16
aprile

Quibi, il nuovo servizio streaming ‘mordi e fuggi’, solo su smartphone. Cos’è e quanto costa

Quibi

1,7 milioni di download in sette giorni. I numeri di Quibi, la nuovissima piattaforma di streaming pensata per gli smartphone, non sono trascurabili e anzi testimoniano l’imporsi di un fenomeno. Le modalità di fruizione dell’app statunitense – disponibile anche in Italia – si differenziano infatti da quelle dei colossi che già affollano il mercato (da Netflix) e forse è questa la chiave della curiosità sorta attorno a questa novità mediatica.

Quibi, cos’è

La principale caratteristica di Quibi, oltre al fatto di essere disponibile unicamente sugli smartphone, è infatti quella di offrire contenuti di breve durata, con puntate che non vanno oltre i dieci minuti. Un intrattenimento ‘mordi e fuggi’ dedicato ad un pubblico ad alta mobilità (frangente non proprio adattabile al tempo della quarantena) e con una soglia dell’attenzione scostante, vicina a quella che solitamente si riserva ai social network.

Quibi, i contenuti

Al momento del lancio, Quibi si è presentata agli utenti con una cinquantina di contenuti, di cui 30 sono serie tv. Nel bouquet dell’app ci sono documentari, docu-serie, game show, thriller, drama, programmi informativi, di makeover, wellness e lifestyle. Secondo le previsioni, nel suo primo anno di vita la piattaforma dovrebbe arrivare ad un totale di 175 produzioni originali, per un totale di 8500 micropuntate.

Tra i contenuti disponibili, che vedono anche la partecipazione di alcune celebrities, ci sono la serie Survive, con protagonista Sophie Turner (già interprete in Game of Thrones) e Flipped, la storia di una coppia televisiva di rinnovatori di case che si trovano a dover mettere mano alle dimore di mafiosi messicani. Nella sezione talent e reality c’è Thanks a Million, show nel quale alcune celebrità (tra cui Jennifer Lopez) regalano 100mila dollari ad un primo beneficiario, che a sua volta dovrà donare metà della somma ricevuta ad un’altra persona. E poi Chrissy’s Court, un reality giudiziario con Chrissy Teigen nel ruolo di giudice, You Ain’t Got These, uno show sulla sneaker culture condotto da Lena Waithe, il crime Run This City e NightGowns con la drag queen Sasha Velour. Solo per citarne alcuni. Nello specifico, hanno contribuito alla piattaforma anche Nbc, Bbc, Espn e altre emittenti televisive che hanno fornito mini-clip di informazione.

Quibi, costi e abbonamenti

La piattaforma Quibi è a pagamento. Attualmente è offerta la possibilità di sottoscrivere un periodo di prova di 90 giorni, dopo i quali si può sottoscrivere un abbonamento mensile da 8,99 euro. Negli USA e in Canada è anche disponibile una versione da 4,99$ al mese ma con annunci pubblicitari ogni 60 minuti.

I contenuti di Quibi, la cui qualità massima è di 1080p (ma può essere ridotta per risparmiare dati dalle impostazioni dell’app), sono in lingua inglese e al momento non sono disponibili sottotitoli in italiano, ma in alcuni casi solo in spagnolo. Dettaglio tecnico: la visione sullo smartphone è resa possibile tenendo il dispositivo sia in orizzontale sia in verticale A differenza di altri servizi di streaming, questa piattaforma non permette la condivisione del proprio account e la creazione di profili diversi.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Ayrton Senna
Ayrton Senna: la vita del pilota di Formula1 diventa una serie TV


Friends
Friends è la serie più vista su HBO Max. The Big Bang Theory al terzo posto


Disney plus
Disney+: 10 cose da sapere


Amadeus
Sanremo 2020: dove e come vedere e rivedere il Festival

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.