15
novembre

Mediaset, Confalonieri contro la Rai: «Svende gli spot perché ha il canone». L’AD Salini replica

Fedele Confalonieri

punta il dito contro la Rai e chiede l’intervento dell’arbitro. Nell’ambito di un convegno promosso dall’Agcom al Senato, ieri il Presidente Mediaset ha accusato il servizio pubblico di fare dumping, cioè di vendere gli spazi pubblicitari a prezzi molto più bassi di quelli di mercato. Il tutto grazie alla riserva garantita dal canone. Alla denuncia del top manager è seguita la replica di Fabrizio Salini, AD di Viale Mazzini. 

La Rai non può svendere la propria merce con sconti del 90-95 per cento, solo perché ha la riserva del canone. La pubblicità è contingentata, con questo comportamento butta via la merce. Per abbassare un prezzo ci vogliono cinque minuti ma per recuperare ci vuole la fatica di Sisifo. Ecco perché faccio appello all’arbitro. Fatevi aiutare dalla Var se ritenete, ma intervenite

ha dichiarato Confalonieri, tornando a battere su un punto dolente che già in passato era stato motivo di contrasti. Nei mesi scorsi, infatti, lo stesso Piersilvio Berlusconi aveva chiesto un “tetto molto stringente alla pubblicità” per la Rai, che già percepisce il canone. Allo stesso modo, critiche alle modalità d’azione del servizio pubblico erano arrivate, in ambito politico, anche da Forza Italia.

Rai, dumping: Salini replica a Confalonieri

Stavolta, la replica alle parole di Confalonieri è arrivata direttamente dall’AD di Viale Mazzini, Fabrizio Salini:

La Rai non fa dumping, anzi. Abbiamo il tetto pubblicitario, alcuni canali non ospitano la pubblicità, non facciamo pubblicità agli operatori di betting. Non c’è nessuna pratica di dumping. Anzi, tutt’altro“.

Mediaset, Confalonieri: uguali regole per web e tv

Nel convegno tenutosi al Senato, il Presidente Mediaset ha anche chiesto eguali regole per web e tv, in riferimento ai vantaggi di cui godono i colossi online.

La tv generalista è ancora la più forte, lo dimostra il fatto che Google e Amazon vengono sulla tv generalista a fare pubblicità. Il problema è che mentre nella tv generalista tutti pagano le tasse, lì c’è gente che non paga un accidente (…) Noi abbiamo tremila regole, basta che si veda un capezzolo e succede il caos, lì c’è la pedofilia e nessuno dice niente. Servono regole uguali per tutti

ha dichiarato il Presidente Mediaset, che su questo tema ha trovato l’appoggio dell’AD di La7, Marco Ghigliani, presente all’evento pubblico. Queste le parole del manager della rete terzopolista:

Le televisioni si portano dietro un sistema di regole anacronistiche, pensato all’epoca del sistema analogico, che non è stato più adeguato né adottato dalle piattaforme online, quindi occorre ridurre l’asimmetria che è venuta a crearsi tra la tv e il mondo dell’online“.



Articoli che potrebbero interessarti


Carlo Freccero
Rai, nuovi direttori di rete: Teresa De Santis a Rai1, Carlo Freccero a Rai2, Stefano Coletta confermato a Rai3


Fabrizio Salini
Rai, Fabrizio Salini: «Avremo una struttura per nuovi format di intrattenimento. Le direzioni di rete? Sto valutando profili interni»


Fedele Confalonieri
Mediaset vs Vivendi, Confalonieri: «Danno enorme, ci devono un sacco di soldi». Il Biscione vuole un super risarcimento


Fabrizio Salini
Fabrizio Salini: «La Rai non è un’isola. Valorizzare le risorse per offrire eccellenza»

3 Commenti dei lettori »

1. john2207 ha scritto:

15 novembre 2018 alle 15:42

un piccolo appunto a confalonieri. Mediaset ha meno del 30% degli ascolti ma oltre il 60% della raccolta pubblicitaria. Forse l’anomalia non è la Rai…no?



2. tinina ha scritto:

15 novembre 2018 alle 18:52

Vabbè mo stai a rosicà ‘mpochetto (cit.)



3. Sabato ha scritto:

15 novembre 2018 alle 21:02

Confalonieri: “La Rai fa dumping” Salini: “La Rai non fa dumping”
Qualcuno vuole verificare? Immagino – da ignorante, correggetemi se sbaglio – che sia una cosa facilmente verificabile, andando a vedere a quale prezzo sono stati venduti gli spazi pubblicitari.
Stiamo lanciando l’ennesima polemica all’italiana, in cui uno dice bianco, l’altro dice nero e si scrivono pagine e pagine di accuse, insulti e insinuazioni senza verificare chi abbia ragione.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.