27
settembre

Good vibes al Dinner Club

Valerio Mastandrea, Sabrina Ferilli, Pierfrancesco Favino e Carlo Cracco

Valerio Mastandrea, Sabrina Ferilli, Pierfrancesco Favino e Carlo Cracco

Dinner Club è stato presentato come il nuovo show di Carlo Cracco, ma non è esattamente così: lui c’è, è il filo conduttore del racconto, è al servizio dello show ma il grosso lo fanno i suoi ospiti, un validissimo gruppo di attori che, tra viaggi improvvisati e cene rilassate in allegria, tira fuori il meglio (e il peggio, che va bene lo stesso) di sé.

Cracco qui non cucina, al massimo aiuta ai fornelli, e non giudica. Fa l’autista, la guida turistica che porta in giro per l’Italia i commensali, uno alla volta, facendo conoscere a ciascuno personaggi, ricette ed ingredienti al limite – fegati di polipi, per dirne una – da riproporre poi a tutti gli altri nel corso di una cena, tra aneddoti e battute sarcastiche snocciolate tra un bicchiere di vino, un abbraccio e un giro di ballo.

Ogni puntata si muove su due livelli: da una parte la cena, dall’altra il viaggio improbabile e rocambolesco fatto da Cracco e dal suo compagno di avventure per un giorno che, raccontato da quest’ultimo a tavola, rivive sullo schermo. Il tempo passato insieme da soli, sempre su un mezzo di trasporto diverso (all’apparenza di fortuna), fa venire fuori caratteristiche di entrambi e mette sempre un po’ in ombra lo chef, che si fa prendere in giro e lascia spazio al proprio ospite con una naturalezza che mai gli avevamo visto usare in tv.

Impegnati a cenare e scambiarsi impressioni, gli attori si lasciano andare e (si) divertono, giocando tra loro come compagni di squadra, che conoscono vizi e virtù gli uni degli altri. C’è una Sabrina Ferilli scatenata, spontanea e caciarona ancor più di come siamo abituati a vederla; Luciana Littizzetto pungente e sarcastica con il suo anfitrione, che quasi le fa rimpiangere Fabio Fazio; c’è Fabio De Luigi che sembra quasi timido e timoroso, mentre Valerio Mastandrea cerca di non farsi coinvolgere troppo dal caos creato dai colleghi; Pierfrancesco Favino si mette in gioco, ammorbidendo un po’ la sua immagine rigorosa e su tutti troneggia un imponente Diego Abatantuono, che li guarda come se fossero pazzi e intanto regala qualche perla.

Dinner Club non è un programma di cucina, bensì un’occasione per stare insieme, in un clima conviviale nel quale la cucina serve solo ad una cosa: far mangiare la gente, senza sofisticazioni e apologie. Era anche ora.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


dinner club
«La cosa che riesce peggio a Carlo Cracco è cucinare!». Lo chef debutta su Amazon con Ferilli e Littizzetto


ADRIANO GIANNINI
Achille Lauro nuovo volto di Amazon. Le novità seriali della piattaforma


Vita da Carlo, Carlo Verdone
Amazon Prime Video: le novità italiane. Arrivano Carlo Verdone, Cracco, Ferro e Totti


Juventus-Chelsea
Amazon Prime Video: problemi per lo streaming di Juventus-Chelsea

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.