17
dicembre

gIANMARIA vince Sanremo Giovani. Ecco i 6 cantanti che staccano il pass per il Festival

gIANMARIA - Sanremo Giovani

gIANMARIA - Sanremo Giovani

Sanremo Giovani ha proclamato i 6 cantanti che accedono ufficialmente al Festival di Sanremo 2023, completando così il cast di 28 artisti. A sceglierli, su 12 finalisti in gara, la Commissione Musicale presieduta da Amadeus e composta dalla vicedirettrice Prime Time Rai Federica Lentini, l’autore Massimo Martelli e il maestro Leonardo De Amicis.

Ecco chi sono le “nuove proposte” che a febbraio tenteranno di farsi largo sul palco del Teatro Ariston. gIANMARIA è il vincitore di Sanremo Giovani, mentre gli altri 5 sono considerati tutti secondi classificati.

Colla Zio a Sanremo 2023

Band milanese formata da Tommaso Bernasconi, Andrea Malatesta, Tommaso Manzoni, Francesco Lamperti e Andrea Arminio, cinque ventenni cresciuti insieme che se non fanno musica non sanno cos’altro fare, inventandosi mille lavori per pagarsi la sala prove. Barre rap e canto si alternano su un tessuto pop fatto di armonizzazioni da gruppo vocale, ritornelli esplosivi e produzioni eterogenee, in un caleidoscopio di influenze urban e alternative. Hanno pubblicato il primo EP, “Zafferano”, uscito per Woodworm nel 2021. Esordiscono dal vivo al MI AMI Festival e aprono i live di artisti come Rkomi, Lo Stato Sociale e Dola. Rockit.it e Italia Music Lab (SIAE) li hanno inseriti nei progetti del futuro della musica italiana. Nel 2022, con l’ingresso nel roster di Virgin Music Italy (Universal Music), escono con “Chiara” con gli amici e colleghi Selton, “Ci rimango male quando sei puntuale” e “Tanto piove”. Nel 2021 aprono i live di artisti come Blanco, Michele Bravi, Psicologi, Dutch Nazari e Chiello. I Colla Zio stanno lavorando al loro primo album.

gIANMARIA a Sanremo 2023

Classe 2002, gIANMARIA nasce e cresce nella città di Vicenza, dove fin da giovanissimo inizia a comporre e a registrare brani. Cresce con il cantautorato e si appassiona da giovanissimo all’hip hop italiano e internazionale. Approfondisce la collaborazione con produttori come Bias (produttore di Madame) con cui sperimenta e lavora alla continua ricerca di un suono unico e che gli appartenga al 100%. Pubblicherà poi due nuovi singoli con loro: “Mamma scusa” e “Ascolta”. Partecipa nel 2021 a X Factor dove, già nelle prime fasi di selezione, colpisce ed emoziona i giudici con i suoi inediti “I suicidi“ e “Senza saliva”, entrambi contenuti in “Fallirò”, l’EP di debutto dell’artista, uscito per Epic/Sony Music a inizio 2022. Sempre nel 2022 debutta live con il suo primo tour, il “Fallirò Tour” con cui, accompagnato da una band, porta in giro per l’Italia e sul palco dei più importanti festival italiani (MI AMI Fest, Pinewood, Collisioni) uno show ricco ed intenso. Sempre alla ricerca di nuova ispirazione, nei suoi lavori sente forte l’influenza del cantautorato italiano, del punk e del pop inglese, dell’R&B americano, della musica urban francese. Al centro del suo percorso artistico ci sono le parole. Nelle canzoni si presenta crudo e reale esattamente come è fatto Gianmaria, la persona oltre all’artista.

Olly a Sanremo 2023

Olly, al secolo Federico Olivieri, è un cantante genovese classe 2001. Emerso dalla scena rap ligure, il suo stile è definito fin dai primi passi da un metodo hip-hop e dalla centralità della parola, che tende a sublimarsi fin da subito in un utilizzo della voce profondamente melodico, a tratti soul. Con questa formula raggiunge i primi successi nel 2019, attirando l’attenzione di realtà come Metatron e Sony, con cui inizia un percorso nel 2021. Agli elementi già presenti nella sua sensibilità, si aggiunge, grazie all’incontro con il producer JVLI, una tendenza alla musica elettronica, che si traduce in brani dal carattere movimentato ed estremamente coinvolgente. “Un’altra volta” è il più grande risultato in questo senso: a tutti gli effetti un tormentone (che conta al momento oltre 5 milioni di stream) passato per il “Tim Summer Hits” e altri palchi estivi, inclusi quelli di Frah Quintale e Blanco. Olly è stato nominato artista del mese per MTV New Generation e ha collaborato con vari artisti provenienti dal rap e dal pop, tra cui Arisa, continuando a definire un’identità cangiante, in un flirt senza fine con pop, hip-hop, dance, elettronica, canzone d’autore e un solo punto fermo: essere Olly.

Sethu a Sanremo 2023

Marco De Lauri, in arte Sethu, è nato a Savona nel 1997. Sviluppa la sua identità artistica assieme al fratello gemello Jiz, con il quale comincia a fare musica e a muovere i primi passi nella scena punk/rap ligure, per poi espandersi verso ulteriori orizzonti musicali. Forte dell’unione con Jiz, Sethu trova nella musica un modo per evadere dalla realtà provinciale savonese, il cui mood malinconico si riflette spesso nei suoi testi e nell’estetica. Crudo, scuro, inquieto, euforico: Sethu è un misterioso animale notturno che attraverso la sua musica racconta una generazione che vive tra incertezze, ansie e paure per il futuro. Ragazzi stanchi, abbandonati ai ritmi della provincia e della noia e che combattono spesso per la loro sanità mentale. Nella musica di Sethu rabbia, tristezza ed euforia si mischiano e si alternano, passando da momenti intimi e introspettivi a passaggi frenetici e caotici. Un mood “schizofrenico” che non ha bisogno di essere etichettato in un genere preciso, convergendo in uno stile fluido e pieno di contaminazioni. Il primo progetto pubblicato dall’artista ufficialmente nel 2018 è l’EP “Spero ti renda triste…”. Questo progetto nasce con il trasferimento a Milano dei due gemelli e contiene sei brani che evidenziano le due dimensioni di Sethu che saranno poi la base del suono che svilupperà negli anni a venire. Nel 2019 Sethu attira l’interesse degli addetti ai lavori con i singoli “Butterfly Knife” e “Hotspot” (feat. Lil Sadape), che diventano virali grazie al carattere “metal trap” che contraddistingueva l’artista in quel periodo. Viene inserito tra i “CBCR” dell’anno del magazine Rockit. Nel 2020 Sethu pubblica 3 singoli: “Blacklist”, “Calmo” e “Pioverà per sempre”. L’ultima pubblicazione vede un’apertura del percorso dell’artista verso la direzione di una trap più melodica, alternando lo scream alla voce in un’ottica più pop. I pezzi vengono inseriti nelle playlist editoriali di Spotify. Nell’anno della prima epidemia di Covid Sethu si vede cancellare le due esibizioni al MI AMI e al Nameless. Il 2021 e il 2022 sono anni in cui vengono pubblicati diversi featuring: Sethu collabora, fra gli altri, con Don Said, gli Iside, Wako, Anzij e Claudym. Con quest’ultima apre i concerti dei Pinguini Tattici Nucleari al forum d’Assago e Willie Peyote a Milano. Questi feat hanno contribuito a definire una progressiva definizione ed evoluzione del suo lato melodico. Nel 2022 Sethu firma con Carosello Records e pubblica il nuovo singolo “Giro di notte”. Il pezzo entra in tutte le più importanti playlist editoriali di Spotify. MTV Italia lo sceglie come artista del mese di settembre, mentre viene invitato ad esibirsi all’evento PLUG MI insieme ad altri artisti della scena urban italiana come Shiva e Rhove. Sethu ama gli anime, gli scheletri e il colore nero. Il suo idolo è Kanye West e fondamentalmente è un inguaribile doomer.

Shari a Sanremo 2023

Classe ’02, nata in provincia di Gorizia, Shari entra in contatto sin da piccola con la musica. Il 2020 è un anno di transizione per l’artista, che inizia un percorso di ricerca della propria cifra stilistica, sperimentando su sonorità e atmosfere diverse, ispirata dal lavoro di artiste eclettiche come Little Simz, Pip Millett, Arlo Parks, FKA Twigs. Una voce delicata ma forte, in grado di catturare l’ascoltatore sin dalla prima nota, e capace di spaziare senza limiti o paletti di sorta: nella musica di Shari confluiscono le sonorità black, il nu-soul, l’r&b, ma anche l’urban, il rap, il pop, il mondo dell’elettronica. Un progetto che fa della metamorfosi continua il suo punto di forza. Dopo aver contribuito a “L’angelo caduto”, contenuta in “Flop” di Salmo, Shari partecipa anche a “Testamento – La resa dei conti”, brano scelto come colonna promozionale da Sky Italia per Gomorra 5. Inizia poi a pubblicare diversi singoli, testimonianze della sua voglia di sperimentare: “No One Else”, “Un altro giro”, “Lo detesto”. A queste pubblicazioni fa seguito “Fake Music”, il primo EP dell’artista, nato dalla forte influenza della musica dance sul sound contemporaneo.

Will a Sanremo 2023

William Busetti, in arte Will, nasce nel 1999 a Vittorio Veneto e trascorre la sua adolescenza a Soligo. Da bambino pratica il calcio, ottenendo promettenti risultati a livello giovanile, e ascolta tanta musica. Alla fine del liceo la passione per la musica prende il sopravvento e Will inizia a scrivere i primi testi, ispirato soprattutto dalle canzoni rap italiane che ascolta come valvola di sfogo per evadere la monotonia della vita di provincia. Alla fine del 2019 pubblica i suoi primi brani su YouTube seguiti da un EP. Spinto dai risultati positivi dei suoi primi progetti, Will si convince che la sua musica può diventare più che una passione. Pubblica così altri tre singoli e nel 2020 partecipa a X Factor arrivando a cantare davanti ai giudici; alle Audition Will canta “Estate”, una delle prime canzoni da lui scritte. L’esibizione diventa subito virale sui social e il brano inizia a macinare stream e condivisioni. Il brano, liberamente ispirato a “Someone You Loved” di Lewis Capaldi, ha superato oltre 40 milioni di stream totali solo su Spotify, conquistando anche un disco di platino. A giugno 2022 l’artista pubblica il suo primo EP “Chi sono veramente” su etichetta Capitol Records (Universal Music Italy), la cui uscita è stata accolta con milioni di views anche su TikTok. Da novembre Will sarà in tour dal vivo nei più prestigiosi club delle principali città italiane.



Articoli che potrebbero interessarti


La Commissione Musicale di Sanremo Giovani
Sanremo Giovani: ecco i primi 8 finalisti


Amadeus
Sanremo Giovani: ecco i 43 selezionati


Amadeus
Sanremo Giovani 2022, candidature aperte dal 12 maggio. Ecco il regolamento


ANNALISA_
Sanremo 2023: Piero Pelù, Renga & Nek, Achille Lauro, Annalisa e La Rappresentante di Lista sul palco di Piazza Colombo

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.