Telecinco



12
gennaio

Uomini e Donne: bassi ascolti in Spagna, il programma passa da Telecinco a Cuatro

Uomini e Donne tronisti spagnoli

I tronisti spagnoli di Uomini e Donne

Grane per Uomini e Donne. Il dating show è costretto a cedere il suo spazio e a subire un declassamento. Non in Italia, però, dove il programma è intoccabile ma in Spagna dove va in onda la versione locale Mujeres y Hombres y Viceversa. Dal prossimo 24 gennaio, il programma lascerà l’ammiraglia Telecinco e approderà lo stesso giorno, con una doppia diretta (e una “scelta”), sulla meno ambiziosa Cuatro, rete del gruppo Mediaset rivolta ai più giovani.




21
dicembre

Laura Pausini giudice pure ad X Factor Spagna. L’Italia snobbata

Laura Pausini

Laura Pausini

Ennesimo incarico da giudice in un talent show per Laura Pausini. Ebbene sì, la cantante romagnola si appresta a sedere sulla poltrona da giurata della quarta edizione di Factor X, la versione spagnola di X Factor, che Telecinco manderà in onda nel corso del 2018. Un ruolo, quello del giudice, certamente non nuovo all’interprete di Solarolo, che all’estero ha avuto modo di rivestire a più riprese diventando una sorta di “prezzemolina” del genere. Dalla Spagna al Messico, passando anche per gli Stati Uniti: l’unico a rimanere ancora una volta a bocca asciutta sembra essere proprio il pubblico italiano.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,


18
aprile

SUPERVIVIENTES: UN MODELLO ITALIANO SULL’ISOLA DEI FAMOSI SPAGNOLA. LOCATION CONDIVISE CON L’EDIZIONE ITALIANA

Mario D'Amico

E’ ai nastri di partenza sulla televisione spagnola – più precisamente su TeleCinco giovedì 21 aprile – una nuova edizione di Supervivientes, alias Isola dei famosi versione iberica. I partecipanti sono già partiti e il programma (giunto già alla quindicesima edizione) ritroverà quest’anno diversi aspetti che lo legano all’Italia, a partire dal cast ma anche nelle location.





17
marzo

TV, SPAGNA: IL PRIME TIME DURA TROPPO. IL MINISTERO DELLA SANITA’ CHIEDE DI MODIFICARE I PALINSESTI

Rtve, Masterchef Junior

In Spagna la durata del prime time televisivo è diventata una questione di salute pubblica. La programmazione si protrae fino a notte fonda, con conseguenze negative sul benessere dei telespettatori: a lanciare l’allarme è stato il Ministero della Sanità iberico, che ha chiesto alle emittenti nazionali di modificare il palinsesto, anticipando l’inizio della prima serata. Il prime time, infatti, inizia abitualmente attorno alle 22.30, orario in cui gli spagnoli si accomodano davanti al piccolo schermo.

Lo stile di vita iberico, infatti, ha le lancette spostate in avanti rispetto alle nostre consuetudini. Basti pensare che in Spagna la maggior parte dei tg inizia alle 21 e che l’orario di massimo ascolto del prime time si attesti attorno alle 23.15. Così, i programmi in onda nella fascia oraria più prestigiosa si prolungano talvolta ben oltre le 2 della notte (ad esempio giovedì scorso il Grande Fratello Vip, iniziato alle 22:53 dopo un’ora di anteprima, si è concluso all’1:51 per poi dare la linea alla diretta dalla Casa). La Commissione nazionale per la razionalizzazione delle ore di lavoro ha però chiesto di invertire la rotta, denunciando come – per colpa della tv – gli spagnoli dormirebbero 53 minuti in meno rispetto agli altri cittadini europei, con conseguenze sulla salute, sulla produttività lavorativa e sulle percentuali di assenteismo.

La Commissione ha quindi chiesto alle emittenti di cambiare le abitudini televisive: finora, ad accogliere l’invito è stata solo l’emittente pubblica Rtve, che dal 2 marzo scorso si è impegnata ad iniziare le trasmissioni serali entro le 22.15 e a concluderle entro la mezzanotte. In tempi non sospetti, il gruppo televisivo aveva ricevuto critiche per la messa in onda di MasterChef Junior (seguito anche dai più piccoli) dalle 22.30 alle 00:30 in giorni feriali. Ora la situazione sembra destinata a cambiare.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,


18
novembre

JESUS VAZQUEZ A DM: LAURA PAUSINI SARA’ COACH DI THE VOICE SPAGNA. MI PIACEREBBE AVERE ANCHE RAFFAELLA

Jesús Vázquez

E’ un gigante della tv spagnola. Nato a Ferrol 49 anni fa, ha trascorso metà della sua esistenza su un palcoscenico e sotto l’occhio dei riflettori; la sua lunga carriera, iniziata al fianco di Penelope Cruz e Natalia Estrada, lo ha visto al timone delle versioni spagnole de La Ruota della Fortuna, Affari Tuoi, Operazione Trionfo, Pechino Express, L’Isola dei Famosi, La Ghigliottina, Un Minuto per Vincere e Jump! Stasera Mi Tuffo, soltanto per citarne alcuni.

Attualmente è il volto di punta dei talent show di Telecinco, ma nel suo palmares si annotano anche la conduzione del baby talent Pequeños Gigantes, mentre a breve gli spettatori iberici lo ritroveranno alla guida dei programmi più seguiti del paese, ovvero La Voz e La Voz Kids.

Il suo nome è Jesús Vázquez che si racconta sulle nostre pagine, riservando a DavideMaggio.it un #BOOM bello e buono: il conduttore ufficializza, infatti, la presenza di Laura Pausini tra i coach della terza edizione de La Voz, in partenza nel 2015 su Telecinco.

Caro Jesus, se dovessi farti conoscere al pubblico italiano parlando di un solo programma che hai condotto nella tua carriera (perché magari ne vai fiero o perché sei stato particolarmente bravo), di cosa parleresti?

No, non farmi dire questo per cominciare!!! Non posso sceglierne uno solo. Tutti mi hanno insegnato qualcosa e con tutti ho cercato di divertirmi e far divertire il pubblico. Farei un piccolo video con alcuni dei migliori momenti di OT (Operazione Trionfo, ndDM), La Voz, La Voz Kids, Alla Tú (Affari Tuoi) e Supervivientes (Isola dei Famosi).

Bellezza, talento, tenacia. Quale di queste tre qualità ti sono servite di più per sfondare?

L’aspetto fisico, quando sei giovane, ti può aprire la prima porta. Dopo 25 anni di carriera, mi è chiaro che solo la tenacia, il lavoro duro e un pizzico di fortuna mi permettono di andare avanti.

Al contrario c’è qualcosa che ti ha ostacolato nel tuo percorso?

Ci sono sempre ostacoli, invidie, gente che cerca di metterti i bastoni tra le ruote. Altre volte sei tu stesso a sbagliare e fallire. Bisogna imparare, prendere lezioni da ogni caduta e rialzarsi.

Hai iniziato in un programma musicale al fianco, tra gli altri, prima di Penelope Cruz, diventata una star internazionale, e poi di Natalia Estrada, diventata molto famosa in Italia prima della sua scelta di ritirarsi dal mondo dello spettacolo. Che ricordi hai degli esordi?

Sono stati anni molto divertenti e folli. Era il 1990 ed eravamo molto giovani. Era appena sbarcato in Spagna un nuovo modo di fare televisione, una nuova era, un’autentica rivoluzione: la televisione privata. Con Penelope e Natalia mi sono divertito moltissimo, eravamo bambini e stavamo vivendo qualcosa di incredibile.

E tu hai mai pensato di andare all’estero?





4
luglio

EL PRINCIPE: L’”HOMELAND SPAGNOLA” NELL’AUTUNNO DI CANALE 5

El Principe

Olè. Non si può che commentare così la china che Canale 5 sembra aver preso, quella che vede il palinsesto dell’ammiraglia Mediaset sempre più zeppo di programmi importati dalla tv spagnola, da telenovele con un numero incredibile di puntate a serie tv brevi ma intense.

El Principe: la serie in tredici puntate da Telecinco a Canale 5

Dopo Il Segreto, Il Tempo del coraggio e dell’amore e Cuore ribelle, toccherà il prossimo autunno a El Principe (Il Principe), serie tv crime di Telecinco che quest’anno ha sbancato, portandosi su una media di cinque milioni di telespettatori a puntata. Tredici per la prima stagione – la seconda è in produzione – da settantacinque minuti ciascuna e in sintonia con le avventure di Sira Quiroga, trattandosi di una storia d’amore che si svolge sullo sfondo di una realtà ostile ed intrisa di misteri e conflitti.

El Principe: la trama

Se il titolo e le ambientazioni richiamano alla mente le fantastiche avventure de Il principe di Persia, che ha fatto sognare tante generazioni, qui siamo in una realtà meno romantica e più moderna, dove El Principe non è quello che arriva sul suo cavallo a salvare la principessa ma il nome dato ad un quartiere difficile, nel quale si svolge la storia di Javier Morey (Álex González) e Fatima Ben Barek (Hiba Abouk) rispettivamente un poliziotto spagnolo di religione cristiana ed una giovane maestra di religione musulmana, protagonisti di un amore evidentemente impossibile.

Fatima è oltretutto sorella del narcotrafficante Faruq Ben Barek (Rubén Cortada), che con le sue attività illecite le porterà solo guai impedendole di seguire la sua strada, mentre Javier deve fare i conti con il suo capo, Francisco “Fran” Peyón (José Coronado), un poliziotto dai metodi molto poco ortodossi di cui il giovane sente di non potersi fidare e che si è forse calato fin troppo nella realtà da guerriglia che li circonda.

El Principe vs Tale e Quale Show


18
marzo

RAFFAELLA CARRA’ DA THE VOICE OF ITALY AL C’E’ POSTA PER TE SPAGNOLO

Raffaella Carrà

A quasi 70 anni riesce ancora ad accendere i riflettori su di sè. Attrice, cantante, conduttrice e ora coach, Raffaella Carrà ha conosciuto più di una vita artistica. Una forza mediatica in grado di conquistare l’Italia ma anche svariati paesi del mondo. Non stupisce, dunque, che all’impegno tricolore a The Voice, la regina del Tuca Tuca alterni delle ospitate in terra straniera.

Raffaella, martedì prossimo, sarà special guest di Hay una cosa que te quiero decir, versione spagnola di C’è Posta per Te, nella quale ricorderà alcuni degli episodi più significativi della sua carriera e farà una sorpresa ad una sua grande fan, Isabel, che ha aperto un bar tematico interamente dedicato a lei. A sua volta, poi, sarà Raffa a ricevere una sorpresa.

A proposito di C’è posta per te – programma che non ha mai avuto modo di ospitarla -, ecco quello che la coach del team Carrà dichiarava al settimanale ‘A’ nel febbraio 2012:

“Vanno in onda molti programmi ispirati a idee mie. Il treno dei desideri è molto simile a Sogni, C’è posta per te a Carramba che sorpresa. All’inizio mi seccava molto. Ora mi sono abituata a pensare che quella è la mia eredità (…) Non ce l’ho con la Clerici, o con la De Filippi, ma con i dirigenti che hanno permesso accadesse.”

Avrà cambiato idea? Le sue dichiarazioni passate, rilette quest’oggi, sembrano di stretta attualità dopo che, nella puntata di Amici di sabato scorso, Maria de Filippi ha spiegato di non aver mai scimmiottato programmi altrui. In quel caso, ‘oggetto del contendere’ era una presunta somiglianza nei meccanismi di Amici 12 e The Voice.


15
marzo

DM LIVE24: 15 MARZO 2013. LA FERRARI IN REGIONE LOMBARDIA?, STATUETTE DI PAPA FRANCESCO GIA’ PRONTE, SUCCESSO PER I TUFFI IN SPAGNA

Statuetta Papa Francesco (foto da Campania24News)

Statuetta Papa Francesco (foto da Campania24News)

>>> Dal Diario di ieri…

  • Le Ferrari in Regione Lombardia?

tinina ha scritto alle 13:22

MILANO – C’è anche il nome di Paola Ferrari tra le possibili ‘new entry’ nella giunta della Regione Lombardia, targata Roberto Maroni. La presentatrice de ‘La Domenica Sportiva’ entrerebbe in politica, suggerita direttamente da Daniela Santanchè, una delle massime esponenti del Pdl lombardo. (Fonte Leggo.it)

  • Statuette di Papa Francesco già pronte a Napoli

tinina ha scritto alle 17:23

NAPOLI – Non si è fatto in tempo ad eleggerlo il nuovo papa che a San Gregorio Armeno, a Napoli, già è pronta la sua statuina per il presepe. Una notte intera per crearla, ma da stamattina, nella bottega del maestro pastoraio Genny di Virgilio a San Gregorio Armeno, era già pronta la statuina di Papa Francesco. (Fonte Leggo.it)

  • Successo per i tuffi in Spagna

Master ha scritto alle 18:58