5
ottobre

Settestorie, Monica Maggioni porta a passeggio i protagonisti dell’attualità. «Racconto immersivo»

Monica Maggioni

Monica Maggioni porterà a spasso i protagonisti della politica, della cultura, dell’arte, della tv. A cominciare dal premier Giuseppe Conte. Riadattando il format francese de “La conversation secrète“, la giornalista condurrà su Rai1 una serie di interviste a passeggio. “L’idea è di portare in tv in Italia un giornalismo peripatetico” spiega il direttore dell’ammiraglia Stefano Coletta, scomodando addirittura Aristotele. L’inedita modalità di confronto sarà uno dei momenti distintivi della nuova edizione di , approfondimento di seconda serata che Maggioni presenterà da stasera.

La trasmissione, che inizialmente avrebbe dovuto intitolarsi “60 Minuti“, manterrà invece il nome scelto a suo tempo per il programma in sette puntate testato la scorsa estate dalla stessa Maggioni. “Ci siamo affezionati a quel titolo” ha motivato la conduttrice. Il format e lo studio (ispirato al film Dogville di Lars von Trier) saranno però completamente diversi. Come anticipato, una delle radicali novità sarà proprio la rivisitazione del format francese portato al successo da Michel Denisot, che svelava il lato più intimo di alcuni personaggi pubblici nel corso di alcune passeggiate parigine.

Proviamo a riproporlo in chiave italiana, con personaggi che saranno collocati in contesti meno consueti rispetto a quello a cui sono abituati (…) Fa parte del dovere di servizio pubblico tentare di raccontare qualcosa di più e di diverso

ha affermato Monica Maggioni in conferenza stampa. Protagonista della prima intervista itinerante sarà, per l’appunto, il premier Conte. Tra gli ospiti annunciati per le successive puntate, l’attore Alessandro Gassmann, l’ex presidente della Corte Costituzionale Marta Cartabia, il capo della Polizia Franco Gabrielli. La conversazione – ha aggiunto la conduttrice – avrà una durata di 15-20 minuti, mentre su RaiPlay ci sarà una versione estesa da 30 minuti.

La seconda parte della trasmissione sarà un reportage immersivo: nella puntata del 5 ottobre, il documentarista Gianfranco Rosi racconterà i suoi tre anni sul confine tra Libia, Siria e Iraq per girare Notturno. Ci sarà poi una terza parte di dibattito, più legata ai temi di stringente attualità, in cui due protagonisti si confronteranno partendo da due punti di vista opposti.

Prodotto da Pesci Combattenti e Blu Yazmine dell’ex direttrice di Rai2 Ilaria Dallatana, Settestorie avrà un budgetin linea con quello di una seconda serata settimanale di Rai1“, come spiegato dal direttore di rete in risposta ad alcune polemiche sull’argomento. Per Coletta, la presentazione del programma è stata anche l’occasione per difendere a spada tratta i risultati d’ascolto della versione estiva.

La progressione numerica spesso viene letta in maniera anomala. Ha realizzato una media del 9.5% di share con 800 mila spettatori a puntata che è la cifra standard delle seconde serate di Rai 1. Con le ultime si è raggiunto anche l’11%

ha affermato il numero uno dell’ammiraglia, che per l’ex presidente Rai non ha escluso un futuro coinvolgimento per delle prime serate legate a eventi particolari.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Maurizio Costanzo
Costanzo vs Maggioni, Coletta difende l’ex Presidente Rai. Il giornalista si scusa


Maurizio Costanzo
Maurizio Costanzo vs Monica Maggioni: «Finisce tardi, mi fa perdere ascolti. Cambi rete e mi lasci vivere in pace»


Monica Maggioni
Monica Maggioni risponde a Costanzo: «Ha detto cose inesatte, ma non mi metto a fare le guerricciole»


Monica Maggioni
Sette Storie: Monica Maggioni racconta e analizza i fatti di cronaca messi in ombra dal Coronavirus

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.