28
maggio

Pamela Prati a Chi l’ha visto per parlare di ‘truffe romantiche’. Paradosso!

Pamela Prati

Pamela Prati ospite a Chi l’ha visto?. Ma non per cercare Mark Caltagirone, che come noto non esiste. Domani – tenetevi forte – l’ex showgirl verrà accolta nel programma di Rai3 per parlare di truffe online, come anticipato da Dagospia darà spazio alla protagonista delle nozze immaginarie dell’anno, spiazzando probabilmente parte del suo pubblico e predisponendo un confronto a distanza con Barbara D’Urso, che su Canale5 tornerà ad ospitare l’ex agente della Prati, Eliana Michelazzo.

La settimana scorsa, occupandosi del caso Prati-Caltagirone con le confessioni shock di una delle protagoniste, la D’Urso aveva sfiorato il 4 milioni di telespettatori e ottenuto il 18% di share. Rai3 aveva incassato il colpo. Stavolta, però, Federica Sciarelli ha scelto di ‘combattere’ ad armi pari, ospitando addirittura la stessa Pamela. Si parlerà, come anticipato, di truffe online: argomento non estraneo alla showgirl.

Il direttore di Rai3 Stefano Coletta, da parte sua, si è affrettato a precisare che Pamela Prati non riceverà alcun compenso per la sua presenza a Chi l’ha visto?

Pamela Prati non sarà pagata, a Chi l’ha visto? nessuno riceve compenso. Siamo una trasmissione di servizio pubblico e per etica scegliamo di non retribuire nessuno

ha spiegato Coletta a Il Fatto Quotidiano. E’ comunque lecito chiedersi se sia opportuno che il servizio pubblico dia ancora spazio alla donna che per settimane ha sostenuto verità chiaramente vacillanti (per non dire menzognere), spalleggiata da due agenti che ora – a colpi di interviste – confessano retroscena e responsabilità condivise per quella che è stata sin dall’inizio una vicenda assurda e surreale.

Quanto all’argomento su cui la Prati verrà interpellata e al fatto che fosse necessario interpellare proprio lei, il direttore di Rai3 ha aggiunto:

Chi l’ha visto si è occupato delle truffe romantiche per primo, già due anni fa abbiamo raccontato di tantissime donne vittime di questo meccanismo. Il programma fa un lavoro di documentazione molto preciso, domani sera riproporrà una serie di donne ingannate che hanno pagato in alcuni casi con la vita, in altri con tanti soldi. Queste storie vengono fuori quando c’è un personaggio noto in qualche modo coinvolto, su queste storie si costruiscono soap ma in realtà ci sono vite distrutte“.

A questo punto ci resta solo un dubbio, anche alla luce delle recenti rivelazioni: ma il punto di vista di Pamela Prati sarà quello di vittima di una truffa romantica? Paradosso!

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Pamela Prati, Chi l'ha visto?
Pamela Prati muta a Chi l’ha visto! La toppa della Sciarelli è peggio del buco: «Ci ha consentito di parlare delle donne invisibili»


Federica Sciarelli - Chi l'ha Visto?
Chi l’ha Visto?, il disturbatore Michele Caruso al telefono: «Vaffanc*lo». Sciarelli: «Si deve andare a far curare. Deficiente» – Video


Federica Sciarelli - Chi l'ha Visto?
Chi l’ha Visto?: Federica Sciarelli riparte con l’omicidio di Piacenza e l’inchiesta di Bibbiano


Franca Leosini
Franca Leosini non risponde alla Sciarelli: «Io non commento Federica»

3 Commenti dei lettori »

1. Minny ha scritto:

28 maggio 2019 alle 15:55

Dopo questa butterò la tv nella spazzatura, Pamela andrebbe lì per raccontare come si fa truffare la gente, visto che lei è un’esperta nel settore???
Non se ne può piu.



2. YleGi ha scritto:

29 maggio 2019 alle 09:51

Non ho mai guardato Chi l’ha visto, non mi piace e non capisco il successo che ha da sempre. La Sciarelli non è nuova a cadute di stile e a trovate di dubbio gusto (una su tutte l’annuncio in diretta del ritrovamento di Sarah Scazzi con la madre collegata). Ma questa direi che le supera tutte. Spero che qualcuno della rete intervenga a fermare questa buffonata.



3. M.C. Giongo ha scritto:

29 maggio 2019 alle 11:27

Non se ne può più! ma l’Italia non ha altri argomenti di cui parlare? lasciate che ci pensi la magistratura!



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.