21
febbraio

La Russa a Belve: «Un figlio gay? Lo accetterei con dispiacere» – Video

Ignazio La Russa e Francesca Fagnani (Us)

Come anticipato da DavideMaggio.it, ci sarà anche il Presidente del Senato, Ignazio La Russa, alla prima di Belve in prime time da questa sera su Rai 2. Un’ospitata, quella della seconda carica più importante della Repubblica Italiana, che fa già molto discutere in merito alle considerazioni sull’eventualità di avere un figlio gay.

Accetterei con dispiacere la notizia, perché credo che una persona come me, eterosessuale, voglia che il figlio gli assomigli. Però poi se non m’assomiglia, pazienza. E’ come se mio figlio fosse milanista (…) Le ho fatto un paragone preciso

ha dichiarato La Russa a Francesca Fagnani. Ma l’esponente di Fratelli d’Italia si “lascia andare” anche in merito ad altri temi delicati come il busto di Mussolini che ha tenuto in casa per anni:

Mi rimprovero di aver mostrato il busto di mio padre di Mussolini, ora lo vuole mia sorella, dice che papà l’ha lasciato a noi, ora ce l’ha mia sorella”.

“Manca la capacità di separare le cose importanti da cose dette in un altro senso, quindi ci devo stare attento, ma dico che sarebbe bello fare le battute, il politically correct lo odio”, aggiunge in merito al fascismo. Incalzato sull’ormai famoso “vaffa” di Silvio Berlusconi in Parlamento, il Presidente del Senato ammette:

Era per Giorgia (Meloni, ndDM). Lui in quel momento era molto arrabbiato – è la prima volta che lo dico, ma lo sanno tutti – perché Giorgia aveva imposto dei paletti sui nomi dei ministri, cosa che lui non aveva gradito (…) I paletti erano per la Ronzulli e altri minori”.

E a proposito di “ministre”, sostiene che il livello estetico delle donne nel centrodestra è diminuito e aumentato il livello della qualità.

Incalzato dalla Fagnani sul nome di un nemico a destra, La Russa:

Non mi è mai piaciuto il Vicepresidente della Camera... Quel Mules… (Giorgio Mulè)… Non è un nemico, ma non mi è simpatico. Almeno ho il coraggio di fare nomi io!”.

Francesca Fagnani sarà in diretta con Davide Maggio dalle 21 su Instagram, poco prima dell’inizio della puntata di Belve.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Ignazio La Russa (da Twitter)
BOOM! Il Presidente del Senato, Ignazio La Russa, alla prima di Belve


cazzullo una giornata particolare
I 10 programmi del 2023


Melissa Satta (PH Stefania Casellato)
Melissa Satta: «Paola Ferrari una rosicona». Le dichiarazioni a Belve


Eva Riccobono 05_PhStefaniaCasellato
Quella volta di Eva Riccobono in un locale gay di New York…

13 Commenti dei lettori »

1. ariel ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 11:59

Io preferirei 1 milione di volte avere un figlio gay piuttosto che uno come TE a rappresentarci al parlamento italiano…ma senza ombra di dubbio proprio!



2. Lorenzo78 ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 12:46

Sicuramente sarebbe più dispiaciuto il figlio di avere un padre come lui



3. Simone ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 12:51

Pensa come accetterebbe con dispiacere qualsiasi figlio pensante ad avere un padre come te.



4. Perseo ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 13:37

Dipende anche cosa si intende per gay. Se è una persona seria che si fa i fatti suoi ed ama chi vuole, rispetto. Ma una roba tipo Rosa Chemical non se l’augurerebbe nemmeno una coppia omosessuale come figlio.



5. Alessandro Manzato ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 13:54

Perseo, come spesso accade, perde sempre l’occasione per stare zitto. Spiace. E spiace perché pure inutile spiegare. Concordo con gli altri commenti sotto: meglio gay che uno come La Russa, a prescindere che il gay in questione sia simile a Malgioglio, Rosa Chemical, Tiziano Ferro, Jackub Jankto o gli insospettabili sposati di Grindr… (magari Perseo così capisce…) Buona vita a tutti.



6. Perseo ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 14:07

Manzato sono contento che sei indignato per il mio commento. Evidentemente, a te piace essere Fedez tra il pubblico a Sanremo durante l’esibizione di Rosa Chemical. Non ti invidio ;) .

P.S: L’hai voluto tu, io non tiro mai in causa nessuno nei miei commenti.



7. Paolo ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 14:47

Animali Antisgamici e dove trovarli. Digiamolo.



8. VIVA FIORELLO ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 17:48

Fiorello questa mattina si è incavolato con la Fagnani perchè ha fatto questa domando incredibile cosa stà succedendo !



9. Andrea C. ha scritto:

21 febbraio 2023 alle 19:18

Già il fatto di porre una domanda simile e ricamarci articoli , significa che c’è ancora strada da fare.
Tanto ormai la vera discriminazione ormai è tra chi ha soldi e chi non li ha .



10. Fabio ha scritto:

22 febbraio 2023 alle 16:15

La libertà di espressione, lo ricordo, vale per tutti i cittadini.
Se La Russa preferisce avere un figlio etero piuttosto che omosessuale, dove sta il problema? La libertà è un principio che vale sia in un senso che in un altro.
Detto questo, La Russa ha risposto alla domanda dicendo “Lo accetterei. Accetterei con dispiacere la notizia, perché credo che una persona come me, eterosessuale, voglia che il figlio gli assomigli. Però poi se non m’assomiglia, pazienza. E’ come se mio figlio fosse milanista (…) Le ho fatto un paragone preciso“.
In queste parole leggo l’intenzione di un padre che vorrebbe il proprio figlio in determinato modo, come qualsiasi padre in questo mondo.
Nelle vostre parole leggo solo offese.



11. Warren ha scritto:

22 febbraio 2023 alle 17:57

Fabio, ho letto il suo commento, credo che lei dimentichi o ignori che essere omossessuali non è una scelta come decidere di essere milanista o interista. La Russa ha detto che accetterebbe con dispiacere la scelta del figlio…ma non è una scelta, tengo a ribadire. Inoltre, di solito il genitore vuole che il figlio sia felice, non che sia come lui. Ma questo è tutto un altro discorso.



12. Fabio ha scritto:

23 febbraio 2023 alle 14:07

Warren, nessuno, ne io ne La Russa, ha parlato di scelte.
Io ho parlato di preferenza, preferenza personale.
Io posso essere libero di preferire un figlio maschio ad una figlia femmina, oppure omosessuale?
Fermo restando il principio che, a prescindere dalla propria preferenza, un bravo genitore deve andare oltre ed accettare, concetto che La Russa ha espresso proprio all’inizio del suo pensiero in risposta alla domanda, dicendo “lo accetterei”.
La libertà non può essere a senso unico.



13. Lorenzo78 ha scritto:

23 febbraio 2023 alle 17:37

Certo La Russa non ha parlato di scelta, ma se equipari cretinamente la cosa al discorso milanista/interista è chiaro che l’effetto che produci è quello.

Detto questo, i media come sempre ingigantiscono e alla fine le parole di La Russa non erano così scandalose, potevano essere ben peggiori, conoscendo il soggetto. Se però consideriamo che il nostro è un paese altamente omofobo in cui per questi temi ancora ci si suicida o si viene uccisi dalla seconda carica dello stato sarebbe senz’altro stato più decente tacere.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.