6
aprile

Netflix perde quote di mercato: negli Usa calo del 31% nel 2020

Reed Hastings, Ceo di Netflix

A inizio 2021, Netflix annunciava di aver superato i 200 milioni di abbonati e sbandierava il record di +36,58 milioni di nuovi account attivati a livello globale. Ora, però, emerge il rovescio della medaglia. L’avanzare delle piattaforme online concorrenti – da Amazon Prime a Disney+, passando per HBO Max – ha infatti provocato una sensibile perdita di quote di mercato da parte della società guidata da Reed Hastings.

Secondo i dati condivisi da Ampere Analysis con TheWrap, Netflix perde il 31% delle quote di mercato dei servizi streaming in America, passando dal 29 al 20%. Un calo imputabile principalmente all’emergere di competitor sempre più attrezzati e agguerriti. Basti pensare alla crescita di Disney+, piattaforma che in solo 16 mesi ha superato i 100 milioni di abbonati globali.

A livello di account registrati, Netflix continua a mantenere il proprio primato (seguita da Amazon con 150 milioni di iscritti).

Una flessione che dimostra quanto il mercato della tv online sia dinamico ed in continua evoluzione. Lo scontro tra titani (dello streaming) è più aperto di quanto si creda.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes



Articoli che potrebbero interessarti


Jupiter's Legacy
Jupiter’s Legacy: arriva su Netflix la risposta al successo Amazon di The Boys


Locandina Suburbia Killer
Suburbia Killer: tensione e colpi di scena nel nuovo thriller spagnolo di Netflix


Sexify - Aleksandra Skraba
Sexify: il buffo erotismo cervellotico di Netflix


LUNAPARK
Luna Park è la nuova fiction di Netflix

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.