1
aprile

Lucio Presta massacra Barbara D’Urso: «Suora laica in pailettes, produce orrore televisivo». E si appella a Berlusconi

Lucio Presta

La preghiera che Barbara D’Urso ha recitato nei giorni scorsi in tv con Matteo Salvini (un vero requiem al buon gusto), non smette di attirare critiche. La più pesante, televisivamente parlando, è stata sganciata pochi minuti fa da Lucio Presta. Con un post pubblicato su Facebook, il noto agente di spettacolo, fervente cattolico, si è lasciato andare ad un vero e proprio sfogo contro “la suora Laica in paillettes“, implicito ma chiarissimo rifermento alla conduttrice Mediaset con cui – com’è noto – da tempo non corre buon sangue.

Nel suo inaspettato “Pensierino del mattino in tempo di Corona Virus“, Presta ci è andato giù pesante.

Posto che l’orrore televisivo che produce ogni giorno, ogni mese, ogni anno la suora Laica in paillettes (naturalmente nulla a che fare con le Suore Laiche vere che sono esempi da seguire) è ormai da tempo sotto gli occhi di tutti e quindi vorrei non tornare sull’argomento quello che mi domando ogni giorno è: come mai una Testata giornalistica VIDEONEWS accetta di mettere la Firma su tanto poco e tanto orrore? Conosco da molti anni gli uomini che sono a capo di quella Testata giornalistica, anzi devono a chi scrive se hanno la gestione del pomeriggio di Canale 5 , da anni ormai, essendo io quello che chiese ed ottenne da Mediaset il passaggio dalla gestione TG5 a quella di Videonews per sopraggiunte divergenze con CDR del Tg di allora durante la conduzione Perego, e posso dimostrare che ci sono delle persone capaci che sanno fare Tv e quindi è difficile da comprendere

ha scritto il manager di Roberto Benigni e Paolo Bonolis (che negli ultimi anni ha ospitato la D’Urso nei suoi programmi). Nel suo intervento sui social, Presta ha quindi proseguito:

Si potrebbe obiettare che forse è l’Editore in persona che desidera mettere in onda questo scempio mal digerito anche dagli altri talents delle reti Mediaset, ma conoscendo da ormai almeno 15/20 anni l’attuale board e proprietà mi sento di dire che lo trovo impossibile da accettare e da crederlo anche perché lo stile di Pier Silvio è davvero altra categoria“.

In conclusione, lo stesso Presta – che in passato ha avuto forti screzi con Mauro Crippa, subentrato a Brachino a capo di VideoNews nonchè Direttore dell’Informazione Mediaset – si è posto una serie di agguerrite domande.

Il mistero allora si infittisce, perché la Testata, il Cdr, l’ordine dei giornalisti etc permettono ciò? Io faccio da tempo la mia parte e nessuno dei miei assistiti va ospite dalla Signora delle paillettes e la mia parte credo di averla fatta, ora che la facciano gli altri. Oppure serve a qualcosa o qualcuno che ci sia in onda questo scempio? Tacere equivale ad essere complici di tale orrore e personalmente non amo esserlo“.

Lo sfogo del fondatore di Arcobaleno Tre ha avuto risalto sui social, dove ha anche ricevuto l’immediata approvazione da parte di Paola Perego, sua moglie che nel 2009 abbandonò (salvo poi tornare sui suoi passi) la conduzione di un programma a causa proprio di Barbara D’Urso. “Condivido ogni tua parola” ha scritto la conduttrice a commento dell’incandescente post, rispetto al quale è impossibile non aspettarsi reazioni.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes


Articoli che potrebbero interessarti

Non ci sono articoli correlati

11 Commenti dei lettori »

1. Ale ha scritto:

1 aprile 2020 alle 15:15

Ma che gli frega a Presta? E’ tutta invidia per gli ascolti che la signora delle paillettes fa e che invece la signora sovranista (sua assistita e concorrente al pomeriggio) non è in grado di fare se non ultimamente grazie al virus. Tranquillo Presta, anche i tuoi assistiti non andranno mai dalla suora laica.



2. EzioGra ha scritto:

1 aprile 2020 alle 15:27

Come rode a marito e moglie. Come vorrebbero trovarsi a quel posto. Dai miei ricordi la domenica della sua signora non era così differente dai programmi della d Urso. Quanta invidia



3. Eugeniadisgu ha scritto:

1 aprile 2020 alle 15:28

Disgustosa e diseducativa
Offende la dignità della donna !
Atteggiamenti teatrali e non c’è argomento dove lei malata di protagonismo :io c’ero io ricordo io conosco bene il contesto ……
La donna è un’altra storia !!!!!



4. Maurizio ha scritto:

1 aprile 2020 alle 16:25

E ti credo che la moglie condivide ciò che scrive il marito… ma quando mai non lo ha fatto? Visto che oltretutto adesso lei non ha neppure un programma in tv. Mi domando: essendo periodo di rinnovi contrattuali, forse questo sfogo sarà perchè lui non trova posto per la moglie ne nella “nuova” Rai e ne a Mediaset dove è tutto occupato dalla signora che lui nemmeno ha coraggio di nominare?



5. Ale ha scritto:

1 aprile 2020 alle 16:45

@EzioGra e vogliamo parlare della famosa tabella sulle donne dell’est mostrata dalla moglie in un suo programma? anche quello era orrore



6. PeppaPig ha scritto:

1 aprile 2020 alle 17:02

Della coppia Presta-Perego si può dire tutto il peggio.
Però, a prescindere dalla coppia, a prescindere dai motivi che li hanno spinti a un passo così plateale, a prescindere da cencio che dice male di straccio, resta la difficoltà di trovare una spiegazione alla tolleranza di mediaset verso certi spettacoli. La domanda riportata nel titolo che si fa Presta è la stessa che mi faccio anche io da anni, e non trovo risposta. E non diciamo che dipende dagli ascolti della D’Urso perchè al di là delle dichiarazioni del suo ufficio stampa in servizio effettivo permanente non si tratta certo di ascolti da far gridare al miracolo. In altre parole, il gioco non vale sicuramente la candela.
Va anche detto però, per onestà, che è in quasi tutto il palinsesto mediasettaro, e non solo nei programmi della D’Urso, che lo stile si accosta sicuramente di più a Er Monnezza o a Il Baffo, che a Pier Silvio. Compresi certi programmi del suo pupillo Bonolis (perlomeno la D’Urso non ha mai attentato alla vita di nessuno), e compreso l’ultimo GFVip che per il minimo sindacale della decenza doveva essere già chiuso da almeno due settimane.



7. MARCELLO79 ha scritto:

1 aprile 2020 alle 20:03

PRESTA ha la memoria corta o faziosa dando del cornuto all’asino. Come recita un detto latino: asinum asellus culpat!



8. Patrick ha scritto:

2 aprile 2020 alle 03:06

Ale… ascolti? Il 14% sarebbero ascolti? Dai su, posa il fiasco. Non c’è proprio niente da invidiare a una così.



9. Verginia ha scritto:

2 aprile 2020 alle 11:44

Ma quanto stanno rosicando quei due?!? 😂😂



10. Ale ha scritto:

2 aprile 2020 alle 13:44

Patrick e tu rimettiti gli occhiali e leggi bene… io mi riferivo ai tempi precedenti alla pandemia quando Pomeriggio 5 faceva 17 – 18 contro i miseri 14 – 15 di vid. C’era molto da invidiare invece!!



11. Ale ha scritto:

2 aprile 2020 alle 13:48

Patrick e tu rimettiti gli occhiali e leggi bene… io mi riferivo ai tempi precedenti alla pandemia quando Pomeriggio 5 faceva solitamente il 17 – 18% contro il misero 14 – 15% di vid. C’era parecchio da invidiare invece!!!!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.