11
novembre

D’Amico battuta dalla Lamborghini, Ceran dai film di Natale, Conticini dalle repliche di Conticini. Ma a Rai2% non si cambia niente

Paolo Conticini (Us)

Rai2 come HBO. No, non siamo ammattiti ad accostare I Soprano e Il Trono di Spade a Bella Ma’ e Una Scatola al Giorno ma per un’assurda situazione ci vuole un assurdo paragone. Proprio come avveniva un tempo per le reti cable americane che non usavano chiudere anzitempo i loro prodotti, per rispetto degli abbonati e con la consapevolezza di trasmettere prodotti qualitativamente rilevanti, così sta accadendo a Rai2. Con la differenza che qui non ci sono nè qualità nè ascolti da preservare (al punto da spingerci a coniare il nomignolo Rai2%)!

Intendiamoci: è giusto dare fiducia a programmi nuovi senza cancellare all’istante un lavoro fatto in mesi di preparazione, parimenti è improbabile che tutte le ciambelle siano venute col buco al punto da meritare cotanta perseveranza. Anche perchè bisogna fare i conti col contesto (non puoi perdere terreno nei confronti della concorrenza per troppo tempo) e con le esigenze degli inserzionisti. E’ curioso che, non solo, nessun programma traballante sia stato chiuso ma che non si sia registrato nemmeno un cambio di collocazione che, se il prodotto è valido, potrebbe cambiarne il destino.

Nei Tuoi Panni - Mia Ceran

Nei Tuoi Panni - Mia Ceran

Nella preziosa fascia preserale Una Scatola al Giorno, quiz di Stand By Me, viene umiliato dal Nove che propone le repliche di Cash or Trash condotte dallo stesso Paolo Conticini e mette “a rischio” il TG2 delle 20.30 (e il Tg2 Post). Ancora, nel daytime, Nei Tuoi Panni di Mia Ceran continua imperterrito intorno al 2%, battuto spesso e volentieri dalle repliche di Don Matteo su Rai Premium o dai film di Natale di Tv8. Se per Alle 8 in tre al mattino (share al di sotto del 2%) si attende l’arrivo di Fiorello, Bella Mà, complice una formula flessibile e una fascia oraria meno complicata, sta recuperando qualcosina pur rimanendo al di sotto del predecessore Detto Fatto. Nel weekend continuano a non dare segni di vita Ti Sembra Normale, altro quiz di Stand By Me condotto da Pierluigi Pardo, e l’emotainent di Elisa Isoardi Vorrei Dirti che (che era stato anticipato ma poi è stato rispostato) che mal traina la prima fallimentare parte di Domenica Dribbling.

Nella fascia di prima serata (che comprende anche il TG2 “senza traino”), la scorsa settimana Rai2 (4.6%) è stata battuta anche da La7 (4.9%) attestandosi come settima rete nazionale. Ci si chiede se una sconfitta così bruciante sia mai accaduta prima d’ora nella (gloriosa) storia della rete. Crollo de Il Collegio a parte, la falla si chiama Che C’è di Nuovo. Ilaria D’Amico, malgrado il blasone e la produzione Fremantle, è stata doppiata da Elettra Lamborghini, alla guida di Only Fun sul Nove (ieri 262.000 spettatori e l’1.7% vs 566.000 e il 3.1%).

Attribuire la colpa di tali insuccessi ad una rete in crisi è un alibi che non convince sino in fondo: I Fatti Vostri arrivano a superare il 10%, il TG2 delle 13 si ritrova a tallonare Rai1, Belve è un cult, Ore 14 di Milo Infante è in perenne crescita e persino Citofonare Rai2 registra il segno +.

E’ possibile che tale situazione inerme sia favorita dall’avvento delle direzioni di genere che privano la rete di una guida sicura e di fatto deresponsabilizzano i direttori rispetto all’andamento complessivo di un canale? Di certo, qualcosa non va.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Che Dio ci Aiuti
Palinsesti Rai, gennaio/marzo 2023 – Su Rai 1 scorpacciata di fiction, ma Schiavone resta su Rai 2. Cucciari torna su Rai 3


Coppa Davis
La Coppa Davis irrompe su Rai 2 e ‘trasloca’ i Mondiali su Rai 1


Salvo Sottile e Anna Falchi - I Fatti Vostri
Mondiali su Rai 2: ecco cosa succede ai programmi di daytime


Antonino Cannavacciuolo
Pagelle TV della Settimana (7-13/11/2022). Promossi Cannavacciuolo e Spadaccino. Bocciati Montesano e Le Iene

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.