10
giugno

Giancarlo Magalli: «Avevo proposto un addio graduale ai Fatti Vostri ma Guardì ha detto no». Stoccate a Sottile («Forse non ha trovato altro») e a Broccoli

Giancarlo Magalli

Giancarlo Magalli mette i puntini sulle i. “Sono io che ho chiesto di non rifare più I Fatti Vostri perché sono stanco. È stato fatto quello che volevo” assicura. Dalla prossima stagione, il programma mattutino di Rai2 sarà rivoluzionato: al posto dello storico presentatore arriverà Anna Falchi, affiancata da Salvo Sottile e Umberto Broccoli (questi ultimi già nel cast del programma). Un cambiamento non da poco, che Magalli conferma non solo di aver accettato ma di aver addirittura chiesto.

L’ho chiesto mesi fa al direttore di Rai2 Ludovico Di Meo. Sono passati trent’anni da quando ho cominciato a farlo, sono ventuno anni di fila. Parliamo di 4 mila puntate filate, di circa 10 mila interviste. Alcune anche di un certo peso, storie che ti restano dentro. Non è un programma che si fa a cuor leggero. Quest’ultimo anno con la pandemia non è stato facile, non sono mancato un giorno

ha dichiarato il conduttore a FqMagazine, svelando di averne parlato innanzitutto con l’ideatore del programma Michele Guardì e di avergli in realtà proposto una staffetta, un passaggio graduale. “Ma lui ha ritenuto di no.

I trascorsi con Anna Falchi

Così, Magalli uscirà di scena d’improvviso, opzione che con  non era quella desiderata. E lascerà il posto ad Anna Falchi, sul cui arrivo ora chiosa sornione:

“Non dovete chiedere a me, ma a chi l’ha scelta”.

Giova ricordare che i due hanno lavorato insieme a Domenica In e tra i 2 non corre buon feeling. ”Anna Falchi mi è stata imposta dall’alto. Io non la volevo ebbe modo di dichiarare nel 1999.

Le stoccate a Sottile e Broccoli

Più preciso il commento riservato invece – sempre su FqMagazine – a Salvo Sottile.

Con lui non ci sono mai stati malumori, devo dire che quello che fa lo fa anche bene. Magari lui poteva avere la voglia di fare di più… Lui mi aveva detto di no. Mi ha detto che non avrebbe voluto fare I Fatti Vostri ma di voler fare altro, forse altro non ha trovato. Va bene, anzi un giornalista ci vuole“.

Al contempo, Magalli ha ammesso di aver avuto un rapporto non sempre facile con Umberto Broccoli.

“Tendeva ad avere molto spazio, siccome fa delle cose che sono abbastanza seriose non ero d’accordo che tendesse ad allargarsi. Alla fine faceva mezzo programma e da quello che ho letto si allargherà ancora di più. I suoi contenuti non sono brutti, hanno un valore sia chiaro, ma in un programma che si basa sull’attualità dedicare un quarto del programma a cose di 70-80 anni fa mi sembrava esagerato“.

Ora, con l’addio ai Fatti Vostri, per Magalli è in arrivo un nuovo progetto anticipato e svelato da DavideMaggio.it; un quiz pomeridiano sulla lingua italiana in onda su Rai2. Sfida non facile per il conduttore, che già ipotizza un cambiamento d’orario (in quella fascia dovrà infatti scontrarsi con i colossi del pomeriggio). E che intanto si gode inattese attestazioni di stima:

Devo dire che da quando si è saputa questa cosa ho ricevuto molte proposte sia in Rai che da altre aziende. Mi hanno proposto fiction, pubblicità, varietà…“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Anna-falchi
Anna Falchi condurrà I Fatti Vostri con Salvo Sottile e Umberto Broccoli


Giancarlo Magalli - I Fatti Vostri
I Fatti Vostri, i saluti di Magalli: «A settembre bussate, qualcuno vi aprirà»


giancarlo-magalli-768x576
BOOM! Un quiz sulla lingua italiana per Giancarlo Magalli su Rai 2


Giancarlo Magalli, tapiro d'oro
Salvo Sottile nuovo conduttore de I Fatti Vostri? Striscia consegna il tapiro a Magalli: «Se decideranno così, son padroni. La Rai mica è mia»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.