25
marzo

Ballando con le Stelle 2018, Akash vuota il sacco ma peggiora la situazione: «Ho usato un altro nome per farmi accettare a Verona, dove sono tutti di destra»

Ballando con le Stelle 2018 - Akash

Ballando con le Stelle 2018 - Akash

Dalla padella alla brace: avevamo sollevato il caso delle sue varie indentità e, dopo tanto vociare, Akash Kumar non poteva cavarsela a buon mercato. Così nella terza puntata di Ballando con le Stelle 2018 si è tornati sull’argomento, mettendoci il carico da undici. Anzi, quel carico in realtà ce lo ha messo lui, con alcune dichiarazioni politicamente scorrette che, c’è da giurarci, avranno strascichi.

Ballando con le Stelle 2018: Milly non conosceva il passato di Akash

La sua esibizione è stata preceduta da un rvm molto duro, in cui il modello commentava con la sua maestra Vera Kinnunen quanto successo nel corso della seconda puntata. Dinanzi al dubbio sull’autenticità dei suoi occhi azzurri è sbottato, accusando la giuria di non poter parlare essendo “tutta rifatta“.

Dopo l’esibizione Selvaggia Lucarelli, la giurata più citata e criticata in quei commenti, ha chiesto spiegazioni ed Akash in un primo momento ha tenuto lo sguardo basso e un profilo ancor più basso, esordendo con un “ho sbagliato, volevo già chiedere scusa a te perchè l’altra volta ti ho contraddetto. E’ un mio passato brutto“. Le sue parole sono state interrotte però da Roberta Bruzzone, che ha detto ironicamente “Sta confessando!“. E da lì, il diluvio.

L’atteggiamento di Akash è cambiato, il ragazzo ha tirato fuori tutta la sua impazienza e l’irruenza dovuta forse alla giovane età, cercando di scaricarsi di dosso la colpa più grave: quella di non aver detto a Milly Carlucci & co. delle sue esperienza passate e dei suoi vari nomi d’arte. La conduttrice, infatti, lo ha scoperto quando è scoppiato il caso e la cosa non le ha fatto piacere, portandola ad un confronto con “l’ex Pablo Andreis Romeo” avvenuto nei giorni scorsi.

Ballando con le Stelle 2018: le dichiarazioni di Akash su Verona e la destra

Milly, perdonandolo, gli ha chiesto il perché di quel silenzio, perché non ne avesse parlato almeno con la sua maestra, e Akash ha snocciolato una serie di spiegazioni nonsense e colpe di terzi che lo hanno fatto apparire ancor meno convincente.

“E’ difficile essere un ragazzo straniero e farsi accettare a Verona, dove sono tutti della destra… [...] Sono stato gestito male da un ex agente con cui ho cose legali. Diceva che Akash era un nome indiano e non funzionava, dovevo chiamarmi Pablo etc. Io avevo bisogno di soldi perchè avevo una situazione familiare non facile e ho accettato. Ma qui mi sono presentato con la mia vera identità. [...] Per me non era così importante il soprannome, il nome d’arte”.

Il riferimento alla destra ha fatto correre ai ripari la Carlucci, che gli ha detto di fare ordine perché rischiava di dire cose che avrebbero potuto procurargli dei danni, ed ha fatto infuriare anche la Bruzzone, che si è scagliata contro Akash.

“Hai tentato una giustificazione veramente improbabile, agli italiani non è che non piacciono gli stranieri, non piacciono i bugiardi. Non ti rifugiare dietro argomentazioni insopportabili, insostenibili ed offensive nei confronti della città e della nazione. [...] Ha chiesto scusa quando è stato sgamato ampiamente, ora lo sta facendo solo per uscire da una situazione chiaramente imbarazzante. Non funziona così, tutti quanti hanno i problemi”.

Akash a quel punto ha chiesto con una certa smania se doveva andare via, svelando che aveva pensato di ritirarsi, ma è stato trattenuto dalla Carlucci e dalla Kinnunen mentre nel vociare si è sentito un riferimento ad un tumore affrontato dalla madre. A difenderlo solo Guillermo Mariotto (sono della stessa agenzia!). Negativi gli altri commenti a partire da quello della Lucarelli che gli ha detto di essere tutt’altro che ingenuo, passando per Mayer che ha trovato il suo tono inaccettabile e Canino che gli ha consigliato di imparare a tacere, aggiungendo:

“In altri programmi ti avrebbero messo alla gogna senza avvisarti, il fatto che Milly ti abbia avvisato il giorno prima, dovresti baciare per terra. E’ un segno d’affetto”.

I giudizi alla sua performance sono stati però più che positivi e così, al momento di congedarsi, Akash ha chiesto di nuovo scusa tentando di stringere la mano alla Bruzzone, che ha rifiutato: la criminologa ha bisogno di tempo per valutare la sua genuinità.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

,



Articoli che potrebbero interessarti


Akash Kumar
Akash Kumar a Ballando con le Stelle 2018


Ballando con le Stelle 2018 - Sara Di Vaira e Massimiliano Morra
Ballando con le Stelle 2018: ecco i risultati del televoto. Lo 0 dalla giuria infiamma il pubblico


Lucarelli Ciacci
Ciacci difende la D’Urso a Ballando. Selvaggia lo asfalta


Cesare Bocci e Alessandra Tripoli
Cesare Bocci vince Ballando con le Stelle 2018

23 Commenti dei lettori »

1. kalinda ha scritto:

25 marzo 2018 alle 12:04

Per mia esperienza personale posso affermare che il 90% dei veneti mal tollera meridionali e stranieri.



2. soralella ha scritto:

25 marzo 2018 alle 12:19

Come ho già scritto a me questo momento di ieri sera ha dato veramente fastidio. Una smania di protagonismo della giuria che è insostenibile, la Lucarelli e la Bruzzone due invasate che si scalmanavano come se avessero davanti un serial killer. Si passa da trasmissioni che si trovano loro malgrado in mezzo a grandi scandali e cercano di insabbiarli in ogni modo, a trasmissioni che vogliono creare lo scandalo sul nulla. Ma dei nomi d’arte o degli alias sui social che ha usato questo qua, chisseneimporta? E poi Mayer che fa la morale manco fosse Don Matteo, e pensa pure che qualcuno possa prenderlo sul serio con quel topo morto in testa ….

La polemica può essere divertente al massimo quando è tra pari, come era lo scorso anno tra Lucarelli e Parietti. Questo ragazzo non ha dimestichezza con la tv, non ha un milionesimo della dialettica e della sicumera delle due arpie, era chiaramente agitatissimo, ovvio che gli sono scappate di bocca frasi assai infelici dovute solo alla concitazione. Gli conviene comunque imparare a non reagire, tanto è chiaro che il bersaglio di quest’anno è lui.



3. soralella ha scritto:

25 marzo 2018 alle 12:21

kalinda, infatti …. e lo sanno anche i sassi



4. Vince! ha scritto:

25 marzo 2018 alle 12:44

Momento imbarazzante: da casa non si capiva cosa avesse fatto di così grave il ragazzo, visibilmente agitatissimo, mentre la Lucarelli e soprattutto la Bruzzone infierivano su di lui…



5. alessandro ha scritto:

25 marzo 2018 alle 17:11

Che strano… Mariotto che lo difende xche’ e’ della stessa agenzia… Comunque sia polemica sterile di questo ragazzotto che puo’ fare giusto il “diavolo tentatore” a Temptation Island… altro non puo’ fare… Il razzismo esiste ovunque… non solo in veneto… non solo il “bianco” contro il “nero”… non solo il “nordista” contro il “sudista”… ma accade anche il contrario spesso e volentieri… Dopo questa stupida e pretestuosa polemica il ragazzotto dovrebbe essere cacciato a calci nel sedere dalla trasmissione…



6. Silvia ha scritto:

25 marzo 2018 alle 18:08

Che poi, visto che a Verona sono tutti leghisti e razzisti, di sicuro ‘Pablo Andreis Romeo’ sarebbe stato accettato a braccia aperte in quanto nome tipicamente veneto.
Ma per favore, questo non sapeva più su quali specchi arrampicarsi.



7. Andrea ha scritto:

25 marzo 2018 alle 18:51

E poi vi lamentate della D Urso della De Filippi definendole Trash??? Io credo che un programma più vergognoso di Ballando non esiste con una conduttrice incapace e varie nullità nella giuria. Il problema grosso che la D Urso non la pago io ma un editore forse il più grande in Italia, mentre la Carlucci la devo pagare io e non vorrei mai doverlo fare



8. AbbassoIlVeneto! ha scritto:

25 marzo 2018 alle 20:13

Ringrazio i soliti deficienti “razzisti al contrario” che continuano a giudicare i Veneti alla stregua degli ebrei, ovvero causa di tutti i mali italiani (dal vino, alle Dolomiti fino alla mancanza di lavoro).
Citando il venerabile trevigiano Luciano Vincenzoni che a sua volta citava la squadra locale di rugby (no, non era ancora la Benetton): “Ritornate in Veneto, vi accoglieremo a suon di schiaffi”. D’altronde, siamo o non siamo razzisti e beoni? Saluti (pseudo)leghisti



9. Pongo&Peggy ha scritto:

25 marzo 2018 alle 21:55

A certe trasmissioni Mediaset levando il trash resterebbe solo un divano vuoto.

A Ballando levando il trash resterebbe una trasmissione piacevolissima e divertente come è stata per tanti anni, e un parterre di concorrenti e ballerini professionisti da levarsi tanto di cappello.
Se la Carlucci da quell’orecchio non ci vuol sentire speriamo ci sia un capostruttura, un dirigente, un direttore, capace di allontanare il programma dalle sirene dei sensazionalismi a buon mercato.



10. ariel ha scritto:

25 marzo 2018 alle 22:07

Bene, ha vuotato il sacco sui nomi…a quando la veritá sul colore dei suoi occhi, palesemente finti?
Non sono lenti colorate MA una vera e propria operazione (brightocular).



11. soralella ha scritto:

26 marzo 2018 alle 10:09

Non capisco l’inerenza di certi commenti. Il “ragazzotto” non ha iniziato la polemica ma l’ha subita, nonostante sia lì per ballare e per questo dovrebbe essere giudicato. La sua frase sui veronesi è stata infelice e nessuno lo nega, ma è ridicolo che la Bruzzone sostenga che gli italiani sono tutti amici dei migranti, quando sappiamo bene come vanno realmente le cose in certe parti di Italia. Ma, ripeto, tutto questo non c’entra niente. Veera Kinnunen aveva realizzato una coreografia strepitosa ma di tutto si è parlato tranne che di questo, e certo non per colpa del “ragazzotto”. Ripeto che a me non importa una mazzafionda di chi è chi non è o chi si crede di essere il ballerino, perchè se il sabato sera resto a casa e mi sintonizzo su RaiUno è per guardare “Ballando con le Stelle”, e non “Strepitando con la Bruzzone e la Lucarelli” o “Indagando sulla vita del concorrente”.



12. Filippo ha scritto:

26 marzo 2018 alle 10:17

Kalinda, soralella, i Veneti mal tollerano la gente prevenuta, ignorante e “razzista al contrario” proprio come voi due….



13. Serena ha scritto:

26 marzo 2018 alle 10:29

Grande Filippo. Basta co sti luoghi comuni nord sud razzismo migranti. Siete dei piagnoni e avete veramente rotto le scatole.



14. Nina ha scritto:

26 marzo 2018 alle 12:10

Che sciocchezza sui veneti! Mi pare che sia la regione in cui gli extracomunitari sono meglio integrati.



15. Nina ha scritto:

26 marzo 2018 alle 12:11

Che sciocchezza sui veneti! Mi pare che sia la regione in cui gli extracomunitari sono meglio integrati.

Bravo Filippo, ben detto.



16. agata ha scritto:

26 marzo 2018 alle 14:05

buongiorno,quello che è successo sabato sera è vergognoso e credo che bisognerebbe prendere una posizione netta nei confronti di akash per aver mentito su tutto e per come si è posto davanti agli italiani nel tentativo di giustificarsi.E’ vero che si può sbagliare ma bisogna ammettere con coscienza i propri errori.Oltre ad apparire un bugiardo è apparso un arrogante privo di valori che può solo trasmettere un brutto esempio a tutti i ragazzi che seguono il programma.IO ho vissuto per 20 anni a verona e ci sono le belle e le brutte persone come in tutto il mondo, non ho mai patito il razzismo per il semplice motivo che non l’ho mai usato come scudo, se qualcuno si comportava male non pensavo questo è razzista ma semplicemente questa persona vale poco.A verona come in qualunque parte d ‘Italia e del mondo se rispetti ,ti rispettano e se qualcuno ha dei pregiudizi, come potrebbe averli anche un “terrone” nei confronti di un “polentone”,imparando a conoscere la persona li supera.Concludo dicendo che il razzismo di qualunque tipo è uno status mentale personale,se ad ogni cosa che può succederti non lo ritieni la causa, sicuramente vivrai meglio.Chi patisce per il razzismo rafforza soltanto i razzisti….chi invece sorride e compatisce li sconfigge perchè alla fine il vero problema ce l’hanno loro.Tutto il mondo è paese.



17. soralella ha scritto:

26 marzo 2018 alle 14:31

Filippo e Serena: e infatti dai vostri commenti si evince tutta la vostra tolleranza, e aggiungo anche la vostra buona educazione.

Nina: meglio integrati rispetto a ….. ?



18. Nina ha scritto:

26 marzo 2018 alle 14:36

al resto d’Italia. E poi sai che educazione dare dei razzisti ad un intera ragione. Imparerò da te, maestra.



19. Filippo ha scritto:

26 marzo 2018 alle 18:27

Mille minuti di applausi per agata! Bellissimo messaggio.
E grazie Nina, vedo che mi hai capito ;-)



20. soralella ha scritto:

27 marzo 2018 alle 08:31

Nina non fare la modesta che non ti devo insegnare proprio niente.

Affermare di essere tolleranti dicendo che chi non la pensa allo stesso modo è (cito testualmente dai commenti precedenti) un “deficiente / prevenuto / ignorante / razzista al contrario / da prendere a schiaffi / piagnone / rompiscatole” qualifica perfettamente l’indole e la “tolleranza” (!) di chi ha scritto senza bisogno di ulteriori commenti, e infatti con questo intervento chiudo l’argomento, se di “argomentare” si può parlare in certi frangenti e con certe persone.

Tra l’altro, il senso dei commenti non era di “dare dei razzisti a un’intera regione”, ma affermare che in un programma che si chiama Ballando uno vorrebbe sentir parlare di ballo e non di polemiche su alias, razzisti e altro.
Ma evidentemente, i fan della Bruzzone e del suo modus operandi et argumentandi sono più di quelli che credevo.



21. Luca ha scritto:

27 marzo 2018 alle 12:08

@ soralella
Ciao
La questione immigrazione è molto delicato e non si può liquidare in poche righe naturalmente
Dico solo che la gente è stanca di una immigrazione fuori controllo che crea degrado nelle città e in particolare nelle periferie
Le ultime elezioni hanno dato un messaggio chiaro su che cosa pensa la maggioranza degli italiani
E anche io sono stanco di incrociare mussulmani che sputano per terra al passaggio di noi italiani senza un motivo
Anzi no : il motivo lo conosco ,loro ci considerano infedeli e ci odiano e ci vorrebbero islamizzare tutti
Vorrebbero distruggere la nostra civiltà per ritornare ad un medioevo fatto di repressione , disprezzo verso le donne e morte verso chi non la pensa come loro
Dunque ,l’immigrato che rispetta me e gli italiani è benvoluto
Chi vuole seminare odio se ne ritorni al suo paese e non metta più piede in Italia



22. Nina ha scritto:

27 marzo 2018 alle 12:40

soralella: non è da te buttare tutto a tarallucci e vino, con “i fan della Bruzzone” che niente c’entra con la tua affermazione “sappiamo bene come va in certe parti d’Italia”. Se non volevi che il senso del tuo commento fosse ANCHE quello, potevi fare a meno di scriverlo. Tanto la tua reprimenda, avrebbe avuto lo stesso senso nei confronti della Bruzzone, anzi sarebbe risaltata ancor di più.



23. soralella ha scritto:

27 marzo 2018 alle 18:57

Luca, capisco quello che dici, ma solo per essere chiari ci tengo a precisare che io sulla questione immigrazione non ho espresso nessuna opinione, tantomeno ho detto che mi sta bene la situazione così come è oggi in Italia. Mi pare di aver detto anche in tutti i miei commenti che le frasi pronunciate dal concorrente sono state sicuramente infelici, ma dettate presumibilmente dall’agitazione del momento. Tra l’altro, per quel poco che ho visto del “giovanotto” non mi sta nemmeno particolarmente simpatico.

La questione è tutt’altra, e cioè, torno a ripetere ancora una volta, che la sua esibizione con Veera è stata una delle migliori che ho mai visto a Ballando, e mi ha dato veramente fastidio che non si sia minimamente parlato di questo, ma di vicende e argomenti che con la trasmissione non dovrebbero entrarci niente, e che, soprattutto, a me come spettatore di Ballando non interessano minimamente. Poi, non so se chi ha commentato con tanta veemenza ha visto la trasmissione, ma non è che il tipo si è presentato con un cartello con su scritto “i veronesi sono razzisti”. Si è esibito, alla fine dell’esibizione si è pure scusato per la questione delle identità multiple, e per tutta risposta è stato aggredito veemente dalla Bruzzone e dalla Lucarelli spalleggiate da Mayer e Canino. A quel punto è entrato in uno stato di evidentissima agitazione e ha inanellato una serie di frasi poco felici. Ma se tu provochi e attacchi una persona in quel modo, è ovvio che lo scopo che vuoi raggiungere è proprio di fargli perdere la calma e di farlo cadere in fallo, come è successo.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.