16
marzo

Bella da Morire: un buon cast non leva la sensazione di già visto

Bella da Morire - Matteo Martari e Cristiana Capotondi

Bella da Morire - Matteo Martari e Cristiana Capotondi

Nuova fiction per Rai 1, nuova indagine sul femminicidio ieri sera in prime time con la prima puntata di Bella da Morire. “Nuova”, ma mica tanto. Perchè la serie prodotta da Cattleya e Rai Fiction, ben fatta e anche avvincente, di nuovo ha poco, e richiama fin troppo alla mente Il Silenzio dell’Acqua, lanciata da Canale 5 un anno fa e in attesa dell’imminente sequel.

Bella da Morire: troppe assonanze con la fiction di Canale 5 Il Silenzio dell’Acqua

In entrambe le fiction c’è una piccola comunità, una di quelle in cui tutti si conoscono, in una cittadina tranquilla. C’è un poliziotto che è amico di tutti, e deve fare i conti con una nuova collega dura ed intransigente e con un passato doloroso, per la quale, dopo un fastidio iniziale, non può non provare ammirazione (o qualcosa di più). C’è una giovane e bella ragazza che scompare e che viene ritrovata nei pressi del lago, in entrambi i casi è incinta e la ricerca del suo assassino finisce col distruggere gli equilibri del posto, tirando fuori segreti e lati nascosti di tutti, protagonisti inclusi.

Molto probabilmente le due fiction divergeranno poi nel corso dell’indagine, che nel caso de Il Silenzio dell’Acquagià di per sé somigliante a L’Isola di Pietro – si rivelò molto ben costruita ed intricata. Ma l’assonanza tra i due progetti è molto forte e purtroppo stona con quanto dichiarato dal regista Andrea Molaioli, che si augurava di “evitare di scivolare nell’originalità come presupposto e non come risultato”.

Assodata, dunque, la sensazione di déjà vu scatenata al primo impatto, ci si augura che la trama di Bella da Morire sbocci, creandosi un’identità tutta sua ed evitando esagerazioni narrative. Come quella che ieri ha visto l’ispettrice Eva (Cristiana Capotondi) tuffarsi nel lago senza bombola d’ossigeno e restarci per un tempo indefinito, cercando il corpo della povera Gioia (Giulia Arena).

Bella da Morire: bravi gli interpreti

Dalla sua, la fiction ha un cast indovinato, con attori nella parte: in particolare Paolo Sassanelli, che interpreta il padre della vittima, e la stessa Giulia Arena, onnipresente come cadavere ma convincente nelle parti recitate. Infine, molto interessante – e delicato – il personaggio di Matteo Martari, un poliziotto che indaga sul femminicidio e nel frattempo frequenta delle sedute per risolvere i suoi problemi di violenza sulle donne.



Articoli che potrebbero interessarti


Il Silenzio dell'Acqua - Velentina D'Agostino
Il Silenzio dell’Acqua: su Canale 5 una nuova ed avvincente «Isola di Pietro»


La Casa di Carta 4
La Casa di Carta 4: un racconto allungato troppo che non ha più nulla da dire


Bella da Morire - Cristiana Capotondi e Matteo Martari
Bella da Morire 2 ci sarà?


Passeggeri Notturni - Paolo De Vita
Passeggeri Notturni: un racconto teso, a metà strada tra piccolo e grande schermo

1 Commento dei lettori »

1. vicky ha scritto:

16 marzo 2020 alle 20:32

A me è piaciuta . La Capotondi è proprio brava oltre ad essere graziosa. Ha poco spazio ma merita molto di più di tante altre.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.