14
maggio

La Lega querela Federica Sciarelli: «Non tollereremo squadrismo mediatico»

Federica Sciarelli

Federica Sciarelli

La Lega ha deciso di querelare Federica Sciarelli. Ad annunciarlo, durante il suo intervento in commissione di Vigilanza Rai, dove è in corso l’audizione del presidente dell’Agcom Angelo Cardani, è il deputato del Carroccio e segretario della bicamerale Massimiliano Capitanio.

La Lega presenterà una interrogazione, un esposto ad Agcom e una querela nei confronti di Federica Sciarelli

dice, in seguito alla puntata di ieri sera di Chi l’ha Visto?, in cui – lamenta l’accusa -  “la conduttrice Federica Sciarelli e anche la redazione hanno diffamato la Regione Lombardia, leggendo una mail di una qualunque ascoltatrice, condita di falsità e di iperboli assolutamente inaccettabili in questo momento gravissimo e delicato per la nostra democrazia e tenuta sociale”.

La lettera in questione, scritta e inviata da una telespettatrice alla trasmissione di Rai 3, è stata letta in puntata ed è la seguente:

“Cara Federica, siamo nell’Italia di oggi o in quella del Medioevo? Ci impediscono di poter vigilare sulla nostra sopravvivenza e perfino di controllarci con i nostri mezzi. Soltanto pochi privilegiati hanno diritto ai tamponi, come i calciatori che li fanno ogni quattro giorni, e altri pochi eletti, selezionati da chi ne ha il potere. Per gli altri è un reato. Questo è un genocidio sanitario, funesto primato di una Regione che si chiama Lombardia. Un caro saluto. Vittoria Gervaso”.

Capitanio l’ha definita “una delle pagine più buie, vergognose e deontologicamente scorrette nella storia del giornalismo. Alludere al ‘genocidio sanitario’ perpetrato dalla Regione Lombardia in base a una mail diffamatoria e oggettivamente piena di falsità è indegno della tv di Stato e della professione giornalistica.

Il partito guidato da Salvini, inoltre, accusa la Sciarelli anche di diffamazione nei confronti della Lega – aggiunge il deputato – “attribuendo un reato gravissimo, ovvero l’invito ad impiccare Silvia Romano, ad un esponente della Lega, quando questo cittadino non è assolutamente un tesserato della Lega”.

Il riferimento è all’imbarazzante messaggio social di due giorni fa di Nico Basso, consigliere comunale di Asolo (comune della provincia di Treviso); ha pubblicato su Facebook una foto della volontaria italiana e scritto “impiccatela”. Non fa parte del Carroccio, ci ha tenuto a sottolineare il deputato; risulta un ‘venetista’ capogruppo della lista civica Verso il Futuro ed ex assessore della giunta leghista del comune trevigiano.

Da qui la decisione di procedere per vie legali nei confronti della Sciarelli e del suo programma:

“Se redazione e conduttrice, fuori contesto, hanno deciso di diffamare e attaccare la Lombardia e Lega nel tentativo di farci sparire, sappiano che non tollereremo questo squadrismo mediatico.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Federica Sciarelli - Chi l'ha Visto?
Chi l’ha Visto? torna con uno speciale sul caso del piccolo Gioele


Bianca Berlinguer - #Cartabianca
Berlinguer e Sciarelli da record: #Cartabianca e Chi l’ha Visto? in onda fino a fine luglio


Federica Sciarelli - Chi l'ha Visto?
Chi l’ha Visto?, il disturbatore Michele Caruso al telefono: «Vaffanc*lo». Sciarelli: «Si deve andare a far curare. Deficiente» – Video


Federica Sciarelli - Chi l'ha Visto?
Chi l’ha Visto?: Federica Sciarelli riparte con l’omicidio di Piacenza e l’inchiesta di Bibbiano

1 Commento dei lettori »

1. Giancarlo ha scritto:

14 maggio 2020 alle 19:51

Ma un anno fa non era stata in lizza per una direzione in quota lega?correggetemi se sbaglio



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.