11
dicembre

Il nipote di Battisti contro Una Storia da Cantare: «Pessimo, cantanti come Ruggeri, Morgan, Arisa hanno fatto morire zio Lucio per la seconda volta»

Una Storia da Cantare

Una Storia da Cantare

Lo speciale su Lucio Battisti, andato in onda su Rai 1 nel corso della terza puntata di Una Storia da Cantare, non è proprio piaciuto ad Andrea Barbacane, il nipote del celebre cantautore. Il figlio di Albarita Battisti si è scagliato fortemente contro la trasmissione condotta da Enrico Ruggeri e Bianca Guaccero che, lo scorso 30 novembre, ha cercato di dare omaggio – a suo dire in maniera pessima – alla memoria dello zio.

Lo speciale di Raiuno dedicato a mio zio Lucio Battisti è stato un disastro. E’ stato reso un servizio pessimo da cantanti come Ruggeri, Morgan, Arisa, che hanno fatto morire zio Lucio per la seconda volta. Mi stupisce che Mogol fosse presente e li abbia ringraziati. Rispetto a Dieci ragazze cantata da Ruggeri sono molto meglio le canzoni dello Zecchino d’Oro“.

ha inveito, senza mezzi termini, Barbacane sulle pagine di Chi, non risparmiando critiche ai cantanti che hanno eseguito il repertorio di Lucio, né tanto meno a Mogol, autore di molte delle canzoni portate al successo dallo scomparso interprete. In uscita con il libro Quel gran genio di mio zio e quel che non è stato detto su Lucio Battisti, Andrea ha anche voluto smentire una serie di leggende metropolitane legate alla figura di Battisti:

“Il Battisti politico non è mai esistito perché zio Lucio non votava neanche, lasciava a casa di nonno le cartoline elettorali. Il Battisti laziale nasce dalla fantasia dei tifosi suffragata da nonno Alfiero: l’unica volta che zio Lucio andò allo stadio fu una domenica pomeriggio, quando accompagnò mio padre a vedere la partita che avrebbe decretato lo scudetto della Lazio: era curioso dell’evento, non era tifoso”.

Polemiche a parte, Barbacane ha inoltre espresso la sua felicità sulla caduta caduta dell’obbligo che imponeva la diffusione delle canzoni dello zio solo attraverso i vinili e le cassette:

Lucio Battisti è un patrimonio di tutti e non è proprietà di nessuno, nemmeno dei famigliari“.



Articoli che potrebbero interessarti


Lucio Battisti
Io tu noi, Lucio: Sonia Bergamasco racconta Battisti su Rai2


Max Giusti
Boss in Incognito si sposta al martedì per l’esordio


masterchef
Pagelle TV della Settimana (2-8/03/2020). Promossi Luisa Ranieri e Masterchef. Bocciati Otto e Mezzo e l’oroscopo del Coronavirus


Una Storia da Cantare - Mina
Una Storia da Cantare ci riprova con Mina

4 Commenti dei lettori »

1. Alviero ha scritto:

11 dicembre 2019 alle 13:59

Con tutto il rispetto per Ruggeri e Co. ha ragione da vendere il nipote …..



2. sameoldstory ha scritto:

11 dicembre 2019 alle 14:11

esagerato…



3. Davidbhd ha scritto:

11 dicembre 2019 alle 16:19

Ah é in uscita col libro il nipote di battisti.. ecco perché cerca visibilità attaccando gratuitamente dei professionisti che hanno semplicemente omaggiato, sulla tv pubblica, un grande artista. Che tristezza. Secondo me é battisti che darebbe del pessimo al nipote per questa uscita, che ha il solo scopo di pubblicizzare un libro di cui in pochi sarebbero venuti a conoscenza.



4. Sergio ha scritto:

14 dicembre 2019 alle 09:07

Sarebbe come prendere un quadro d’autore e farci sopra una spennellata….
Così a mio parere certi hanno interpretato le canzoni loro affidate facendole “proprie” ledendone la loro legittimità, in primis proprio Ruggeri, latente anche come presentatore



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.