22
aprile

Netflix e la regola delle ‘3 s’: Sesso, Sangue, Spagna

Toy Boy

Toy Boy

Sesso, Sangue, Spagna. La popolarità su Netflix riscrive la regola delle 3 s (sesso, sangue, soldi); gli abbonati della piattaforma prediligono prodotti dai “contenuti bollenti”, infarciti di omicidi e mistero, di matrice iberica. Contravvenendo in parte alla vecchia prassi di non divulgare i dati di views dei suoi show, da diverse settimane Netflix ha cominciato a diffondere quotidianamente le classifiche di popolarità. Finalmente abbiamo delle metriche di gradimento, sebbene un quadro preciso e completo della situazione sia ancora un miraggio. In primis per l’interpretazione del concetto stesso di popolarità che, in quel di Los Gatos, significa considerare il numero di account che hanno guardato per almeno 2 minuti un contenuto (!). Inoltre, conosciamo le prime 10 posizioni in classifica ma non i dati numerici che le hanno determinate.

Il dominio della Casa di Carta

Un dato emerge chiaro, però, ed è il dominio de La Casa di Carta, capostipite del “fenomeno spagnolo” in streaming. Presente in top 10 già da prima che la quarta stagione fosse rilasciata, la serie con Alvaro Morte ha accesso i riflettori e “trainato” altre produzioni iberiche. Così, a scalzarla dalla vetta, dopo quasi 2 settimane, c’è riuscita Vis a Vis, drama carcerario che condivide con La Casa di Carta attrici e regista. In Italia, la serie è stata trasmessa nel luglio 2017 sul Nove ma nessuno se n’è accorto (al punto da essere dirottata, causa flop, su Dplay) fino a quando Netflix l’ha ripescata scegliendo di ridoppiarla.

Alcuni membri del cast de La Casa di Carta si ritrovano anche nella prima stagione di Elite, altro titolo top che aggiunge un nuovo ingrediente nella ricetta per la conquista degli abbonati. La serie declina, infatti, le 3 s di cui sopra in salsa teen facendo breccia nel cuore di un pubblico tanto numeroso quanto strategico per la piattaforma.

Discorso diverso per Toy Boy. Forse a Netflix Italia non ci credevano troppo, al punto da “buttarla lì” nel catalogo senza doppiarla. Eppure la storia di uno spogliarellista, che esce di galera in cerca di vendetta, è sesso, sangue e Spagna, ergo un successo. Malgrado i sottotitoli, la fiction di Antena 3 (proprio come le prime stagioni de La Casa di Carta e Vis a Vis) è stata una presenza fissa della classifica di popolarità, resistendo in top 10 per diverse settimane dopo il rilascio avvenuto a fine febbraio.

In ombra le serie originali

La seconda vita di Vis a Vis ma anche l’elevata popolarità di Riverdale (teen drama passato già su Premium Stories, Infinity, La5 e Italia1 e nonostante questo al primo posto per 10 giorni a marzo) o i buoni riscontri di Vikings (passata su Tim Vision) e Lucifer (originale Netflix solo dallo scorso anno), dimostrano che il mezzo – inteso come forza del brand – può essere ancora più importante del contenuto anche nell’epoca in cui ciascuno può creare i propri palinsesti. A voler guardare l’altra faccia della medaglia, l’affermazione di serie “altrui” mette in ombra le più ambiziose serie originali, di cui “tutti parlano” (o dovrebbero parlare).

Il discusso Tiger King, fenomeno in America che in Italia ha avuto una buona eco sui giornali, nel Belpaese ha stazionato (sino ad ora) nelle parti bassi della classifica per pochissimi giorni. Sta crescendo, invece, la miniserie Unhortodox che, pian piano, è arrivata a guadagnare la terza posizione per due giorni di seguito. La novità vincente dello scorso weekend è il reality show Too Hot to Handle. Di cosa parla? Di astinenza, da sesso, ça va sans dire.

Di seguito le classifiche dell’ultima settimana.

Top 10 Serie Tv/Show del 14-15 aprile

(le classifiche si aggiornano alle 20.30 ora italiana)

1 La Casa di Carta
2 Vis a Vis – Il Prezzo del Riscatto
3 Unorthodox
4 Riverdale
5 Freud
6 Elite
7 Prison Break
8 Better Call Saul
9 Lucifer
10 Toy Boy

Top 10 Serie Tv/Show del 15-16 aprile

1 Vis a Vis – Il Prezzo del Riscatto
2 La Casa di Carta
3 Unorthodox
4 Riverdale
5 Prison Break
6 Elite
7 Freud
8 Lucifer
9 Better Call Saul
10 Toy Boy

Top 10 Serie Tv/Show del 16-17 aprile

1 Vis a Vis – Il Prezzo del Riscatto
2La Casa di Carta
3 Too Hot to Handle
4 Unorthodox
5 Prison Break
6 Riverdale
7 Elite
8 Freud
9 Lucifer
10 Fauda

Top 10 Serie Tv/Show del 17/18 aprile

1 Vis a Vis – Il Prezzo del Riscatto
2 Too Hot to Handle
3 La Casa di Carta
4 Unorthodox
5 Prison Break
6 Riverdale
7 Elite
8 Fauda
9 Lucifer
10 L’Ultimo Dragone

Top Serie Tv/Show del 18/19 aprile

1 Too Hot To Handle
2 Vis a Vis – Il Prezzo del Riscatto
3 La Casa di Carta
4 Unorthodox
5 Prison Break
6 Riverdale
7 Elite
8 Freud
9 L’Ultimo Dragone
10 Lucifer

Top Serie Tv/Show del 19/20 aprile

1 Too Hot To Handle
2 Vis a Vis – Il Prezzo del Riscatto
3 The Last Dance
4 La Casa di Carta
5 Unorthodox
6 Prison Break
7 Riverdale
8 Elite
9 L’Ultimo Dragone
10 Lucifer

Top Serie Tv/Show del 20/21 aprile

1 Too Hot To Handle
2 Vis a Vis – Il Prezzo del Riscatto
3 The Last Dance
4 La Casa d Carta
5 Better Call Saul
6 Unorthodox
7 Prison Break
8 Riverdale
9 Elite
10 Lucifer



Articoli che potrebbero interessarti


White Lines - Netflix
White Lines: droga e omicidi nella nuova serie dell’autore de La Casa di Carta


la casa del papel
La Casa di Carta 5 e 6 in lavorazione


Rio, Stoccolma e Denver - La Casa di Carta
La Casa di Carta riparte dal ferimento di Nairobi e dalla falsa morte di Raquel


La Casa di Carta
La Casa di Carta 4 su Netflix dal 3 aprile 2020 – Video

3 Commenti dei lettori »

1. Antonio ha scritto:

22 aprile 2020 alle 16:48

Mi domando: che senso ha per una piattaforma pay il numero di visioni di un prodotto? Un utente paga il proprio abbonamento a prescindere dalla visione di una serie piuttosto di un’altra. Credo che invece sarebbe molto più interessante l’inserimento di un sistema di valutazione popolare: già ci sono i cuoricini ma non è chiaro a cosa possano servire



2. Mattia Buonocore ha scritto:

22 aprile 2020 alle 18:17

@Antonio un abbonato smetterà di esserlo quando inizierà a vedere di meno o non vedere affatto il catalogo della piattaforma.



3. emy ha scritto:

23 aprile 2020 alle 12:11

la casa di carta mi sono fermato alla quarta puntata della terza stagione: ripetitivo, monotono, scialbo, pretestuoso, allungato. I personaggi erano diventati noiosi, alcune situazioni tiratissime per i capelli. A volte cercano anche di farti empatizzare anche con i personaggi, ma la trovo così forzata che ho deciso di stoppare. Mai mi era successo con serie molto popolari (se penso al trono di spade, lost, breaking bad). Le prime due sono buone ma non chissà che cosa, però andava chiusa lì.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.