11
marzo

Ascolti TV | Domenica 10 marzo 2019. Fazio 15.5%-13.7%, Il Silenzio dell’Acqua 14%. Venier 17.5%-15.7%, Parodi 10.8%, D’Urso 15%

il silenzio dell'acqua

Il Silenzio dell'Acqua

Nella serata di ieri, domenica 10 marzo 2019, su Rai1 – dalle 20.38 alle 22.41 – Che Tempo Che Fa ha conquistato 3.966.000 spettatori pari al 15.5% di share mentre – dalle 22.46 alle 0.01 – Che Tempo Che Fa – Il Tavolo ha interessato .000 spettatori pari al 13.7% di share. Su Canale 5 la seconda puntata della fiction Il Silenzio dell’Acqua ha raccolto davanti al video 3.193.000 spettatori pari al 14% di share. Su Rai2 The Good Doctor ha catturato l’attenzione di 2.248.000 spettatori (9%). Su Italia1 Le Iene ha intrattenuto 1.853.000 spettatori con il 10.8% di share (presentazione di 32 minuti: 1.557.000 – 5.9%). Su Rai3 Amore Criminale ha raccolto davanti al video 1.063.000 spettatori pari ad uno share del 4.6% (presentazione di 10 minuti: 712.000 – 2.7%). Su Rete4 il film Viaggio in Paradiso è stato visto da 649.000 spettatori con il 2.7% di share. Su La7 Non è l’Arena ha interessato 1.160.000 spettatori con il 5.9%. Su Tv8 la gara di Moto GP in differita è stata seguita da 1.879.000 spettatori con il 7.1% di share. Sul Nove la prima puntata della terza stagione di Camionisti in Trattoria segna 546.000 spettatori con il 2.1% (qui il dato del debutto della seconda stagione). Se si considera il simulcast su Dmax, Camionisti in Trattoria segna 686.000 spettatori e il 2.6%. Su Rai4 A Lonely Place To Die segna 529.000 spettatori e il 2.1%. Su Rai Premium Che Dio Ci Aiuti raccoglie 327.000 spettatori con l’1.4%.

Ascolti TV Access Prime Time

Paperissima sempre meglio di Che Tempo Che Fa.

Su Canale 5 Paperissima Sprint ha ottenuto 4.524.000 spettatori con il 17.4%. Su Rai2 Quelli Che Dopo il Tg ha raccolto 1.220.000 spettatori con il 4.7%. Su Italia1 CSI ha totalizzato 986.000 spettatori (3.9%). Su Rete 4 Stasera Italia Weekend ha raccolto 829.000 spettatori con il 3.3%, nella prima parte, e 936.000 spettatori con il 3.6%, nella seconda parte.  Su Rai3 Grazie dei Fiori ha interessato 1.211.000 spettatori pari al 4.7% di share. Su Tv8 la gara di Moto 2 ha raccolto 811.000 spettatori e il 3.7%. Sul Nove Camionisti in Trattoria in replica ha ottenuto 548.000 spettatori con il 2.1%.

Preserale

Tv8 al 4% c0n il Motociclismo.

Su Rai1 L’Eredità – la Sfida dei Sette ha ottenuto un ascolto medio di 3.016.000 spettatori (16.4%) mentre L’Eredità ha ottenuto di 4.361.000 spettatori (20.6%). Su Canale 5 Avanti il Primo segna 2.519.000 spettatori (14.1%) mentre Avanti un Altro raccoglie 3.577.000 spettatori (17.1%). Su Rai2 Novantesimo Minuto ha appassionato 829.000 spettatori (4.9%), nella prima parte, e 1.019.000 spettatori (4.9%), nella seconda parte. Apri e Vinci segna 855.000 telespettatori (3.7%). Su Italia1 Sport Mediaset ha totalizzato 386.000 spettatori (2%).  CSI: NY ha raccolto 490.000 spettatori con il 2.2%. Su Rete 4 Tempesta d’Amore ha appassionato 826.000 spettatori con il 3.7%. Su Rai3 Blob segna 1.037.000 spettatori con il 4.4%. Su La7 Calendar Girls ha appassionato 266.000 spettatori (share dell’1.5%). Su Tv8 la gara di Moto 3 è stata seguita da 666.000 spettatori con il 4%.

Daytime Mattina

8.6% per la Messa con fuoriprogramma.

Su Rai1 Uno Mattina in Famiglia ha interessato 392.000 spettatori (18%), nella presentazione, 782.000 spettatori (19.4%) nella prima parte, 1.799.000 spettatori (23.8%), nella seconda parte, e 1.707.000 spettatori (20.9%) nella terza parte. Paesi che Vai segna 1.444.000 spettatori con il 17.7%. A Sua Immagine ha portato a casa un a.m. di 1.462.000 spettatori pari ad uno share del 16.1%. La Santa Messa ha raccolto 1.644.000 spettatori con il 18.4%. Su Canale5 il TG5 delle 8 segna 1.097.000 spettatori con il 17.1% e Lo Sapevi? raccoglie un ascolto di 401.000 telespettatori con il 4.9% di share. Su Rai2 Generazione Giovani ha tenuto compagnia a 285.000 spettatori (3.5%). Su Italia1 – dalle 8.59 alle 10.05 – la Formula E segna 238.000 spettatori con il 2.9%. Su Rai 3 Provincia Capitale convince 367.000 spettatori con il 4.4% di share. Su Rete 4 la Santa Messa ha coinvolto 702.000 spettatori (8.6%). Su La7 Omnibus realizza un a.m. di 228.000 spettatori con il 3.7% di share.

Daytime Mezzogiorno

Melaverde, con Vincenzo Venuto, segna il 14%.

Su Rai1 l’Angelus ha raccolto 2.068.000 spettatori (18.5%). Linea Verde ha intrattenuto 2.762.000 spettatori (18.6%). Su Canale 5 Le Storie di Melaverde ha interessato 872.000 spettatori con il 8.3% e Melaverde 1.789.000 con il 14%. Su Rai2 Mezzogiorno in Famiglia conquista 850.000 spettatori con uno share del 9.1% nella prima parte e 1.491.000 spettatori con l’11.4% nella seconda. Su Italia1 Una Mamma per Amica segna il 2.1% con 181.000 spettatori, nel primo episodio, e il 2.3% con 236.000 spettatori, nel secondo episodio. Sport Mediaset XXL ha registrato un a.m. di 1.032.000 spettatori con il 6%. Su Rai3 Il Posto Giusto registra 344.000 spettatori con uno share del 2%. Su Rete4 Dalla Parte degli Animali raccoglie 391.000 spettatori con il 4.4%. La Signora in Giallo ha fatto compagnia a 327.000 spettatori con il 2.1%. Su La7 L’Ora della Salute è stata scelta da 103.000 spettatori con l’1.2% di share. L’Aria che Tira – Il Diario ha raccolto 137.000 spettatori e lo 0.9%. Su Rai Sport la Coppa del Mondo di Sci segna 392.000 spettatori e il 2.6%.

Daytime Pomeriggio

Una Vita e Il Segreto non superano i 2 milioni.

Su Rai1 Domenica In ha intrattenuto 2.809.000 spettatori pari ad uno share del 17.5%, nella prima parte, e 2.335.000 spettatori pari ad uno share del 15.7%, nella seconda parte. La Prima Volta, con Cristina Parodi, ha raccolto un ascolto medio di 1.692.000 spettatori pari al 10.8%. Su Canale 5 L’Arca di Noè ha raccolto 2.577.000 spettatori con il 14.8%. Beautiful ha raccolto 2.103.000 spettatori (12.6%). La doppia puntata di Una Vita ha appassionato 1.900.000 spettatori pari al 12.1%. Il Segreto ha conquistato 1.854.000 spettatori pari al 12.6%. A seguire Domenica Live ha interessato 2.299.000 spettatori con il 15% (L’Ultima Sorpresa: 2.176.000 – 12.3%). Su Rai2 Quelli che Aspettano ha convinto 1.180.000 spettatori (7.3%). Quelli che il Calcio segna l’8% con 1.197.000 spettatori. Dribbling ha ottenuto 710.000 spettatori con il 4.9%. Su Italia1 Superman Returns raccoglie 551.000 spettatori con il 3.6%. A seguire la Formula E ha convinto 282.000 spettatori con l’1.9%. Su Rai3 Mezz’Ora in Più ha interessato 1.420.000 spettatori con l’8.9%. Kilimangiaro – Il Grande Viaggio ha ottenuto 998.000 spettatori con il 6.7% mentre Kilimangiaro – Storie ha ottenuto 1.525.000 spettatori con il 9.7%. Su Rete 4 Donnavventura ha registrato 494.000 spettatori con il 2.9%. Su La7 Becoming Michelle Obama ha appassionato 254.000 spettatori (share dell’1.7%). Su Sky Sport Moto GP  – dalle 17.45 alle 18.46 – la Moto Gp segna 402.000 spettatori e il 2.5%. Su Sky Sport Uno la Moto Gp – dalle 17.56 alle 18.46 – raccoglie 494.000 spettatori e il 3%.

Seconda Serata

Per il ciclo dedicato alla Fenech, Il Ginecologo della Mutua segna l’1.4%.

Su Rai 1 Speciale Tg1 ha conquistato un ascolto di .607000 spettatori pari ad uno share del 7.4%. Su Canale 5 Tiki Taka ha intrattenuto 1.002.000 spettatori con l’8% di share, nella prima parte dalle 23.44 alle 0.05, e 559.000 spettatori con l’8.8%, nella seconda parte. Su Rai2 La Domenica Sportiva segna 811.000 spettatori (6.5%) mentre L’Altra DS ha interessato 193.000 tifosi (4.4%). Su Italia1 The Girlfriend Experience segna un netto di 420.000 ascoltatori con il 9% di share, nel primo episodio, e 243.000 spettatori con il 6.8% di share. Su Rai 3 Sopravvissute visto da 484.000 spettatori (5.5%). Su Rete 4 Fino a Prova Contrario è la scelta di 212.000 spettatori (2.5%). Su Iris Il Ginecologo della Mutua segna 183.000 spettatori con l’1.4%.

Telegiornali

TG1
Ore 13.30 4.411.000 (25.3%) – Billy 4.100.000 – 23.8%
Ore 20.00 .000 (%)

TG2
Ore 13.00 2.390.000 (14.5%)
Ore 20.30 1.839.000 (7.3%)

TG3
Ore 14.25 1.684.000 (10.3%)
Ore 19.00 2.049.000 (10.3%)

TG5
Ore 13.00 2.891.000 (17.4%)
Ore 20.00 4.197.000 (17.7%)

STUDIO APERTO
Ore 12.25 1.170.000 (8.4%)
Ore 18.30 722.000 (4.1%)

TG4
Ore 12.00 481.000 (4.1%)
Ore 18.55 753.000 (3.9%)

TGLA7
Ore 13.30 532.000 (3.1%)
Ore 20.00 1.249.000 (5.3%)

Dati auditel per fasce (share %)

RAI 1 16.38 22.14 18.62 19.46 15.32 17.95 15.76 11.94
RAI 2 6.74 3.32 4.62 10.28 6.92 4.54 7.35 7.43
RAI 3 6.05 4.76 4.54 5.92 7.76 8.83 3.96 5.36
RAI SPEC 6.74 9.16 11.01 6.49 5.67 5.63 6.5 6.06
RAI 35.9 39.39 38.79 42.15 35.67 36.95 33.58 30.79
CANALE 5 13.55 14.88 7.44 14.21 12.94 16.06 15.15 12.31
ITALIA 1 5.03 1.47 2.44 5.04 3.16 2.42 6.22 11.88
RETE 4 2.88 1.27 5.13 2.61 2.04 3.43 2.89 2.65
MED SPEC 7.22 8.64 9.41 7.13 7.05 5.69 5.89 8.16
MEDIASET 28.68 26.26 24.41 28.99 25.19 27.59 30.15 35
LA7+LA7D 3.7 4.15 2.49 1.85 2.26 2.64 5.59 7.09
SATELLITE 19.92 17.34 19.84 16.32 24.23 22 19.7 16.55
TERRESTRI 11.8 12.87 14.47 10.69 12.65 10.82 10.98 10.58
ALTRE RETI 31.72 30.2 34.3 27.01 36.87 32.82 30.68 27.12

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, , ,



Articoli che potrebbero interessarti


Riccardo Fogli
Ascolti TV | Lunedì 11 marzo 2019. Forte calo per Il Nome della Rosa (19.86%), Isola 17.31%


isola dei famosi ascolti 24 gennaio 2019
Ascolti TV | Giovedì 24 gennaio 2019. Che Dio Ci Aiuti domina (22%), Isola 18.27%. Morgan su Mercury 6.81%, cala Giacobbo (4%)


ascolti dottoressa gio
Ascolti TV | Domenica 20 gennaio 2019. Fazio 14.8%-13%, Dottoressa Giò cala al 10.9%. Domenica In 18.2%-17%, Soap 12.7%, Domenica Live 16.2%. I dati auditel dei canali Premium


che dio ci aiuti
Ascolti TV | Giovedì 17 gennaio 2019. Che Dio Ci Aiuti monstre (26.1%), Canale 5 fermo al 10%. Masterchef 8 parte dal 3.6% e dal 3.8%. Porta a Porta con Di Maio al 18.3%

52 Commenti dei lettori »

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

1. Sabato ha scritto:

11 marzo 2019 alle 10:11

Ottimo Che Tempo Che Fa, che sfiora i 4 milioni (15,5% di share). Bene anche la seconda serata, con il Tavolo che tocca il 13,7%. Picco di 4,6 milioni durante l’ospitata di Amadeus, che con Fazio ha inscenato un divertente crossover fra i Soliti Ignoti e Che Tempo Che Fa.
Cala Il Silenzio Dell’Acqua: la prima puntata aveva ottenuto 3,4 milioni di spettatori ed il 15,3% di share; la seconda puntata in onda ieri sera si è fermata a 3,2 milioni e al 14% di share. Il dato è comunque positivo rispetto ad altre proposte Mediaset.



2. Franchino ha scritto:

11 marzo 2019 alle 10:14

Vittoria abbastanza netta di Fazio, però stavolta una piccola nota di merito a C5 la devo dare: son già 2 volte consecutive che le fiction stanno raccimolando risultati soddisfacenti (sopra i 3 milioni), soprattutto dati gli ultimi risultati non ecclatanti.
Che sia l’inizio di un lungo cammino di ripresa? Speriamo!



3. john2207 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 10:17

La fiction non è nelle corde di Mediaset, qualsiasi cosa proponga ormai non viene considerato dal pubblico. E’ come il varietà su la7, hanno connotato i loro telespettatori a pane e Trash e a qualsiasi cosa propongano viene respinta dal pubblico.
Bene a Fazio anche se lontano dai numeri medi di Rai1, bene la serie su Rai2 e come al solito le Iene.

ottimi ascolti per la differito di MotoGp su Tv8 e ottimi ascolti per lo chef Rubio su Nove



4. Tina ha scritto:

11 marzo 2019 alle 10:18

FRANCHINO del tutto d’accordo con te.Ma di strada ce ne vuole ancora tanta.



5. il-Cla83 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 10:25

Buongiorno,
rispetto alla puntata di venerdi Il silenzio dell’acqua subisce un calo, seppur lievissimo. Continuo a pensare che la fiction meriti di più, ma il discorso è sempre quello; troppi anni di fiction davvero orripilanti come Furore, il reboot de Il bello delle donne e Le tre rose di Eva, troppi anni dove gli attori principali delle fiction Mediaset erano Garko e la Arcuri, hanno fatto in modo che il pubblico perdesse l’abitudine a guardarle. Risalire la china non è un percorso semplice, ma credo che il gioco valga la candela. Basti pensare che lo scorso anno Furore 2 la domenica sera non raggiungeva i due milioni e faceva meno del 10% di share, o solo a gennaio di quest’anno quando La dottoressa Giò faceva tra il 10 e il 12%.
Fazio va meglio del solito, ieri la parte principale ha ottenuto il 15,5%
Boom per Tv8 con la MotoGp al 7%. Ottime le performance di Rai2 e Italia1 con Good doctor e Iene.

Buon inizio di settimana a tutti.



6. Zio Enzo ha scritto:

11 marzo 2019 alle 10:40

STRAZIO anche questa domenica esce con le ossa rotte contro le stra replicate Papere anni 90 e in sovrapposizione perde sicuramente anche contro la fiction di Ambra di Canale 5. Come al solito vanno bene le Iene e anche la Moto Gp in differita sull 8



7. Vince! ha scritto:

11 marzo 2019 alle 10:41

Con una puntata più pop del solito, Fazio vince agevolmente sulla fiction. Forse non è stata una buona idea quella di alcuni commentatori politici di questo blog – travestiti da appassionati di tv – di venire qui a commentare il programma il giorno prima…

Spero che il netto calo di share del Silenzio dell’acqua, rispetto a venerdì, chiarisca una volta per tutte come la domenica sia una delle serate più difficili, se non la più difficile, della settimana.

Giletti insolitamente sotto la soglia del 6%. Non seguendo il programma, non capisco il dato delle Iene: cos’è la presentazione? L’ennesima trovata per migliorare artificialmente lo share?

Si conferma davvero assurda la mossa di Freccero con The God Doctor…



8. Vince! ha scritto:

11 marzo 2019 alle 10:47

@Zio Enzo: è davvero difficile che Fazio possa aver perduto in sovrapposizione con la fiction, visti i numeri che ha fatto. Mi spiace questa volta ti è andata male.

Ah, no, puoi consolarti con l’access delle papere…
:))))))



9. Vince! ha scritto:

11 marzo 2019 alle 11:07

Come ha già raccontato Sabato, ieri abbiamo assistito ad uno dei momenti più divertenti della stagione di Che tempo che fa, con il folle crossover con i Soliti Ignoti.

Fazio ed Amadeus si sono integrati alla perfezione, alla faccia di chi parlava di agenti, scuderie e rivalità…

……….

Ma ieri abbiamo assistito anche al punto più basso della Domenica in di Mara Venier (che va sempre bene negli ascolti), con l’intervista ad Anna Maria Barbera.

Ho letto spesso della capacità della conduttrice di creare empatia con i propri ospiti. Beh, ieri questa dote è proprio mancata alla Venier.

Da casa si intuiva come l’attrice comica non abbia ancora superato del tutto un brutto momento che sta attraversando.

Mara mi è sembrata prima molto indelicata con lei, poi addirittura infastidita, un po’ come successe con Naomi Campbell. Tuttavia in questo caso non si è trattato di una diva capricciosa, ma di una donna che chiaramente non sta bene, chiamata in trasmissione per tentare di farle mettere in piazza il proprio malessere. Speriamo che la Barbera si riprenda al più presto.



10. Gianfranco ha scritto:

11 marzo 2019 alle 11:07

Ciao a tutti! sono da sempre un appassionato di Auditel.
Per quanto riguarda Fazio mi permetto di esprimere il mio modesto parere. Io credo che RAI UNO, prima rete del nostro paese debba riservare uno spazio importante ad un programma in cui credo si faccia davvero servizio pubblico, in maniera garbata ed elegante. E poi i numeri parlano chiaro, lui va avanti praticamente tutto l’anno e comunque vince sempre. Vuol dire che il pubblico comunque si è affezionato e di sicuro ha un costo minore rispetto alle fiction che prima coprivano questa serata, facendo comunque fare dei bei numeri allo stesso Fazio su Rai Tre, che mi sembra comunque negli ultimi tempi proseguiva anche tutta la prima serata della domenica sul tre.
Aldilà della simpatia o antipatia provata nei confronti di Fabio Fazio è un dato obbiettivo: lui con questo format ormai da 15 anni continua ad essere seguito cosa che in italia capita molto molto raramente…mi viene in mente solo Ce posta per te. Un bacio a tutti



11. g ha scritto:

11 marzo 2019 alle 11:44

le fiction trasmesse da C5, non sono molto seguite perchè troppo interrotte da una serie infinita di pubblicità, la gente si stufa, perde il filo e cambia canale. Magari saranno pure belle storie, ma la pubblicità le ammazza. Non sono adatte ad un canale prettamente commerciale……



12. Salvo ha scritto:

11 marzo 2019 alle 12:22

Ciao a tutti e un grande abbraccio ai super mitici Marcello Kelvin shayne Francesco Alessandro portatore Alberto Paolo ilcla83 Andrea le mitiche Tina Dalila grace Nina iole.buono il risultato della fiction di c5 , qualità ottima.,le prossime due puntate saranno ancora più avvincenti. sempre bene la D’Urso, Bonolis e le papere che stravincono sulla concorrenza.stasera torna l’isola, mercoledì la D’Urso e venerdì il ritorno di uno dei programmi più belli degli ultimi vent’anni,ciao Darwin che spero ottenga ottimi risultati come sempre,tre anni fa ebbe contro di tutto da Montalbano a fazio-fiorello e ha avuto ascolti lusinghieri.buona settimana a tutti.



13. Giancarlo ha scritto:

11 marzo 2019 alle 12:32

Un saluto a tutti. Qualcuno mi spiega perché Le Iene hanno uno share più alto di The Good Doctor? Le Iene hanno avuto più interazioni?



14. Francesco Morbidoni ha scritto:

11 marzo 2019 alle 12:34

Scusate ma Fazio NON vince. Viene battuto da Paperissima e perde in sovrapposizione con la fiction. Troppo comodo spacchettare il programma con il tavolo.



15. Giancarlo ha scritto:

11 marzo 2019 alle 12:41

Completamente d’accordo con Gianfranco



16. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 12:48

Con la seconda puntata ieri de Il Silenzio dell’Acqua, se avevo qualche dubbio espresso già qui sabato, ora me li sono tolti tutti.
La difficoltà degli ascolti delle fiction di Canale5 non è solo aver proposto per anni robaccia: il problema è che quando cambiano corso lo fanno o con un pessimo remake come Non Mentire oppure riproponendo qualcosa di vecchio nello stile e nella trama.
A parte l’improponibile nome di carattere mediterraneo Castel Marciano che stride ogni volta che viene pronunciato, dato non si sa perchè alla cittadina di Muggia che confina con l’Istria e non con Salerno, qui siamo davanti alla noia assoluta. E’ solo l’ennesima fiction che parla dello stesso argomento in pochi anni. Trama telefonatissima. Possiamo già dire cosa succederà nella prossima puntata. Anzi possiamo già dire chi sia il colpevole. La noia viene dal già visto e rivisto.
Un misto tra Broadchurch e Twin Peaks dei poveri: Ambra che imita Raquel de La Casa di Carta e Pasotti che, forse stufo di vivere nel Mulino Bianco, ha deciso di dare una svolta trasgressiva alla propria vita fatta di nastrine e farina integrale.

Per il resto non voglio infierire sul 4 milioni e mezzo di telespettatori che guardano le Papere. Almeno fino a che non avremmo stabilito quanto le famiglie auditel veramente rispecchino il variegato pubblico di casa nostra.



17. claudio75 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 13:04

Secondo quanto riportato da un noto quotidiano nazionale tra la nuova dirigenza Rai e Magnolia si è aperto una vera e propria guerra

La causa scatenante è la chiusura del Paradiso delle Signore di cui l’ad non vuole sentirne parlare.

Sembrerebbe che di mezzo ci vadano La Corrida, di cui la Rai non ha per tempo esercitato l’opzione, Vieni con me della Balivo e la stessa Eredità, che a quanto riporta l’articolo sembrerebbe in programmazione solo da gennaio 2020!!



18. Enzo ha scritto:

11 marzo 2019 alle 13:11

La fiction di c5 è avvincente ma non è possibile che ogni 15 minuti di fil tl5 di pubblicità. La gente spegne e poi recupera la puntata sul sito mediaset. Troppa pubblicità.
Magari fosse vero dello strappo con Magnolia e la corrida torna su cabale5 dal prossimo anno!!! È l’unico format datato che insieme a Stranamore potrebbe proporre C5 altro che la sai l ultima magari in estate si.



19. Cugino ha scritto:

11 marzo 2019 alle 13:13

Buongiorno. Ieri puntata molto piacevole di CTCF, che ha raggiunto il culmine con l’intervista ad Amadeus e lo spin off de I Soliti Ignoti, troppo divertente. Mi rammarico molto di non aver visto Il Tavolo per sonno sopraggiunto, cercherò di recuperarlo.

Non ho visto invece l’intervista alla Barbera, cercherò di recuperare anche quella. Mi spiace che sia sparita così, e mi spiace anche di più se la Venier non è riuscita a farla sentire a proprio agio. Si dice che non abbia un carattere facilissimo, però vai a sapere. Io ricordo una sua intervista di qualche tempo fa non ricordo dove (forse proprio una domenica in?), dove era molto in difficoltà, e a un certo punto si mise a piangere, senza però riuscire a spiegare neanche in quell’occasione cosa la facesse stare così male. Speriamo che, qualunque cosa sia, riesca a superarla.

Infine, leggo sui giornali che ieri la D’Urso a Domenica Live non ha nemmeno sfiorato l’argomento Isola. Come Volevasi Dimostrare. Leggo anche che il pubblico comincia a farsi delle domande, per la serie meglio tardi che mai. Spiace soltanto che questa bruttissima pagina porterà all’Isola ascolti immeritati, per via dei tanti che saranno curiosi di vedere come affonterà stasera la puntata la Marcuzzi, scomparsa senza profferire parola per tutta la settimana.



20. tina ha scritto:

11 marzo 2019 alle 13:15

Che Palle guardati Fazio,a me povera mortale la fiction piace.Certo con tutta sincerità devo ammettere che e’-un po noiosa,ma ormai sono curiosa di conoscere il colpevole dal momento che non sono arguta come te.Devo anche dire che rimpiango le belle fiction trasmesse fino a pochi anni fa ma i titoli li ho già detti e ridetti.Non voglio ripetermi.Cala la Venier che viaggia in solitaria ma tra lei e le telenovelas scelgo lei ,mentre metto in ordine la cucina. Anche io ho notato la ritrosia della Barbera.Mi chiedo perché allora sia venuta.Per il resto bene le Iene.Avrei preferito che THE GOOD DOCTOR andasse in un altro giorno.Spero nelle repliche estive perché la prima serie mi piaceva tanto.Ciao a tutti



21. Gianmarco ha scritto:

11 marzo 2019 alle 13:15

Sono d’accordo con Giancarlo e Gianfranco.



22. PAOLO76 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 13:32

Ciao a tutti e buona settimana…
torno a commentare dopo qualche giorno di vacanza…
ieri sera non ho seguito la fiction di canale 5 perché essendo all’estero non ho potuto seguire la prima puntata e così mi sono accontentato del documentario trasmesso da rai5 Wild Italy. Ieri sera Fazio ottiene un risultato più alto del solito e se è vero che perde in sovrapposizione con le papere, vince con la prima parte sulla fiction. La fiction si rifà poi durante lo scontro contro il tavolo (da sempre parte meno seguita della trasmissione di fazio).
Day time : secondo me tutto nella norma con risultati in calo sia per Mara Venier, che le soap che Barbara D’urso e soprattutto la Parodi che sporfonda sotto l/11%. A chi la scorsa settimana gridava il successo della Parodi ricordo sempre che una rondine non fa primavera e difatti, ieri tutto è tornato alla normalità.
Bene Melaverde con la nuova coppia di conduttori.
Vince!: la tua domanda, suppongo ironica, relativa alla durata della presentazione delle IENE, è lecita e corrisponde a realtà .E’ lo stesso stratagemma che la Carlucci adottò lo scorso anno facendo una presentazione di addirittura 1 ora per poter scorporare il dato della serata e poter salvare almeno una delle 2 parti del programma cammuffando lo share . Cosa questa lampantissima soprattutto per le poche puntate in cui si scontrò con C’è Posta per te. Quest’anno visto che la Rai ha assecondato il suo capriccio, la lunga presentazione potrebbe scomparire….
Stasera seconda puntata del Nome della Rosa e in seguito Isola…..
Buona giornata a tutti e in particolare ai carissimi amici storici…



23. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 13:46

Io non guardo Ballando.
A parte che, divendo incoronare qualcuno campione nello slittamento nel tempo e nel repentino cambio dei programmi di giorno della settimana, allora sul podio troviamo Canale5, ma la domanda è: considerato che mi pare anche normale che una rete e un direttore programmi voglia tutelarsi e non dover sempre perdere il Sabato sera, voi siete sicuri che sia una esclusiva volontà della Carlucci quella di spostarsi più in là?
Decide lei. Lo ha voluto e deciso lei.
Lo chiedo perchè non mi pare logico che una persona che va in video una volta l’anno con risultati così e così possa avere tutto questo potere.
Maria de Filippi è la donna più potente della Tv Italiana e non riesce a far spostare uno dei suoi programmi dal Sabato sera provandoci ogni anno e voi mi dite che la Carlucci decide i palinsesti Rai.
Lo domando per conto di un amico.



24. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 13:52

Tina, io ho guardato Il Silenzio dell’Acqua.
Facciamola finita con questo benaltrismo da tv. Se non guardo quello che piace a te allora ho guardato Fazio? Esistono altri canali oltre Rai1 e Canale5. E per fortuna esiste lo streaming.
Io non so niente a proposito di quanto tu sia arguta e nemmeno so se tu sia una povera mortale o meno. Io sono un povero mortale e dopo anni di fiction posso dirti che questa è una fiction scontata e banale.
Belle fiction Canale5 ne ha trasmesse assai poche negli anni, forse dopo Elisa di Rivombrosa solo Il Tredicesimo Apostolo.



25. Sabato ha scritto:

11 marzo 2019 alle 14:17

Paolo76: “A chi la scorsa settimana gridava il successo della Parodi ricordo che una rondine non fa primavera e difatti ieri tutto è tornato alla normalità”
Non so se ti stessi riferendo a me, ma io commentai in maniera positiva gli ascolti della Parodi, quindi ti rispondo. Vorrei innanzitutto farti notare – dati alla mano – che il dato della scorsa settimana non rappresenta una “rondine”, nel senso di eccezione positiva, in quanto era un dato assolutamente in linea con quelli dei mesi precedenti.
Ho scritto una settimana fa: “A proposito del programma della Parodi, vorrei segnalare la tenuta dei suoi ascolti: ha debuttato a settembre con 1,7 milioni di spettatori e si è mantenuto su questi livelli per alcune settimane; poi gli spettatori sono aumentati ed ora i numeri si sono stabilizzati attorno ai 2 milioni, praticamente da novembre. Lo share è più altalenante, variando dall’11 al 13%”.
Dunque, se lo share si dimostra più variabile, i dati ufficiali dimostrano che la Parodi sia riuscita quest’anno a fidelizzare uno zoccolo duro di circa 2 milioni di persone che, ormai da mesi, sceglie di seguire La Prima Volta anziché la D’Urso o altre proposte.
La puntata di ieri è stata seguita da 1,7 milioni di persone, praticamente il dato peggiore dell’intera stagione. Considerando le sole puntate del 2019, La Prima Volta ha ottenuto fino ad oggi una media di 2.008.000 spettatori e del 12,2% di share. È questa la “normalità” ed il dato di ieri rappresenta un minimo, un’eccezione negativa (in contrasto con la tenuta positiva degli ultimi mesi), e non un “ritorno alla normalità” dopo una presunta eccezione positiva di una settimana fa, come affermi tu.

John2207, vorrei sapere a che dati fai riferimento quando affermi che Fazio sarebbe “lontano dai numeri medi di Rai1″: stai davvero confrontando gli ascolti del programma di Fazio, un talk, con quelli di Montalbano e altri successi, sorprendendoti del fatto che Fazio sia sotto? È chiaro che non possa essere questo il metro di giudizio del successo di Che Tempo Che Fa.



26. Cugino ha scritto:

11 marzo 2019 alle 14:39

ChePalle, letto il commento 22 di Paolo mi sarei apprestato a scrivere quello che hai già scritto tu nel commento successivo, ovvero, quello della Carlucci deve essere per forza un capriccio? Questa povera donna è la versione femminile di Fazio, anche se fa la normale promozione al suo programma “fa il giro delle 7 chiese e Maria non lo farebbe mai!”
Anche io dubito, anzi mi sento di escludere proprio, che abbia tutto questo potere. Molto più semplicemente, Ballando è il programma Rai del sabato sera che attualmente riscuote maggior successo, trovo normalissimo, e direi anche saggio, che l’azienda abbia deciso di tutelarlo rispetto alla corazzata della De Filippi. Non capisco perchè una semplice e logica strategia aziendale faccia venire tanto prurito a qualcuno … paura …? Lo chiedo per lo stesso amico di ChePalle.



27. tina ha scritto:

11 marzo 2019 alle 14:56

CHE Palle se la fiction non ti piace che la segui a fare?Un po ti contraddici.Come fiction belle (per i miei gusti) ricordo:Carabinieri,Distretto di polizia (ne andavo matta ma solo fino alla sesta e non ti dico quante repliche ne ho viste),Ris,Le tre rose di Eva (solo le prime due),I Cesaroni( troppo mitici,fino alla quarta),Questa e’la mia terra,Squadra antimafia (più che mitica,fino a quando c’era Calcaterra e la Abate).Elisa di RIVOMBROSA raggiungeva anche i 10 milioni.Cose da pazzi.L’onore e il rispetto (solo le prime tre serie).Ma tanto ci vuole a farne altre così belle?Facevano share che effettivamente canale 5 non vede più. Dopo e’stato solo uno sbaglio dopo l’altro.Salvo solo Morandi e le ultime due.



28. Miko ha scritto:

11 marzo 2019 alle 15:37

Ma in sovrapposizione chi vince? Fazio o Ambra? Direi che per la domenica si dovrebbe sempre mettere la sovrapposizione altrimenti non si capisce nulla



29. Nina ha scritto:

11 marzo 2019 alle 15:45

Ho letto solo oggi della discussione sulla Littizzetto a C’è Posta, visto che non guardo questo programma né tantomeno lo guarderei per vedere la comica in questione. C’è poco da meravigliarsi è sempre la solita ossessione di questa donna, che chissà come mai parla sempre di una cosa. Lo faceva anche ad Italia’s got Talent appena appena c’erano due addominali in mostra. Diciamo che anche basta ad una certa età.

Saluto Francesco, che purtroppo scrive troppo poco. I suoi commenti innalzano il livello.



30. Mariano ha scritto:

11 marzo 2019 alle 15:58

Vittoria netta di Fazio?
Molti commentatori di questo blog faticano ancora a comprendere la differenza tra valori assoluti e share.
Un programma che termina alle 22.40 è ovvio che faccia più ascolti in valori assoluti di uno che termina un’ora dopo.
In sovrapposizione Fazio e la fiction saranno appaiati (o forse addirittura in vantaggio la fiction di canale 5)



31. Gianmarco ha scritto:

11 marzo 2019 alle 16:13

Commentatori asini, studiate



32. MARCELLO79 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 16:51

BUONGIORNO,
HA RAGIONE IN TUTTO E PER TUTTO l’utente FRANCESCO MORBIDONI. Esiste un metro di paragone e chiamasi “sovrapposizione”, che per quanto riguarda FAZIO e la fiction di CANALE 5 di ieri sera riporta i seguenti dati ufficiali, pubblicati su TV ZOOM:
Il silenzio dell’acqua 3,274 milioni e 14,1%, Che tempo che fa 2,858 milioni e 12,3%.
La settimana scorsa la sovrapposizione tra il conduttore ligure e NON MENTIRE ha fornito il seguente confronto: Preziosi e Scarano a 3,274 milioni e 14,07%, Fazio e Littizzetto a 2,858 milioni e 12,28%. Anche questi dati costituiscono ufficiali pubblicati su TV ZOOM.
Questo per rispondere a chi afferma che FAZIO vince sempre. Semmai è il contrario. E gli asini forse sono altri.
Dalla sovraesposizione si nota anche come FABIO FAZIO sia estremamente basso, non che CANALE 5 brilli, tutt’altro, ma è chiaro che FAZIO REALIZZI ASCOLTI DELUDENTI. Nonostante un compenso stellare, mai visto in una TV pubblica. Una vera indecenza!
La cosa che più fa piacere è vedere PAPERISSIMA SPRINT quale programma più seguito della giornata. E questo l’anno scorso non accadeva sistematicamente come in questa stagione. Il pubblico da casa ha preferito un intrattenimento, sebbene datato, ad uno strazio improponibile sulla prima rete di Stato.
Passando al pomeriggio ascolti in calo per tutti, dalla VENIER alla D’URSO, sebbene entrambe risultino vincenti sui rispettivi competitors.
Un salutone a TINA, PAOLO, SHAYNE, SALVO IL MITO, IL CLA-83, FRANCESCO93.



33. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 17:41

Tina: Contraddizione significa altro. Io sono molto coerente. Io giudico un prodotto e per esprimere un giudizio lo devo pur guardare o parlo a vanvera e a caso come molta gente che commenta programmi mai visti? Mi presentano un giallo, mi parlano di nuovo corso della fiction Mediaset, lo guardo eccome. Poi purtroppo non posso elogiarlo se è roba già vista e rivista ed in cui è facile arrivare a scoprire il colpevole. Mi meraviglio piuttosto di te: tutti gli infiniti gialli delle 14.00 su 8 che hai guardato per mesi non ti hanno insegnato nulla? Non hai sviluppato capacità deduttive per questo genere di fiction?
Ecco, come hai detto quelli sono i tuoi gusti. Personali. Che non hanno niente a che fare con l’obiettività delle cose.
Tutte quelle che hai elencato esclusa Rivombrosa sono serie di basso medio livello. Alcune anche di pessimo livello. Ma meno male che non ne fanno più come quelle!
Morandi e le ultime due sono robina, a malapena (in)sufficiente, ma non di livello.
Diamo un senso alle parole che usiamo. Non adoperiamo per favore aggettivi a casaccio.
In una scala in cui oggi potremmo definire bellissima Il Trono di Spade o altri prodotti HBO, bella L’Amica Geniale, molto buone cose come I Bastardi, Rocco Schiavone, Suburra e Gomorra, buona La Porta Rossa, ecco che i vari Distretti, Carabinieri, Rose di Eva etc, sono roba mediocre, medio bassa.
Oltretutto quando furono mandati in onda era già esistito Twin Peaks, erano in onda X-Files e NYPD, si era già visto il nuovo corso della moderna serialità americana, quindi i Poliziotti nostrani erano trasparenti in confronto.

Cugino: :-) Sempre il mio amico si chiede se possiamo considerare lo slittamento della Domenica su Canale5 una fuga o no. E se l’abbia deciso e ordinato la D’Urso.



34. Veditor ha scritto:

11 marzo 2019 alle 17:56

CHEPALLE lei non ha alcuna idea di come funzioni il mondo delle fiction italiane, e non fa che criticarle. Purtroppo il budget Mediaset destinato alla serialità non gode del canone come L’amica geniale o Il nome della rosa, e deve per forza di cose nutrirsi di sponsor, ed ecco spiegata la pubblicità – che comunque, orologio alla mano, è molto diminuita nel corso del tempo, basti pensare che il primo blocco pubblicitario è arrivato ieri dopo 55 minuti – lo stesso di Rai Uno con Il cigno.
Non mentire, che a lei non è piaciuto e non ha fatto altro che insultare gli attori – Preziosi e Scarano sono tra i nostri migliori, noti la differenza tra la seconda e l’impalpabilità recitativa di una Incontrada – è comunque un prodotto migliore rispetto alle produzioni degli ultimi anni, e il pubblico, piano piano, se ne sta accorgendo. Il nuovo corso del direttore Fiction Cesarano è appena cominciato, per cui le cose cambieranno a poco a poco. Inutile sputare su chi è appena all’inizio.
Il silenzio dell’acqua ha qualche buco narrativo, ma esteticamente ha cercato di differenziarsi dalla media, e le inquadrature funzionano. Arriveranno anche storie migliori. Perché distruggere invece che suggerire?



35. Vince! ha scritto:

11 marzo 2019 alle 18:19

Mamma mia! Che confusione oggi.
Personalmente ho commentato in base alle percentuali di share che sono apparse qui stamattina, quando sembrava dai numeri che Fazio avesse dominato nella prima parte e fosse stato di poco inferiore alla media della fiction nella seconda.

E lo confermava anche la comunicazione social di Rai e Mediaset (che si limitava ad esaltare la percentuale di pubblico “attivo” che aveva seguito la fiction.

Poi però è arrivato chi ha detto che in sovrapposizione c’era stato un pareggio e forse una leggera prevalenza della fiction; poi qualcun altro ha confermato che aveva vinto la fiction, dandoci anche delle capre. Non considerando però che questi dati, per certi versi sorprendenti viste le medie di share, sono stati diffusi solo in seguito.

Ora arriva Marcello che ci rivela che su un altro blog danno numeri ancora una volta completamente diversi, con vittoria schiacciante della fiction…

Se continua così, tra qualche ora Fazio sarà stato superato pure da Giletti…

:)))))))



36. Vince! ha scritto:

11 marzo 2019 alle 18:31

@cugino: ricordi bene. Quella intervista con pianto della Barbera l’aveva fatta proprio la Venier, credo nel 2013.

Ti dirò di più, in trasmissione l’hanno rimandata in ondae proprio da quel momento Sconsolata, già visibilmente provata, ha detto di non volerne parlare ed ha praticamente smesso di rispondere alle domande di Mara.

Praticamente l’hanno invitata solamente per fare il bis, con una certa dose di cinismo, visto quanto fu dannosa quella apparizione a Domenica In per la carriera dell’attrice.

@Paolo76: ricordo bene quanto fu criticata la Carlucci per quella suddivisione. Per me la Rai ha fatto bene a risparmiarle in confronto con “C’è posta per te”, visto che per anni è stata l’unica a voler combattere strenuamente contro la concorrenza il sabato sera.

A me fa sorridere che le Iene abbiano deciso di creare un segmento-anteprima il 10 marzo, quasi a fine stagione!



37. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 18:33

Veditor, io un’idea ce l’ho eccome. E per questo uso parole adatte a quello che vedo e non spreco aggettivi e superlativi a caso.
Non capisco cosa centri l’Incontrada in questo discorso, ma le rispondo che anche le fiction con lei come protagonista sono robetta, già vista e rivista. Questo da al nuovo corso di Canale5 la scusa per fare un pessimo remake e un giallo scontato e che sa di vecchio e già fatto da altri negli anni?
Siccome anche su Rai1 esiste robetta e pessime fiction allora dobbiamo esultare se Canale5 si discosta dalla solita solfa facendolo male? Che Rai1 abbia più soldi è innegabile, che le fiction vengano prodotte tutte con il canone è un azzardo.
A parte che potremmo discernere per ore se Preziosi e Scarano siano tra i migliori attori di serialità in Italia, ma se lei hai letto bene i miei commenti su Non Mentire, io ho dato delle responsabilità precise del loro fallimento come attori nel remake: regia, sceneggiatura, pochi soldi. Considerato che qui il lavoro autorale era zero perchè fatto da altri, resta la regia brutta. In altre cose ho visto Preziosi recitare molto ma molto meglio, in questo era pessimo. La Scarano poverina non si discosta mai dai panni della poliziotta badass, lo fa anche ne Il Nome della Rosa diventando il punto debole del cast di questa bella serie. Ambra se diretta da ottimi registi diventa bravina, in questa ultima serie imita Raquel de La Casa di Carta: precisa uguale.
Suggerimenti? Quanti ne vuole: migliori autori, migliori registi, migliori direttori della fotografia perchè Non Mentire era mal fotografato, Il Silenzio dell’Acqua a parte le riprese panoramiche della Dama Bianca di Duino ha una luce pessima.
Della pubblicità non mi lamento, se serve per finanziare cose fatte bene, se invece viene sprecata per serie che non sono granchè allora è inutile. Mediaset quando vuole i soldi li impiega bene per le scenografie e per i direttori della fotografia e i coreografi: Maria De Filippi con Amici, per quanto non sia un programma che mi interessi, ha fatto un ottimo lavoro con le maestranze, poi i contenuti magari latitano, non so. Meriterebbe più ascolti con il suo programma sui ragazzi aspiranti ballerini e cantanti. Impiegassero un pò di quelle risorse per assumere AUTORI. Poi il resto viene. E allora sarò il primo in fila a sperticarmi con i complimenti e i superlativi mai uditi prima.



38. Vince! ha scritto:

11 marzo 2019 alle 18:35

Ah, e comunque – rimanendo ai numeri pubblicati qui – con il 15,5% ed il 13,7% Fazio è andato molto bene ieri, anche se non ha surclassato la fiction, come mi era sembrato questa mattina…
:))))))



39. tina ha scritto:

11 marzo 2019 alle 19:10

CHE PALLE ,scusa ma mi viene da dire:E CHE PALLE! A sentire i tuoi ragionamenti sembra che tu sia il miglior critico che ci sia.Ma scendi un po dal piedistallo e fai un bagno di umiltà. Poi basta nominare queste serie americane.Un po vanno bene ma guardiamoci anche le cose nostre.In Italia siamo.Mamma mia che pesantezza!Ti ho nominato fiction che andavano benone e non penso di essere la sola ad averle apprezzate.



40. tina ha scritto:

11 marzo 2019 alle 19:23

E ti ripeto che ti contraddici perché di solito normalmente quando una cosa non piace non la si guarda più. Per farti un esempio io guardai la prima puntata della compagnia del cigno.Trovandola noiosa non l’ho seguita più. Sembra logico giusto?Non è’che poi ho ammorbato le persone lamentandomene a ogni commento.Ho seguito altro e basta.



41. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 19:37

Tina, ChePalle me lo sono scelto appositamente.
Io parlo in modo obiettivo e faccio dei ragionamenti sensati. Tu quasi mai. Non serve essere il critico migliore del mondo per capire se un attore sappia recitare o no. E nemmeno essere troppo intelligenti per capire come va a finire un giallo banale.
In Italia si facevano negli scorsi decenni degli sceneggiati, come si chiamavano, stupendi. E molte volte si sono viste cose ben fatte sui nostri canali. Quando fanno schifo bisogna dirlo, non accontentarsi o restare un pubblico di bocca buona. Oh, ma non ci sono mica solo le serie americane migliori delle nostre: ci sono quelle Inglesi, quelle Svedesi, quelle Spagnole spesso. Ti piace essere all’ultimo posto nella classifica delle fiction? Contenta te. E cmq ci sono serie italiane ben fatte su molti canali senza andare oltre confine, tutte migliori di quelle di Mediaset. O siamo arrivati al livello PRIMA LE FICTION ITALIANE?? Fammi sapere se chiuderemo i porti dell’importazione delle serie estere.
Continuo a pensare che la sindrome del piedistallo abbia fatto grossi danni in questo paese. Perchè secondo la teoria di Tina, saper dare un giudizio critico è un disvalore, non una capacità da apprezzare. Forse sei tu che dovresti fare un bagno di umiltà carissima Tina, io non mi permetto mai di giudicare le cose che non conosco e non sono in grado di valutare. Tu invece lo fai spesso, e a sproposito. Perchè hai definitivamente dimostrato di non saper classificare delle semplici fiction.
Parlami di una cosa che conosci benissimo e di cui sei esperta e vedrai che se non ne so nulla tacerò, piuttosto che fare pessime figure su argomenti che non conosco. Se hai qualcosa di interessante da farmi conoscere io sono tutto orecchi, a me piace la gente che può insegnarmi qualcosa. Non la trovo noiosa e non soffro di complessi di inferiorità quando ne sa più di me.



42. PAOLO76 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 19:59

Scusate se rispondo solo ora, ma essendo rientrato solo oggi al lavoro, nel pomeriggio non ho proprio avuto il tempo di documentarmi….

Sabato:

capitolo Parodi. Ti dò una bella notizia: la Parodi dopo 22 puntate ha una media del 12,35% , quindi più alta di quella da te riportata. Nello specifico da settembre a dicembre ha avuto una media del 12,60% (13 puntate), mentre nel 2019 la media è calata al 12,00% (9 puntate). Media complessiva dunque 12,35% con un trend nettamente in calo visto che le prime 4 puntate di settembre e ottobre ebbero rispettivamente:
13,64%
13,61%
12,96%
13,70%
Ti dirò di più: sai benissimo che la D’urso si è fermate durante le feste di Natale mentre la Parodi senza concorrenza portò a casa risultati più alti del solito (13,60 il 23 dicembre, 13,71 il 30 dicembre e addirittura 14,24 il 6 gennaio). Al netto di questi risultati la media del programma della Parodi si assesta al 12,43% nel 2018 e al 11,73% nel 2019. Sempre con un trend in calo dunque. Sulla base di questi dati credo di non dire alcuna eresia se considero il risultato della Parodi non così positivo come affermi tu. Anzi sembrerebbe che il pubblico pian piano si stia disaffezionando al programma.
Non parlo di ascoltatori ovviamente perché offenderei l’intelligenza tua e degli altri interlocutori perché visto che il programma della Parodi è sempre andato in onda la domenica alla stessa ora e con la stessa durata è palese che conta lo SHARE rispetto al numero di telespettatori . D’altra parte si sa che a settembre e ottobre complice le belle e calde giornate la gente esce e quindi 1,6-1,7 milioni a settembre sono un risultato migliore rispetto a 2 milioni a gennaio o febbraio quando la platea televisiva cresce in maniera consistente.



43. PAOLO76 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 20:29

capitolo: presentazione- anteprima ecc. ecc.

Ho citato il caso della Carlucci non a caso. La conduttrice di rai1 all’epoca ,quando il suo programma effettivamente riscuoteva un grandissimo successo, non esitava a snocciolare giustamente i risultati che il suo show otteneva ogni settimana…. Poi con il calo degli ascolti e l’arrivo delle sconfitte via via sempre più ampie e evidenti nei confronti di Maria de Filippi, la Carlucci, arrivò ad affermare che lei non guardava i risultati e lo share ottenuto dal suo programma a lei non interessava…..
Quando poi nella penultima edizione (quella di 2 anni fa) la crisi del suo UNICO programma raggiunse livelli epocali (media addirittura al disotto del 20%) guarda a caso, per la prima volta, è spuntata un’anteprima dalla durata monstre di circa 1 ora. Tutto questo permetteva al programma cosiddetto vero di salvarsi sfruttando le ore notturne per salvare lo share e rimanere così sopra il 20%.

Sinceramente poi non vedo per quale motivo, un programma come le IENE, che ha sempre un ottimo risultato per la rete cadetta mediaset, debba inserire una presentazione così lunga (c’è sempre stata anche in passato ma era di breve durata).

Capitolo spostamenti: lo scrivo in questo post perchè il discorso sulla Carlucci è strettamente collegato a qunto scritto sopra.
La Carlucci già lo scorso anno aveva ritardato la partenza di Ballando, tentativo finito male, perché visto l’enorme successo della scorsa edizione, canale 5 aggiunse mi pare una puntata (o 2 non ricordo bene) di C’è posta, con enorme malcontento da parte di Milly (ricordiamo le scenate fatte a Fazio per aver ospitato Maria e non lei, oppure la polemica con la Letizzetto che andò ospite da Maria e non da lei).

Concordo con chi sostiene che la Rai abbia sbagliato ad accettare uesto capriccio da parte di Milly. Una conduttrice che fa solo un programma all’anno non può pretendere tanto. Anzi che ringraziasse chi le fa fare ancora qualcosa in tv.
Canale 5 ha sbagliato a togliere la D’urso dalla domenica pomeriggio per mettere lo stesso programma in prima serata in settimana. però effettivamente sarebbe stato troppo lasciare entrambi i programmi.



44. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 20:51

Scusa, Paolo: la D’Urso se si sposta è per decisione di Canale5, la De Filippi se non si sposta è per colpa di Canale5, e la Carlucci invece se si sposta è per sua decisione? Ma davvero pensi che abbia tutto questo potere in Rai? Secondo te è plausibile che lei decida quando andare in onda?
La stai sopravvalutando parecchio considerando la bassa opinione che hai di lei.



45. tina ha scritto:

11 marzo 2019 alle 21:06

Be’ non e’l'unico che oggi si sta contraddicendo.



46. PAOLO76 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 21:38

Chepalle: nelle varie interviste la D’urso ha detto più volte che la direzione di canale 5 Le ha chiesto di fare una prima serata e che lei per avere più tempo per occuparsi del programma ha chiesto di ridurre gli altri impegni. L’unico che poteva essere scarificato era oggettivamente la domenica pomeriggio. Quello che penso è che canale 5 abbia sbagliato nel chiederle di condurre una nuova prima serata spostandola dalla domenica pomeriggio. POi come siano andate effettivamente le cose non lo so e non lo posso sapere… Ma in questo caso mi sembra una scelta ragionevole visto la sovraesposizione della conduttrice. Avrei visto bene lo spostamento di amici dl sabato sera. Il fatto che canale 5 non abbia accettato la richiesta di Maria mi fa pensare che dietro ci sia qualche altro “favore” o progetto concesso a Maria. Ma anche di questo non ho riscontro.
Sulla Carlucci, per quanto mi riguarda potrebbe non presentare un bel nulla, ma la volontà sua di non scontrarsi né contro tu si que vales, nè contro C’é posta per te è ben chiara e nota.
Ora inizia il nome della Rosa…..



47. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 22:52

Tina, io non mi sono mai contraddetto fino adesso: tu oltre a scrivere sai anche leggere?? E conosci il significato di contraddizione?

Guarda non discuto la D’Urso e nemmeno la De Filippi, perchè sono sicurissimo che la decisione non fosse loro.
La Carlucci per me è trasparente, nel senso che non mi ricordo nemmeno che esiste fino a che non va in onda il suo programma che ritengo anche abbastanza obsoleto.
Ma ti rifaccio la domanda: è ben nota che vuol dire? Tu sai per certo, hai prove concrete che lei possa in qualche modo avere deciso in Rai quando andare in onda? Che abbia tutto questo potere che nemmeno la De Filippi ha? O sono solo supposizioni fondate su fake news?
Io la Carlucci forse la sottovaluto perchè non la considero, ma mi sembra che tu la stia sopravvalutando.



48. Sabato ha scritto:

11 marzo 2019 alle 23:05

Paolo, ti rispondo sul programma della Parodi:
- “la Parodi ha una media del 12,35%, quindi più alta di quella da te riportata”: lo so, ho riportato il dato delle sole puntate del 2019, che sono di pochi decimi sotto rispetto alla media globale;
- “la D’urso si è fermate durante le feste di Natale”: è proprio questo il motivo per il quale ho considerato solo le puntate del 2019, tagliando fuori il dicembre senza concorrenza;
- “trend nettamente in calo”: non penso che lo share ottenuto dalle prime 4 puntate determini il “trend” di una stagione giunta ormai alla 22esima puntata. Fra l’altro, share simili, e talvolta superiori, sono stati ottenuti durante la pausa della D’Urso e, sporadicamente, in altre date (17 febbraio, 3 marzo);
- “credo di non dire alcuna eresia se considero il risultato della Parodi non così positivo come affermi tu”: sia chiaro, non ho mai parlato di grande successo, bensì di ascolti soddisfacenti, di numeri positivi. Purtroppo, chi vede nella Parodi un bersaglio politico (seconda solo a Fazio), insiste col parlare di flop, di ascolti catastrofici, quando in realtà i dati sono assolutamente accettabili; possiamo discutere su quanto siano positivi, ma di certo non sono negativi come qualcuno sostiene;
“Non parlo di ascoltatori perché è palese che conta lo share”: il numero di telespettatori, molto più costante rispetto allo share e assestatosi da qualche mese sui 2 milioni (unica eccezione, appunto, il dato di ieri), dimostra l’esistenza di uno zoccolo duro di telespettatori che sembrano essersi affezionati al programma della Parodi.
In ogni caso, con il mio precedente commento, ho voluto criticare la tua definizione del dato positivo di una settimana fa come di una “rondine che non fa primavera”: come hai ammesso successivamente riportando i dati, l’ascolto di ieri rappresenta un dato al di sotto della media e non, come sostenevi, in linea con la media dopo un’eccezione positiva.

Nina, eviterei volentieri di rivolgermi a te per i motivi noti, ma il tuo commento grida vendetta! Affermi nel tuo commento -ti parafraso- di “non meravigliarti del fatto che la Littizzetto ha dato sfogo a C’è Posta alla sua solita ossessione, essendo una donna che parla sempre di una cosa”. Sarebbe bello che si parlasse di cose che si conoscono, comunque ti informo che la Littizzetto non ha avuto alcun ruolo nello sketch in questione: era seduta dalla parte opposta della busta ed il modello seminudo ha mostrato le proprie chiappe su richiesta della De Filippi e non della Littizzetto. E’ ridicolo che si attribuiscano colpe alla comica torinese (e, dai lei a Fazio, il passo è davvero breve) quando questa non ha avuto alcun ruolo nella scelta dei contenuti. Se ritieni che la scena in questione fosse censurabile – e su questo ognuno ha la propria idea e sensibilità – la persona con cui te la devi prendere è la De Filippi.



49. ChePalle ha scritto:

11 marzo 2019 alle 23:06

Ovviamente la seconda parte del mio commento precedente era per Paolo.

Tina quello che per te sembra logico non lo è per le persone che la logica la usano. Sono libero di guardare una cosa che giudico non bella e la guardo per poterla giudicare. La guardo fino in fondo, non mi fermo alla prima puntata perchè voglio vedere se poi le cose migliorano e posso cambiare il mio giudizio. Non faccio analisi superficiali come fai tu. Che ti fermi all’inizio di una cosa senza pensare che potrebbe migliorare. Praticamente se compri un libro e ti annoia il primo capitolo poi non lo leggi? Sempre che tu legga dei libri.
Io trovo fuori luogo la maggior parte dei tuoi commenti e delle cose che dici, ma non vengo qui a dirti che non devi ammorbare il blog con con le tue opinioni spesso discutibili. Se non sei in grado di controbbattere con intelligenza a quello che dico evita almeno di essere sgradevole o di dire sciocchezze che non dimostrano altro che la tua poca capacità di comprendere quello che leggi. Riguardo però all’ammorbare e ripetere senza logica cose, ti rimbalzo il tuo commento e ti ricordo di quante volte alla settimana in un mese e in un anno tu ripeti quanto non ti piaccia Fazio e quanto sia noioso. Senza nemmeno averne vista una puntata. Tu ti lamenti continuamente di Fazio e di altri conduttori e dici sempre le stesse cose. Almeno io parlo di una fiction solo quando è in onda e non a caso quando non centra nulla.



50. PAOLO76 ha scritto:

11 marzo 2019 alle 23:37

Sabato: sicuramente io non sono nessuno per poter definire un programma flop o successo, ma posso avere una mia idea al riguardo. A casa mia se un programma parte ben sopra il 13% di share si assesta sotto il 12% (la media nel 2019 senza la puntata in solitaria del 6 gennaio è ferma all’ 11,73%) non è soddisfacente anche perché è ai livelli dei film in replica dello scorso anno…. Poi se la Rai sarà soddisfatta dai risultati vorrà dire che il prossimo settembre ritroveremo la Parodi con lo stesso programma. Staremo a vedere…..

Che palle: io ho letto qualche articolo sui vari blog che parlano di TV ma sinceramente non ricordo il singolo caso, ma dalla lettura mi sono fatto questa opinione. Può essere che mi sbagli ma considerando gli episodi passati ti confesso che credo di avere ragione. Poi il motivo per cui la Rai abbia assecondsto la sua scelta, mi è oscura. Se tu hai letto articoli in cui venga affermato il contrario ti prego di indicarmeli…. Siamo qui per confrontarci giusto? Quindi ben venga….



RSS feed per i commenti di questo post

Pagine: [1] 2 » Mostra tutti i commenti

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.