31
ottobre

Galli esce dal pollaio: «Basta tv per almeno una settimana»

Massimo Galli

La scienza, si sa, ha i suoi tempi. Ma alla fine arriva a soluzioni vantaggiose per tutti. E’ di ieri, ad esempio, la decisione del professor , primario del reparto Malattie Infettive dell’ospedale Sacco di Milano, di assentarsi dagli schermi televisivi per almeno una settimana. Questo, per dedicarsi maggiormente all’impegno clinico richiestogli dalla preoccupante situazione sanitaria. 

A comunicare la propria scelta è stato lo stesso virologo su Twitter:

La situazione non mi lascia più margini di tempo” ha motivato il professore, spiegando di avere “una quantità di cose urgenti” di cui doversi occupare. Una decisione saggia, la sua, che anche altri suoi colleghi dovrebbero assecondare: con l’aumento progressivo dei contagi e degli ospedalizzati, riteniamo che i medici siano molto più utili in corsia che davanti alle telecamere.

Sì, anche perché ultimamente i contributi televisivi dei vari virologi si sono trasformati in una sorta di derby. Da una parte gli allarmisti, acclamati da chi tifa per le misure drastiche, dall’altra gli ottimisti, apprezzati da chi invece ritiene che le chiusure non siano la soluzione. Volenti o nolenti, tutti gli esperti ormai noti ai telespettatori sono stati incasellati in una di queste (assai poco scientifiche) categorie, che tra i loro effetti hanno sicuramente quello di creare una gran confusione.

Nella diatriba ci era cascato anche lo stesso professor Galli, che nei giorni scorsi aveva provocato a distanza il collega , opponendosi alle sue posizioni sulla pandemia. Il primario del San Raffaele gli aveva replicato con durezza dagli schermi di La7.

Il professor Galli trova sempre il tempo di accusarmi velatamente e nemmeno troppo velatamente (…) Questo accusare senza fare mai apertamente il nome forse è figlio della sua antica militanza sessantottina, di cui si fa vanto. Il nemico veniva additato senza nominarlo. Lui ha un modo semplice per risolvere il suo problema: mi denunci e la chiudiamo qua

aveva sbottato Zangrillo. Querelle finita? Macché. Ospite a Cartabianca, su Rai3, Galli aveva a sua volta risposto con toni destinati ad alimentare la polemica:

Non posso querelarlo perché il reato di negazionismo e riduzionismo non esiste in questo Paese“.

L’ennesima zuffa televisiva tra medici, proprio nei giorni della ritrovata emergenza, era stata un siparietto deprimente. Galli, peraltro, non era nuovo agli scontri in tv: a inizio ottobre, il professore aveva fatto infuriare Nicola Porro durante una puntata di Stasera Italia. In quell’occasione, aveva ammesso di avere “una sovraesposizione mediatica insopportabile“. Ipse dixit. La sua decisione di assentarsi dal pollaio mediatico, pertanto, è stata sacrosanta.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Piazzapulita, Zangrillo e Formigli
Piazzapulita, Zangrillo su Berlusconi: «Carica virale a marzo-aprile lo avrebbe ucciso». Poi lo scontro con Calabresi


diMartedì, Maria Rita Gismondo
Coronavirus, esperti in tv: non sono tutti uguali


Grey's Anatomy 17 - 3
Grey’s Anatomy 17 arriva su Fox: Meredith ha il Covid


Armando Traverso
Diario di Casa: nella nuova stagione non solo Coronavirus, ma spazio alla salute e al benessere dei più piccoli

3 Commenti dei lettori »

1. PeppaPig ha scritto:

1 novembre 2020 alle 08:09

Speriamo che lo seguano anche gli altri, le zuffe tra medici sono una delle cose più tristi di questo sciagurato periodo. Però dovrebbero essere anche i giornalisti per primi a smettere di “schierare” questo o quell’altro nelle proprie trasmissioni a seconda di chi meglio si attaglia alla politica della trasmissione, o della rete, o dell’azienda. E/o a seconda di chi più si presta al pollaio mediatico. Portate un pò di rispetto a chi vi guarda da casa ed è già sufficientemente angosciato, oltrechè privo di qualsivoglia punto di riferimento.



2. Nessuno ha scritto:

1 novembre 2020 alle 12:46

Meglio così, è un cialtrone. Testa a molla dei miei…



3. Marco ha scritto:

1 novembre 2020 alle 20:57

Ma ci prende per il c..o? Sono le 21 del primo novembre e il professore (che a febbraio disse che il virus dalla Cina non sarebbe mai arrivato in Italia), in questo momento sta ancora ospite su Rete4 a Stasera Italia.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.