15
maggio

A Uno Mattina Famiglia prima il massacro della Pausini («Ha trasformato Valentino in una sartoria romagnola»), poi il botta e risposta al veleno tra Setta e Timperi – Video

Uno Mattina in Famiglia

Uno Mattina in Famiglia

I look sfoggiati da Laura Pausini all’Eurovision Song Contest hanno indirettamente riacceso l’astio tra Tiberio Timperi e Monica Setta. Nel corso dell’appuntamento odierno di Uno Mattina in Famiglia, i due conduttori si sono resi protagonisti di un momento al veleno.


La tensione si è cominciata ad avvertire quando Stefano Dominella, esperto di moda e di design, ha fortemente criticato i look della cantante di Solarolo all’Eurovision:

La Signora Pausini, grande cantante, grande showgirl, multilingue, era vestita non tenendo conto della bilancia, quindi i suoi look erano esagerati rispetto alla sua fisicità“.

La Setta, intenta ad evitare polemiche sulla cantante (che ha definito una “donna rispettabile“),  l’ha dunque prontamente interrotto:

No, no, non sono d’accordo. (…) Non solo perché stai dicendo una cosa di una donna e non si parla del peso delle donne, assolutamente“.

Dominella ha però persistito:

Non del peso, io parlo dello stile. Per indossare un abito di Versace di maglia elasticizzata devi essere Chanel (Terrero, la cantante della Spagna, ndDM)“.

A quel punto, la giornalista e autrice Concita Borrelli ha dato ragione all’esperto:

Non è una questione sessista, se permetti Monica. Però quando ci vestiamo, guardiamoci allo specchio. Lei indossava Valentino by Piccioli. Bisogna stare attenti ai colori, è un grande spettacolo, un grande palco. (…) Ha trasformato Valentino in una sartoria romagnola“.

Parole che hanno spinto la conduttrice a cercare di cambiare argomento:

Mi sembra che i colori fossero perfetti e io direi guardiamoci anche al cervello, più che al peso. (…) Fermiamoci, perché altrimenti divaghiamo troppo e noi dobbiamo seguire la scaletta“.

Uno stop forzato che ha infastidito Timperi:

Eh beh, siamo qui per questo Monica, eh…

Alla risposta di Monica – “Non per divagare, siamo qui perché questa è la scaletta e  la dobbiamo seguire” – Tiberio ha nuovamente controbattuto:

E certo, proprio per questo. (…) Mica siamo all’Eurovision Song Contest“.

Non si fa cogliere impreparata Monica:

Eh appunto, siamo a Uno Mattina in Famiglia“.

Una frase pronunciata – con il provocatorio in sottofondo “Vai, vai, andiamo” di Timperi – prima di mandare in onda un contributo a Raffaella Carrà, omaggiata dalla kermesse canora. Quel che però è certo è che il clima a Uno Mattina in Famiglia è tutt’altro che familiare.



Articoli che potrebbero interessarti


Unomattina in Famiglia
Se il buongiorno si vede da Uno Mattina in Famiglia: è gelo tra Timperi e Setta


Monica Setta e Tiberio Timperi
I panni sporchi si lavano ‘in Famiglia’! Timperi: «Con la Setta non siamo amici. Ha il mio numero ma le impedisco di chiamarmi»


Tiberio Timperi
Tiberio Timperi replica a Mara Venier: «Ironia, affetto e familiarità scambiate per un insulto. Un bacione»


Post Venier
Mara Venier: «Timperi e Ippoliti, due poveracci!»

9 Commenti dei lettori »

1. R101 ha scritto:

15 maggio 2022 alle 17:11

Per me Monica Setta ha ragione su tutta la linea.
Sia su quello che ha detto Dominella che su quello che ha detto Timperi e l’altra.



2. DavideFI ha scritto:

15 maggio 2022 alle 19:01

Finché ci sarà Timperi in quel programma il clima sarà sempre teso. Litiga con tutti, non va d’accordo con nessuno.



3. AbbiDubbi ha scritto:

15 maggio 2022 alle 23:07

Per me la questione non è se ha ragione l’uno o se ha ragione l’altra. La doppia conduzione Timperi-Setta era stata chiaramente un fallimento fin dalla prima stagione, gli stessi interessati non ne hanno mai fatto mistero. Il punto è: ma che senso ha avuto riproporre questa coppia non solo per una seconda stagione, ma addirittura anche per la terza?



4. Mario ha scritto:

15 maggio 2022 alle 23:32

Timperi è incazzato ancora con la RAI perchè ha mandato quel famoso fuorionda che non dovevano mandare ma tagliare…



5. Pat ha scritto:

16 maggio 2022 alle 03:11

Ma finiamola con sto buonismo che non si prendono in giro le donne per il proprio peso, il politicamente corretto ci ha già ammazzati. Il body shaming è fastidioso, ma cazzo, è una questione di salute avere dei kg di troppo e portarseli a spasso. Punto.

La Pausini non è certo una silhouette e quei vestiti le stavano malissimo addosso, lei è una cantante bravissima e nessuno glielo nega, ma la sua è anche presenza scenica. E quindi oggetto di osservazioni, sempre educate, mai sguaiate o offensive, ma è assurdo che a questo mondo non si possa dire proprio più nulla.



6. Pat ha scritto:

16 maggio 2022 alle 03:12

E detto ciò, Timperi è uno dei conduttori più fastidiosi che ci siano in Italia. Uno che è rimasto logorato dalla fama che non ha mai avuto.



7. DavideFI ha scritto:

16 maggio 2022 alle 13:00

Pat, non è questione di politicamente corretto, è Timperi che proprio non si sopporta davvero più.
Tanto il sabato mattina mi guardo X style (ex Nonsolomoda) su Canale 5…



8. AbbiDubbi ha scritto:

16 maggio 2022 alle 20:33

Timperi ha sempre avuto un carattere ruvido, diciamo così, altrimenti a mio avviso avrebbe potuto fare anche un altro tipo di carriera. Con Setta il gelo si taglia col coltello, e non so chi abbia potuto pensare di risolvere la situazione col pannicello caldo del ritorno della Muccitelli, che povera mi sembra il vaso di coccio in mezzo ai due vasi di ferro.

Ciò detto, forse il nervosismo deriva anche dal fatto che dall’inizio del conflitto la trasmissione è stata massacrata. Levargli le due ore centrali (7/9) per lo speciale del TG snatura molto il programma, se poi si aggiungono altri eventi speciali, come la scorsa domenica, restano praticamente manciate di minuti per cui non ha nemmeno senso mandare in onda il programma, secondo me.



9. DavideFI ha scritto:

16 maggio 2022 alle 22:25

E non dimentichiamoci quando ha bestemmiato. Da cristiano e credente sono proprio allibito. A dir poco.
Si è giocato il paradiso.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.