12
aprile

WEB 2.0 E INNOVAZIONE: IL RUOLO DEI BLOG NELL’ENTERTAINMENT TELEVISIVO ITALIANO.

Cari lettori tempo fa vi avevamo chiesto di aderire ad un progetto di ricerca che stavo conducendo per l’Università Bocconi. Ebbene, ora che il progetto è concluso, eccomi pronto a rendervi partecipi dei risultati della ricerca. Partiremo, innanzitutto, con la pubblicazione di sei interviste a stimati ed influenti protagonisti del settore dell’entertainment televisivo che, insieme a Voi, ci hanno concesso parte del loro tempo prezioso. Ma andiamo per ordine.

Fulcro del lavoro è stato il ruolo assunto dai blog nel settore dell’intrattenimento televisivo italiano. Partendo da una disanima sulla crescente diffusione del Web 2.0, nonché sulle sue potenzialità innovative, si è circoscritta l’analisi alla blogosfera. Parte integrante del web 2.0 ed emblema della rivoluzione democratica da questo compiuta, è stato volto lo sguardo verso le potenzialità dei web log, in termini di innovazione e di influenza sui comportamenti del consumatore.

Tale trattazione, come riferito, è avvenuta limitatamente ad un solo settore: quello dell’entertainment televisivo. Alla base di tale decisione lo stato di maturità in cui sembra versare il settore; la constatazione del massiccio spazio che la televisione occupa sul web 2.0; il legame atavico intercorso tra i due mezzi di comunicazione per eccellenza, internet e televisione; e le specificità della blogosfera televisiva. Grazie all’analisi della letteratura, e alla mia esperienza da blogger; sono state formulate tre research question.

Scopri dopo il salto le tre research question ed i nomi degli intervistati.

Di seguito una breve spiegazione delle domande di ricerca

1. Research question:
Quali sono le variabili che spingono gli addetti ai lavori a prendere in considerazione un blog? (L’esistenza di migliaia di blog di televisione esistenti, frutto del potere democratizzante del web 2.0, ci impone di fare un distinguo. Non tutti i blog contribuiscono al processo innovativo allo stesso modo, ragion per cui risulta interessante capire quali possano essere le caratteristiche che determinano e accrescano il potere innovativo di un blog. L’ipotesi posta è che la caratteristica fondamentale, condicio sine qua non, sia la considerazione che broadcaster e produttori hanno verso quel blog, a sua volta frutto di altri fattori che, in questa sede, vogliamo cercare di capire)

2. Research question:
C’è una generale sottovalutazione delle potenzialità innovative dei blog nell’entertainment televisivo italiano? Da cosa può esser dipeso ciò? (A proposito, dell’apporto in termini di innovazione che un blog può dare, ci siamo resi conto di una certa sottovalutazione degli addetti ai lavori nei confronti delle potenzialità dei blog. I dati presentati in precedenza ci dicono sì di una grande attenzione riservata al web 2.0 ma non se questa sia dovuta al potenziale contributo al processo innovativo. Nel corso della ricerca, è stata così introdotta un’ulteriore research question per capire se effettivamente gli addetti ai lavori non sfruttassero a dovere le valenze innovative del web 2.0, nella forma dei blog; con lo scopo in caso affermativo di sondarne le motivazioni)

3. Research question:
Quando i commenti possono assumere un’importanza rilevante nell’influenzare un lettore sulla fruizione di un nuovo programma televisivo? (Alla base della research, un’asserzione fatta nel capitolo che precede, vale a dire, che le critiche positive e negative lette sui blog influenzano chi le legge, soprattutto nei casi di nuovi prodotti. Possiamo, alla luce dei fatti, ritenere questa assunzione valida anche per i blog di televisione. Allo stesso tempo, però, non possiamo esimerci dal segnalare delle specificità della blogosfera in oggetto. Tali specificità sono essenzialmente legate alle particolari modalità di fruizione del prodotto televisivo, e alla connotazione dei blog televisivi, alcuni dei quali organizzati come vere e proprie redazioni giornalistiche online)

Queste le tre research risolte con l’ausilio della ricerca qualitativa. Se l’ultima domanda di ricerca è stata risolta grazie al vostro aiuto e al monitoraggio di più di 9000 commenti rilasciati su DavideMaggio.it, le prime due hanno necessitato  di interviste individuali a sette addetti ai lavori/esperti del settore. In ossequio ai precetti della ricerca qualitativa, sono state raggruppate personalità per quanto più possibile rilevanti e con un ruolo diversificato all’interno della televisione che spaziasse dalla televisione generalista alla satellitare, dai broadcaster alle società di produzione. Per siffatta ragione le scelte sono cadute su: Massimo Donelli, direttore del più importante network privato italiano Canale 5; Roberta Mirra, head of format di Einstein Multimedia; Alessandro Grieco, direttore di Comedy Central; Carlo Casoli, responsabile-capo della comunicazione Rai di Milano; Luca Zanforlin, autore di Fascino pgt; Claudio Cavalli, fondatore di Quadrio; Davide Maggio, più famoso blogger televisivo italiano.

A partire da domani, con cadenza periodica, tali interviste saranno pubblicate su DM. Si comincia con il Direttore di Canale5 Massimo Donelli. Al termine della pubblicazione delle interviste anche i risultati della ricerca troveranno spazio su DM.

 Se sei interessato a maggiori informazioni sul progetto clicca qui.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati

7 Commenti dei lettori »

1. Cristian Tracà ha scritto:

12 aprile 2010 alle 14:39

complimenti mattia…bellissimo lavoro. Spero che riceva l’attenzione che merita…In bocca al lupo



2. lauritas ha scritto:

12 aprile 2010 alle 14:42

complimenti anche da parte mia!



3. Daniele Urciuolo ha scritto:

12 aprile 2010 alle 14:51

mi associo ai complimenti!



4. lauretta ha scritto:

12 aprile 2010 alle 14:58

lavoro davvero ben fatto!! Bravissimo!



5. Mattia Buonocore ha scritto:

12 aprile 2010 alle 15:57

GRAZIE GRAZIE GRAZIE :D



6. Marinella ha scritto:

12 aprile 2010 alle 16:53

Grazie a te Mattia di averci reso partecipi! ;)



7. Davide Maggio ha scritto:

12 aprile 2010 alle 20:40



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.