11
luglio

Marco Liorni rompe il silenzio: «Avevamo concordato una strada, poi è saltata. Stava accadendo qualcosa di incomprensibile»

Marco Liorni

C’è stato un momentaccio, rapporti tesi“. E così Marco Liorni, che era in pole position per progetti ben più ambiziosi (Reazione a Catena, prima parte di Domenica In etc etc), si è ritrovato a dover affrontare una sfida ben diversa e col retrogusto del ‘contentino’: l’ardimentoso sabato pomeriggio di Rai 1. Il conduttore romano, che il 15 settembre prossimo debutterà con Italia Sì, ha rotto il silenzio per la prima volta dalla presentazione dei palinsesti Rai (cui non aveva preso parte) ed ha spiegato cosa è accaduto dopo il suo addio a La Vita In Diretta.

Riferendosi ai passaggi che, diversamente, lo hanno portato ad un altro impegno televisivo, in un’intervista al settimanale Oggi il conduttore ha affermato:

È la prima volta che mi capita… Probabilmente perché stava accadendo qualcosa di incomprensibile… È semplicemente successo che avevamo concordato una strada, poi è saltata e siccome eravamo a fine aprile, quindi molto in là, c’è stato un momentaccio, rapporti tesi. Ma poi, insomma, non si poteva gettare proprio tutto alle ortiche. Adesso metteremo semi al sabato pomeriggio“.

La strada, lo spiega lo stesso Liorni, era stata concordata. Poi, però, è cambiato tutto. Ora, la sfida che attende il presentatore non è facile, ma “se in quella fascia da sempre la Rai soffre, vorrà dire che, perso per perso, oseremo di più” sdrammatizza lui, assicurando di non avvertire il nuovo incarico come una punizione.

Su altre situazioni hanno fatto altre scelte e c’era disponibile questa fascia. Offriremo al pubblico due ore piacevoli

ha commentato al riguardo Liorni, confermando la percezione che Italia sì sia stato una sorta di ripiego per un professionista che aveva dato tanto alla rete. Eloquente, in tal senso, la chiosa sibillina pronunciata dallo stesso conduttore:

Sono di indole mite, ma questo non vuol dire che mi faccia mettere i piedi in testa (…) E comunque preferisco prevenire: di solito mando segnali chiari e se gli altri non si regolano, mi regolo io, per esempio chiudendo il rapporto. Temete l’ira del mite!“.

Su queste pagine, d’altro canto, non avevamo fatto mistero del fatto che quella di Liorni ci sembrasse un’epurazione bella e buona, nonostante colleghe a lui molto vicine ci tenessero fortemente a sottolineare (anche in sede di presentazione dei palinsesti) che l’abbandono di Marco fosse una scelta sua e non di altri. Perchè?

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Marco Liorni
Italia Sì, il contentino della Rai a Marco Liorni per la stagione 2018/2019


Angelo Teodoli, direttore di Rai 1
Rai 1: Zero e Lode chiuso perché aveva un pubblico giovane! Insinna il sostituto di Frizzi a L’Eredità, Liorni fuori da VID perché vuole condurre da solo


Marco Liorni e Cristina Parodi
LA VITA IN DIRETTA AL VIA CON CRISTINA PARODI E MARCO LIORNI


Marco Liorni e Lorella Landi
LORELLA LANDI CONTRO MARIA CARMELA: “HANNO PRESO UNO SCOPPOLONE”

3 Commenti dei lettori »

1. Drew ha scritto:

11 luglio 2018 alle 19:27

Mah non capisco proprio che santi in paradiso abbia Insinna, io ci avrei messo Liorni, L’Eredità è un quiz un po’ formale (a Reazione A Catena tipo faticavo ad immaginarmelo) lo vedo molto adatto allo stile che ha usato negli anni a La Vita In Diretta. Poi, non vado matto per le crociate ossessive di Ricci, ma Insinna ha fatto una pessima figura. Liorni invece ora si trova la patata bollente del sabato pomeriggio



2. kalinda ha scritto:

11 luglio 2018 alle 20:00

Liorni è amato la Toffanin già ha chiamato tutto il cast del Segreto e di Una vita



3. Patrick ha scritto:

12 luglio 2018 alle 02:40

Come detto sopra, se avessero dato L’eredità a Liorni magari non sarebbe stato inserito nel suo habitat più consono, ma di sicuro sarebbe stato un pulito degno erede di Frizzi. Insinna proprio è una cosa improponibile.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.