5
gennaio

Report, un pregiudicato rivela: «La mafia voleva uccidere Sigfrido Ranucci» – Video

Sigfrido Ranucci

I mafiosi “ti volevano far ammazzare. In un video trasmesso ieri sera da , il pregiudicato Francesco Pennino si è lasciato andare a rivelazioni sconcertanti. L’uomo ha affermato che nel 2010 (quando si trovava in carcere e aveva incontrato dei mafiosi) alcuni esponenti del clan Madonia volevano uccidere , attuale conduttore della trasmissione d’inchiesta di Rai3.

Nell’ambito di una puntata sulla trattativa Stato-mafia e sull’azione dei servizi segreti deviati, a raccogliere le dichiarazioni del pregiudicato è stato lo stesso Ranucci, che ha così scoperto di essere stato in pericolo di vita dopo la pubblicazione del libro ‘Il Patto’, scritto con Nicola Biondo proprio sulle tematiche in questione. Secondo Pennino, i Madonia si erano arrabbiati per i contenuti di quell’inchiesta e volevano fare del male al giornalista.

Volevano ammazzarti. Volevano pagare per ammazzarti, poi hanno avuto lo stop da fuori, da chi gestisce adesso il mondo esterno per loro

ha affermato il pregiudicato nel filmato proposto da Report, specificando che a bloccare l’intento omicida sarebbe stato Matteo Messina Denaro, il personaggio più influente della mafia e tuttora latitante, che all’epoca agiva fuori dal carcere e teneva contatti con i Madonia.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Report
A Report i dubbi sul vaccino anti-Covid: «Cosa ancora non sappiamo»


Sanremo-2020-Amadeus
Pagelle TV del 2020 – Promossi


Sigfrido Ranucci, diMartedì
Scacco alla Berlinguer: Ranucci e Fialdini ospiti della concorrenza


Report, Alessandro Giuli vs Sigfrido Ranucci
Mail violate, Sigfrido Ranucci (Report) replica all’accusa di Alessandro Giuli. «Nessun hackeraggio»

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.