7
aprile

Scontro Fagnani – Rettore a Belve. La cantante: «Rivendico la possibilità di dire fr*cio e ne*ro». E ancora: «esistono i gay e le checche»

rettore fagnani

Donatella Rettore

Torna Belve, il programma ideato e condotto da Francesca Fagnani, il venerdì alle 22.55 su Rai2. Nella prossima puntata la conduttrice intervista Donatella Rettore e per due volte si assiste a uno scontro duro, durante il quale la Rettore fa dichiarazioni che sicuramente faranno discutere.

Fagnani, infatti, le ricorda quando la Rettore disse: “Io piaccio ai gay non piaccio alle checche, mentre Raffaella Carrà e Patty Pravo sono icone delle checche vintage” .“Queste cose che ha detto – le chiede la Fagnani- non la imbarazzano?” .

Rettore risponde e rilancia:

“No, non sono assolutamente imbarazzata, per me esistono i gay e le checche, esistono i gay che sanno di avere le palle, e ci sono gli isterici che parlano e si strappano i capelli, fanno i pettegolezzi e quelli non li voglio nemmeno sulla soglia di casa”.

Quando la Fagnani ricorda alla Rettore altre sue esternazioni non proprio corrette, si assiste ad un altro battibecco:

“C’è una limitazione alla libertà, si mettono dei filtri a cose che sono state ampiamente superate, ad esempio il fatto che non si possa dire fr*cio e t*oia”.

Ma qual è la libertà – chiede allora la Fagnani- nel dire certe parole?” . Rettore insiste:

”Adesso Vasco Rossi non potrebbe più dire “è andata con il ne*ro la troia”.

Fagnani allora: “E infatti lui usava troia come un insulto, qual è la libertà nel dare a qualcuno del frocio o della troia?”. Rettore allora senza freni dice:

“Io rivendico la possibilità di usare frocio e ne*ro, non mi sembrano insulti se uno è colorato…dipende dal modo in cui uno lo dice, se tu dici brutto ne*ro è una cosa, se tu dici negretto è un’altra”.

Un’intervista autentica, un ritratto a tutto tondo di Donatella Rettore, icona rock degli anni ’80, di recente tornata sulle scene. La Rettore non si risparmia con le dichiarazioni forti, sia quando parla di sé, del suo passato del rapporto un po’ surreale con la religione, sia quando esprime giudizi senza chiaroscuri sui colleghi, da Loredana Bertè a Dito nella Piaga. Un’ intervista che farà certamente discutere.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


rettore
Rettore è una belva con la Fagnani: «Sempre le solite domande. Deve farsi una cura di fosforo. Ero sul punto di mandarcela»


seconde serate rai
Nella seconda serata di Rai2 Fagnani, De Martino e il «grande Alessandro Cattelan con la sua arte»


ornella muti
Ornella Muti incalzata su Putin a Belve, ecco cosa risponde sulla guerra in Ucraina. Guarda la video anteprima


Francesca Fagnani
Le Belve di Rai 2 tornano a graffiare. Ma la Rai cede al bavaglio: l’intervista a Elettra Lamborghini non andrà in onda

2 Commenti dei lettori »

1. Marco ha scritto:

8 aprile 2022 alle 11:16

Da gay dico: evviva la Rettore! Ha detto delle cose sacrosante!

Io stesso, se proprio dovessi definirmi, mi definirei come “un uomo cui piacciono gli uomini” e non un “confuso o di genere fluido”, così come va di moda dire oggi.

Per carità, ognuno è e deve essere libero di sentirsi e presentarsi come meglio crede, ognuno deve essere felice.

Tuttavia fare questa distinzione tra gay e checche (così come fatto dalla Rettore, seppure in modo molto diretto) non mi offende per nulla, anzi…



2. Marco3.0 ha scritto:

8 aprile 2022 alle 11:59

Marco commento 1: per fortuna tu non rappresenti tutto il mondo gay del pianeta.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.