14
marzo

LA MIA CASA E’ PIENA DI SPECCHI: UN’INEDITA SOPHIA LOREN NEI PANNI DI SUA MADRE

La Mia Casa è Piena di Specchi: Sophia Loren e Margareth Madè

«Questa non è una fiction, ma la storia vera della nostra vita». Così Sofia Loren descrive La mia casa è piena di specchi, la miniserie che la vede protagonista nel ruolo di sua madre, in onda su Raiuno questa sera, 14 marzo, e domani in prima serata, per la regia di Vittorio Sindoni. Un film liberamente ispirato all’omonimo romanzo di Maria Scicolone, sorella minore di Sophia, per la quale la Loren sottolinea: «Ci ho messo tanto ad accettare. Il libro di mia sorella è molto bello. Ho detto sì per fare un omaggio a mia madre, che si è sempre battuta per noi».

La fiction racconta la storia di una delle più grandi attrici italiane (Sophia Loren), interpretata da Margareth Madè, che arriva, dopo le innumerevoli vicissitudini che possono coinvolgere una famiglia povera negli anni del dopoguerra, a vincere il premio Oscar nel 1962 con “La Ciociara” (in onda lunedì, sempre su Rai Uno, subito dopo la seconda puntata). Anni in cui la forza, diversa ma complementare, di tre donne, Romilda (la madre), Sophia e Maria (le figlie), permette a ciascuna di loro di realizzare con sacrificio il proprio sogno, pur senza un padre/marito, interpretato da Enzo De Caro, che arriva a non riconoscere nemmeno le sue creature. Nel film Sophia Loren interpreta il difficile ruolo di sua madre Romilda Villani, una donna bellissima che nel 1932 vince un concorso per andare ad Hollywood come sosia di Greta Garbo ma che deve abbandonare i sogni di gloria a causa della sua famiglia: un ruolo particolarmente impegnativo attraverso il quale Sophia Loren rende omaggio alla donna che le ha permesso di diventare una stella del cinema.

«Mia madre era amareggiata perché non ha avuto una vita di donna: sognava di sposarsi con l’abito bianco! È stata infelice: la guerra, la fame, l’elemosina che ha fatto per noi. Si è battuta per darci un nome, una famiglia. Per me si è sacrificata, ero la sua rivincita. Ma parlo per me e non per mia sorella». Maria, infatti, ha vissuto la madre in maniera differente e più travagliata: «Sophia e io abbiamo vissuto nostra madre in modo diverso: è stata una madre con lei e un’altra con me. Grazie alla brillante carriera di Sophia nel cinema, realizzava i suoi sogni. Con me è stata soffocante, involontariamente cattiva, mi ha amato, ma anche sacrificato. Ho avuto una brutta infanzia, a 8 anni ero già un’adulta stanca». Insomma, una donna che ha amato, ma al contempo fatto soffrire involontariamente, le proprie creature, così come molto spesso accade ai personaggi di grande spessore.

La mia casa è piena di specchi è un film di Vittorio Sindoni del 2010, con Sophia Loren, Margareth Madè, Carla Cassola, Nicola Di Pinto, Enzo De Caro, Xhilda Lapardhaja, Raffaele Esposito, Gea Martire. La produzione è di Claudio Saraceni per ideaCinema; la sceneggiatura è firmata da Patrizia Carrano, Piero De Bernardi, Andrea Saraceni, Alessandro Zambrini e Maria Scicolone. Distribuito in Italia a partire dal 14.03.2010.



Articoli che potrebbero interessarti


sophia-loren - la-mia-casa-e-piena-di-specchi
LA MIA CASA E’ PIENA DI SPECCHI (PER LE ALLODOLE)


Notte Prima degli Esami 82
NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI 82: ENNESIMO TUFFO NEGLI ANNI 80, QUESTA SERA E DOMANI SU RAI 1


Notte
NOTTE PRIMA DEGLI ESAMI ‘82: IL FILM DIVENTA MINISERIE LUNEDI 23 E MARTEDI 24 MAGGIO SU RAI1


nino-frassica-fiction Rai1
FICTION: BEPPE FIORELLO SARA’ CARUSO, SI PREPARA “IL CACCIATORE” SULLA ‘NDRANGHETA

23 Commenti dei lettori »

1. Markos ha scritto:

14 marzo 2010 alle 16:48

Stasera sacrifico il GF per questa fiction. Sicuramente sarà ben realizzata dopo aver sentito i complimenti Maria Scicolone. Fino a 5 giorni fa non mi passava proprio per la testa di vedere la miniserie. Invece avendo visto varie anteprime per caso, ho cambiato idea.



2. Francesco Rienzo ha scritto:

14 marzo 2010 alle 16:59

Guarda ho visto dalle dichiarazioni una Sofia Loren molto emozionata nell’interpretare questo ruolo. Non è da sempre interpretare la propria vita, nei panni di un altro personaggio che ti è sempre stato accanto, come tu lo vedevi da giovane.

E soprattutto non è da sempre poter interpretare la propria vita da viva :)



3. Pape Satan ha scritto:

14 marzo 2010 alle 17:22

Questa non la sapevo…

Una fiction sulla Loren
con la Loren nel ruolo
della madre della Loren.

Tutto ciò mi ricorda

Rain Man

chi è in prima base?



4. lillina ha scritto:

14 marzo 2010 alle 17:45

Pape sei proprio pacevole a leggere con queste tue minielucubrazioni.
Comunque anch’io ho visto varie promo e sono molto curiosa di seguire la miniserie inoltre non è di tutti i giorni una fiction con uno dei miti del cinema mondiale parlo di Sofia ovviamente, a domani i commenti.
E.. a proposito la Loren per essere ciò che è ha cominciato da zero e se anche è stata agevolata dalla sua unione con Ponti studio e impegno continuo hanno segnato il suo percorso, medita savoiardo, medita……!



5. Pape Satan ha scritto:

14 marzo 2010 alle 18:02

lillina

Posso solo ringraziare per il complimento

e soprattutto per aver chiamato “elucubrazione”

quella che si potrebbe
a ragion veduta

chiamare “fesseria” ;)



6. Davide Maggio ha scritto:

14 marzo 2010 alle 18:22

@ Pape: o pippa mentale :D

@ lillina: e il post che ci sta a fare gia’ da oggi? :D



7. Pape Satan ha scritto:

14 marzo 2010 alle 18:31

Davide Maggio

Che fai, mi plagi la gente che mi apprezza? ;)

Che poi
a proposito di pippe

ndo l’hai trovata quella foto della Marcuzzi?

Meglio non indagare :)



8. lauritas ha scritto:

15 marzo 2010 alle 00:06

bella, mi è piaciuta tanto questa prima puntata!!!…anche io ho sacrificato il gf, ma stasera non si poteva proprio vedere-sentire!



9. Davide Maggio ha scritto:

15 marzo 2010 alle 00:09

Io me la rivedro’ ora. Sono appena tornato.



10. Laura ha scritto:

15 marzo 2010 alle 00:13

Aspetto un tuo commento sulla fiction: buona visione! :)



11. giulia ha scritto:

15 marzo 2010 alle 10:07

La Loren è la Loren e riuscirebbe a resuscitare anche i morti con il suo carisma, la sua arte, la sua simpatia… ma nella fiction di ieri sera è stata un lampadario di cristallo in una baracca.
Possibile che una storia umana così bella ( una vera e propria favola moderna ), così importante per la storia del cinema italiano, scritta ed interpretata da due delle protagoniste principali sia stata sceneggiata così male ?
Senza parlare degli attori assolutamente fuori luogo ( la madre di Romilda che parla un napoletano stentato, la deliziosa Maria Scicolone interpretata da una ragazzetta con un sorriso sardonico imbarazzante, la grande personalità di Carlo Conti affidata ad un pelatino insipido…).
Si può mai risparmiare su Sophia Loren ?



12. Pape Satan ha scritto:

15 marzo 2010 alle 11:44

Carlo Conti???
Il genio della “lampada”?

Ma quanti anni ha?

Lo facevo molto,
ma molto
ma molto
più giovane

Miracoli degli UVA



13. giulia ha scritto:

15 marzo 2010 alle 12:57

Pape Satan:
Carlo Ponti !!!
Sorry! :)



14. lillina ha scritto:

15 marzo 2010 alle 13:36

Pape ma che dici Ponti non c’è più da alcuni anni, comunque la Loren è grandiosa, letteralmente UNICA e inimitabile, emana una forza incredibile dal suo personaggio e dallo schermo ed è chiaro che sovrasta di chilometri tutti gli altri e ne evidenzia purtroppo le lacune, mi meraviglia però lo share, pensavo molto ma molto di più.



15. SILVIA ha scritto:

15 marzo 2010 alle 13:43

MA SONO L’UNICA CHE HA NOTATO CHE LA MADè PARLAVA SICILIANO?



16. Davide Maggio ha scritto:

15 marzo 2010 alle 13:50

@ SILVIA: e perche’… l’accento di Preziosi? Poi non ho capito perche’ le cameriere parlavano barese anziche’ leccese :-) Piu’ in generale, mi aspettavo un mezzo “capolavoro”, in realtà del capolavoro non c’era nemmeno l’ombra.



17. Pape Satan ha scritto:

15 marzo 2010 alle 13:52

lillina

ma che dici?
E’ quello che fa l’eredità

…e dunque è morto

hai ragione tu



18. luca ha scritto:

15 marzo 2010 alle 14:33

oOddio FERMATELA!!!Brutta,Brutta,Ma che più Brutta non si può:Lei,patetica oltre che ridicola,la Madè de legno, Maria sembra celebro lesa sceneggiata come una telenovelas di quarta categoria,imbarazzanti effetti di cromakey sui primi piani in esterno,costumi di un brutto unico,interni squallidi.FERMATE la Loren e Parentato.Veramente indegno.VERGOGNA



19. pittri ha scritto:

15 marzo 2010 alle 14:53

un tempo amavo sofia…ora nn ++++..nn mi suscita nessuna emozione….nn sono riuscita a guardarla…



20. abygail ha scritto:

16 marzo 2010 alle 11:58

Fiction indegna, fotomontaggi terribili, Sophia Loren che interpreta la parte di una 20 enne con una bimba piccola e che torna dai suoi genitori che si vede benissimo, hanno la sua stessa età se non di meno… Poco credibile nella parte, almeno finchè non passano gli anni.
Ho visto la prima puntata e non ce l’ho fatta a sorbirmi anche la seconda. ORRIBILE.



21. Alessandro ha scritto:

17 marzo 2010 alle 12:34

Io voglio capire in questa fiction cosa centrava un attrice straniera come Xhilda Lapardhaja ,dato che la sorella di Sofia doveva essere interpretata da una donna che avesse un accento napoletano…mah!



22. caterina ha scritto:

17 marzo 2010 alle 23:29

film stupendo, molto emozionante ma allo stesso tempo divertente:):):)bellissimo…e brava Sofia:)



23. david ha scritto:

20 marzo 2010 alle 12:44

questo telefilm, per di piu’ propinato dalla televisione de stato, é un insulto agli spettatori e a quello che potrebbe essere il loro minimo quoziente di intelligenza.
E lo è anche nei confronti della Loren, e di tutti coloro che , compreso suo marito, l’ hanno sostenuta a costruire una lunga carriera cinematografica, tutto sommato, prestigiosa.
Diretta una volta da eccellenti registi, (De Sica, Lumet, Cukor, Chaplin, Rosi, Risi, Reed, e molti altri), in ogni caso mal consigliata (la sorella??!!) vittima della sua smania di apparire sempre e dovunque (la prima pagina su Gala…, l’intervista con Conti, di pessimo gusto) Madame Loren deve assolutamente stare attenta nel gestire la sua immagine, altrimenti rischia di scivolare nel patetico, come é già il caso purtroppo.
Da Carlo Ponti, é passata a Carlo Conti, e questo dice tutto. Per fortuna che restano i suoi vecchi film, e la sua splendida immagine persisterà, in modo particolare all’estero, dove questa sua caduta di immagine, che il suo paese nativo le offre, é ignorata.
Ancora un consiglio alla Signora, stia lontana dall’Italia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.