3
gennaio

Carlo Freccero: «The Voice si farà solo se troviamo studi a disposizione. Non posso fare un’esclusiva a Simona Ventura»

Carlo Freccero

Carlo Freccero

L’approdo a The Voice di Simona Ventura - spoilerato da Mediaset – non è poi così scontato. A riferirlo Carlo Freccero, direttore di Rai 2, durante la conferenza stampa odierna in cui ha presentato, a grandi linee, il nuovo palinsesto del canale. Freccero ha rinnovato la sua stima per la conduttrice ma, subito dopo, ha messo in dubbio l’effettiva messa in onda della sesta edizione del talent show:

The Voice a Simona Ventura? Lei la stimo tantissimo, è una che fa audience. Ma il programma deve risolvere un problema semplice: non ci sono studi a disposizione. Si fa solo se troviamo uno studio a disposizione, altrimenti no“.

Oltre a precisare che il costo di produzione del programma si aggira intorno ai 400.000 euro (e non 1 milione a puntata, come circolato negli scorsi giorni), Freccero ha fatto un accostamento ai talent in onda sulle altre emittenti e, in particolar modo, ha posto l’accento sulla maestria con cui Sky Uno ha saputo rinnovare X Factor, tramesso da Rai 2 nelle sue prime quattro edizioni:

“Il fatto che alcuni programmi siano diventati di proprietà delle tv a pagamento, che hanno mezzi incredibili e che hanno fatto dei prodotti di altissimo livello, ha cambiato completamente lo scenario. Il talent è stato declinato con estetica di tantissimo livello, a differenza dei reality. La tv a pagamento si è impossessata dei contenuti della tv generalista e li ha riscritti. Parlo con tono affettuoso, ma è chiaro che il lavoro fatto da Sky su X Factor è stato eccezionale. Lo confesso, è così”.

Partendo da queste premesse, è dunque immaginabile che Carlo Freccero voglia investire su The Voice in maniera concreta non accontentandosi dei risultati ottenuti in precedenza. Il direttore in seguito, su domanda diretta dei giornalisti, ha ammesso – come DM aveva anticipato – di non poter offrire a Simona Ventura un posto permanente in Rai in virtù del contratto a scadenza che lo lega a Viale Mazzini:

“Non posso fare contratti di esclusiva. Non ho rinnovato l’esclusiva con Costantino (della Gherardesca) perchè non posso. (…) Simona Ventura è number one dei talent. Punto e basta. Se qualcuno mi dice che la Ventura non è adatta, chi se ne frega (…) è diventata un po’ una zia, sempre generosa“.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Simona Ventura
The Voice 2019 su Rai 2 dal 16 aprile. Freccero vuole Morgan e Asia Argento tra i coach


Raffaella Carrà
RAFFAELLA COME SIMONA: ORA E’ LA CARRA’ A FARE LA VENTURA


Caterina Balivo
RAI2: SENZA SIMONA VENTURA, E’ CACCIA ALLE NEW ENTRY


Michele-Santoro
SANTORO PROPONE LA SUA RAI: GUGLIALMI, FRECCERO E GORI DIRETTORI DI RETE. SI ALL’ISOLA DEI FAMOSI. CHI PAGA IL CANONE ELEGGA IL CdA.

3 Commenti dei lettori »

1. Lorenzo ha scritto:

3 gennaio 2019 alle 14:29

Si ma che significa???
Non posso credere che Simona abbia lasciato TIvip2 e la pupa e il secchione per the voice che è anche a rischio si faccia!
È una pazzia!
Io credo e spero invece che Freccero gli abbia proposto una bella offerta che comprenda più produzioni di livello importante… altrimenti sarebbe un suicidio professionale.



2. Nina ha scritto:

3 gennaio 2019 alle 14:31

Ecco come buttano i soldi alla Rai: facendo esclusive inutili, come quella a Costantino.



3. Marco Cappuccini ha scritto:

4 gennaio 2019 alle 11:26

@Lorenzo: non è la prima volta che leggo tuoi commenti con questo errore “Io credo e spero invece che Freccero GLI abbia proposto…”.

La Ventura – fino a prova contraria – è donna, quindi “…che Freccero LE abbia proposto…”.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.