12
maggio

Zelensky stasera a Porta a Porta: «Io sono pronto a parlare con Putin, ma senza ultimatum»

Zelensky

Zelensky

Questa volta è Bruno Vespa a fare il colpaccio. Il giornalista si è assicurato un’intervista esclusiva a Volodymyr Zelensky. Il Presidente dell’Ucraina risponderà alle domande di Vespa per 48 minuti nella puntata di Porta a Porta in onda stasera, dopo l’Eurovision Song Contest. Da un’Europa coesa e leggera all’Europa della guerra e del dramma. 

“Per quel che riguarda le trattative con la Russia, la questione si complica ogni giorno perché ogni giorno i russi occupano villaggi, perché molte persone hanno lasciato le loro case, sono state uccise dai russi e vedo tracce di torture e uccisioni. Questo complica molto la possibilità di condurre trattative, vogliamo che capiate che la nostra società è molto pacifica, da otto anni volevamo fare una trattativa. Io sono pronto a parlare con Putin, ma senza ultimatum

ha detto Zelensky come riporta l’Ansa. L’uomo ha poi ha aggiunto tra le altre cose:

“Noi non dobbiamo cercare una via d’uscita per la Russia. So che Putin voleva portare a casa qualche risultato ma non lo ha trovato. Proporre a noi di cedere qualcosa per salvare la faccia del presidente russo non è corretto da parte di alcuni leader, non siamo pronti a salvare la faccia a qualcuno pagando con i nostri territori, non penso sia una cosa giusta”.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Sarah Ferguson a Porta a Porta
Porta a Porta: Sarah Ferguson ospite in esclusiva da Vespa


Porta a Porta
Bruno Vespa a DM: «Porta a Porta continuerà a cambiare. Sanremo senza pubblico? Incomprensibile che il mondo scientifico abbia costretto la Rai a questa decisione»


bruno vespa
Bruno Vespa contro lo sforo di Amadeus: «Il suo programma doveva essere di eccezionale importanza…»


Bruno Vespa, Porta a Porta
Porta a Porta, Vespa vs il ministro Provenzano: «Questa frase la sento da quando lei andava all’asilo»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.