27
maggio

FRATELLI D’IDHALIA LA PAY TV S’E’ DESTA. BISCARDI E VENTURA PER UN PROCESSO MONDIALE.

Perchè Fratelli d’idahlia? Perchè c’è il Mondiale, perchè il canale su cui va in onda è Dahlia Tv e perchè, parola di Aldo Biscardi, “dicono che pronuncio così la frase Fratelli d’Italia”. Giunto al suo diciannovesimo mondiale, Biscardi prova l’esperienza della pay tv e lo fa portandosi dietro il suo celebre processo. La piattaforma, come detto, è Dahlia, concorrente di Mediaset Premium di proprietà di fondi svedesi e americani. Per le trenta puntate previste, che rimarranno tali anche se la nostra nazionale dovesse essere eliminata durante la fase a gironi, Biscardi ha scelto Sara Ventura come figura femminile. I due hanno già diviso il palco del processo nel lontano 1996/1997 e la conduttrice radiofonica porterà in dotazione alcune fugaci incursioni (telefoniche) della più nota sorella Simona. Sorelle d’Italia, in questo caso.

Inviato dal Sudafrica sarà Massimo Caputi, che dovrà destreggiarsi fra questo impegno, quello con Rtl 102.5 e quello con la web tv lanciata con Stefano Bettarini (BetCapTv). Ospiti fissi in studio l’ex gloria dei giallorossi Giuseppe Giannini, il giornalista Giorgio Martino, e il portavoce del Pdl Daniele Capezzone. Altri nomi di politica e spettacolo saranno coinvolti di puntata in puntata. Focus particolare, visto il periodo, sarà dedicato al calcio mercato. La rassegna stampa sarà curata, sempre all’insegna del tema ‘fratelli e sorelle’, da Ariel e Vittorio Feltri. I due, giornalista e direttore de Il Giornale, si occuperanno quotidianamente di una scheda dedicata alla competizione calcistica.

Se l’esperimento dovesse incontrare i favori del pubblico, ha lasciato intendere l’amministratore delegato di Dahlia Fabrizio Grassi, si potrebbe parlare di una prosecuzione futura del progetto. Per ora l’unico che resterà ’sulla’ piattaforma pay è Massimo Caputi, nominato vicedirettore con delega al calcio di Dahila Tv.

Nei progetti futuri di Grassi c’è il lancio del canale generalista Extra, che si va ad aggiungere ai 14 già esistenti e trasmetterà in esclusiva il backstage del tour di Gigi D’Alessio, e il lancio del concorso Belle d’idahlia, per trovare nuovi volti femminili da mandare sui campi di calcio nostrani.

Attiva dal marzo del 2009, Dahila ha venduto 600.000 tessere.



Articoli che potrebbero interessarti


Southafrica 2010, FIFA World Cup
MONDIALI DI CALCIO IN TV, ECCO GLI APPUNTAMENTI: RAI E SKY CAPOCANNONIERI DELL’EVENTO. STASERA SU RAI2 CONCERTO D’APERTURA CON SHAKIRA


Rai, palinsesti primaverili
RAI, PRIMAVERA 2010: “GIGI, QUESTO SONO IO” PER D’ALESSIO, “STASERA E’ LA TUA SERA” PER GIUSTI, “ARIA FRESCA” PER CONTI. I SOLITI IGNOTI TORNANO IN ACCESS. ECCO TUTTE LE NOVITA’


Pallone da calcio
RIPARTE IL CAMPIONATO DI CALCIO: TORNANO TUTTI I PROGRAMMI CULT, ANCHE “IL PROCESSO” DI BISCARDI


Belen Rodriguez e Stefano De Martino
Castrocaro 2019, Belen e Stefano: «Porteremo sul palco l’equilibrio comico che abbiamo nella vita». Ospite Gigi D’Alessio

4 Commenti dei lettori »

1. alessandra ha scritto:

27 maggio 2010 alle 16:45

ma la rai che dice che caputi sta a dhalia? se po ffà? e poi come mai i coniugi Ventura-bettarini si sono datti alle web tv????



2. raffaele ha scritto:

27 maggio 2010 alle 17:00

Come “giunto al suo diciannovesimo mondiale”?
Nel senso che è nato lo stesso anni dei mondiali, spero…



3. MetaMorph ha scritto:

28 maggio 2010 alle 09:12

Effettivamente c’è qualcosa che non quadra nell’articolo… le edizioni dei mondiali che si sono svolte finora (compreso il 2010) sono esattamente 19 (nel 1930, ‘34, ‘38, poi dal 1950 ogni quattro anni). Ma mi riesce un po’ difficile credere che Biscardi ci fosse già a commentare già quello del 1930 (era appena nato, stando a Wikipedia)…

Statemi bene…



4. Martina Pennisi ha scritto:

28 maggio 2010 alle 09:43

Si, si tratta dei mondiali ‘vissuti’



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.