la puntata dal titolo “Revolución” sia l’episodio meno visto della storia del telefilm. La settima stagione scende di quasi 6 punti rispetto al debutto della sesta stagione. In piú, in sovrapposizione, “BuenAgente” è riuscita a imporsi alla fiction di Antena3. Se continua cosí, sembra difficile che possa trovare spazio un’ottava stagione del telefilm incentrato sulle storie del liceo Zurbarán. Visti, al contrario, i risultati di “Supervivientes”, chi ha detto che il reality é morto?



Articoli che potrebbero interessarti


SUPERVIVIENTES: ESORDIO DE FUEGO PER L'ISOLA DEI FAMOSI SPAGNOLA.
TANA PER SIMONA VENTURA: NESSUN CONTRATTO CON LE TV SPAGNOLE


Hospital Central
SERIE TV: SPAGNA BATTE ITALIA


Share delle Reti
Ascolti TV 2019, Spagna: Telecinco è per l’ottavo anno consecutivo la rete più seguita. Eurovision al primo posto tra i programmi di intrattenimento


Mario D'Amico
SUPERVIVIENTES: UN MODELLO ITALIANO SULL’ISOLA DEI FAMOSI SPAGNOLA. LOCATION CONDIVISE CON L’EDIZIONE ITALIANA

7 Commenti dei lettori »

1. boop ha scritto:

7 maggio 2011 alle 10:32

Cioè due giorni fa ho chiesto ad un amico chi fossero i concorrenti di supervivientes e mi ha risposto che non c’era nessuno di famoso :D bene, vedo che ha capito tutto.

Quindi han fatto anche loro la prova del fango? per un attimo ho visto la parietti :D

Ma come mai questa Aida ha sputato in faccia a qualcuno? Mamma mia se fosse successo qui avrebbero crocifisso la Ventura



2. IL MIO REALITY ha scritto:

7 maggio 2011 alle 10:40

E chi pensava che il format di Magnolia de L’ISOLA DEI FAMOSI fosse in declino adesso deve ricredersi necessariamente per due ragioni: in Italia, nonostante una pertenza in sordina, il programma si è ripreso alla grande; in Spagna abbiamo assistito a un’eccellente prima nonostante l’agguerrita concorrenza.
Per quanto concerne il nostro Paese, credo che se l’isola venisse proposta nella sua collocazione stagionale originale (ossia il periodo settembre-dicembre), e si facesse attenzione al cast (come d’altronde avvenuto per la settima edizione, dove la scelta dei personaggi ha giocato a favore del reality – cosa diversa dall’edizione precedente dove tolto Aldo Busi c’era poca roba), il reality di Magnolia possa ancora dare grandi soddisfazioni alla rete e al pubblico stesso.
D’altra parte non vedo perchè il GF (format più usurato dell’isola) possa continuare ad andare avanti all’infinito, mentre l’isola che tutto sommato è confezionata in modo ineccepibile e propone un concept più epico e appassionante (la sopravvivenza) debba ogni volta esser data per spacciata.

Ricordiamo anche che in favore di un programma gioca anche la promozione che di questo viene fatta dal network d’appartenenza, la durata, la collocazione. Scelte indipendenti dalla bontà o qualità del programma stesso (cose che a Mediaset riescono benissimo, ma in Rai meno).



3. Nina ha scritto:

7 maggio 2011 alle 10:46

Mi piace molto questa finestra sulla TV all’estero, almeno possiamo renderci conto che DAPPERTUTTO ci sono gli stessi reality con tassi di spazzatura molto elevati. Alla faccia dei soloni nostrani che ci ammorbano con prediche sul corpo delle donne.



4. claudia ha scritto:

7 maggio 2011 alle 13:00

Nina: ti ricordo però che in Italia le “prediche sul corpo delle donne” sono nate non da uno scapezzolamento in un reality, bensì da una vergognosa fusione fra tv trash e politica… Se non fosse venuta fuori la storia del bunga bunga, se non si fosse scoperto che le “vallette” Mediaset visitavano abitualmente Arcore e se non fosse venuto a galla che alcune di queste sono passate facilmente dagli stacchetti di Colorado ad una poltrona in politica probabilmente la polemica sulle “veline” avrebbe avuto toni ben più contenuti e (allora sì) la situazione italiana sarebbe stata paragonabile a quella, per esempio, spagnola.



5. Joseba Ballester Alizpikueta ha scritto:

7 maggio 2011 alle 14:25

Il mio reality: io credo che questo “boom” sia dovuto al giro di 360 gradi che ha dado il reality,si é passati da un programma “bianco” (cioé senza parolacce e scandali, con un presentatore alla “Milly Carlucci” e un cast con famosi che non erano poi tanto famosi) a un programma piú agressivo (cast con i personaggi piú polemici che ci sono in circolazione in Spagna e presentatore alla “Simona Ventura”) e questo creare polemica e scandalo dal minuto zero , attrae al pubblico iberico



6. Joseba Ballester Alizpikueta ha scritto:

7 maggio 2011 alle 14:42

Boop: questi sono i concorrenti di quest’ edizione
Aida Nizar: ex-concorrente del Gf (forse la piú polemica che sia mai passata per il reality) ed ora polemista in “Enemigos Intimos” di Telecinco
Tatiana Delgado: pornostar, quella del scapezzolamento
Yessica Bueno: miss Sevilla 2011 ed ex del tennista Feliciano Lopez, famosa per la polemica dell’anno scorso,dovuto a dei brogli che si ebbero durante la sua coronazione a miss
Jose Manuel Montalvo:Mister España 2008
Kiko Rivera “Paquirrin”: il ciccione che sta di spalle nella foto é il figlio di uno dei piú famosi toreri :”Paquirri” , morto durante una corrida e di Isabel Pantoja una cantante folclorica abituata agli scandali. Difatti la Pantoja fu la sposa di questo torero dopo l’amante segreta di una giornalista prima, Encarna Sanchez, e di una cantante, Maria del Monte, poi. Dopo fu la compagna del sindaco di Marbella Julián Muñoz e attualmente é una degli accusati, insieme al suo ex, del “caso Malaya”, la nostra tangentopoli.
Rosa Benito: cognata della piú importante cantante spagnola, Rocío Jurado morta nel 2006 ed attualmente opinionista di “Sálvame”
Sonia Monroy: ex-componente del gruppo sex-bomb e famosa per essere morsa nel culo da un serpente in una puntata di “cronicas marcianas”
Toni Genil: cantante alla “Leone di Lernia”
Reyes Estevez: miglior atleta spagnolo del 1999
Comunque Aida ha sputato in faccia a Paquirrin perché quest’ultimo le aveva accusato di stratega e che le importa soltanto le telecamere e questa “suppostamente” gli ha sputato in faccia. Qui ,rispetto all’Italia, invece di crocifiggere il conduttore i vari programmi “satellitte” ci stanno sguazzando sopra!



7. Peppe93 ha scritto:

7 maggio 2011 alle 15:47

Vedo che è stata una puntata scoppiettante. Si sa che nella tv spagnola risse e sputi sono all’ordine del giono. Però dato che sono curioso perchè non facciamo un live?



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.