19
febbraio

Una Domenica INconsistente

Cristina Parodi

Cristina Parodi

Cristina Parodi ha parlato. Per la prima volta, dopo settimane in cui è stata al centro delle attenzioni mediatiche senza proferire parola, si è accomodata nel salotto di Tv Talk per discettare della sua (fallimentare) edizione di Domenica In. In un clima disteso, la signora del dì festivo del servizio pubblico ha lamentato l’accanimento quasi inspiegabile nei suoi confronti. Ebbene, la spiegazione gliela diamo noi.

In primis Cristina paga la colpa, non sua, di andare a sostituire L’Arena, programma di successo di Massimo Giletti cancellato dall’oggi al domani per discutibili e non meglio precisate “ragioni editoriali”. Una decisione barbarica e controproducente che non poteva non mettere sotto la lente d’ingrandimento il suo programma. Allo stesso tempo, non è meno trascurabile il fatto che Domenica In 2017/2018 sia un flop. E non lo dicono solo i numeri, bensì tre ore povere di idee e dallo sbadiglio facile che ogni 7 giorni Rai1 propina ai suoi telespettatori.

Sempre a Tv Talk, si è sottolineata la differenza con Domenica Live lasciando intendere una presunta superiorità nei contenuti.

(Rispetto alla concorrenza, ndDM) serve puntare su un’altra cosa, sul prodotto, sulla qualità, sui contenuti (…) facciamo due programmi molto diversi e che non si possono paragonare; l’immagine della donna che ha il seno più grande del mondo e dall’altra parte noi che intervistiamo Piero Angela. Queste sono le due televisioni. Ma è giusto che sia così (…) La missione che ho avuto io era quella di fare la domenica pomeriggio con dei contenuti di qualità, di intrattenimento, di notizie… E questo stiamo facendo“.

Tuttavia fare un prodotto “più alto” e diverso dal competitor non significa perdere automaticamente il confronto. Anzi la diversità per un programma venuto dopo potrebbe essere una risorsa. Non c’è bisogno nemmeno di fare l’”avvocato del diavolo” per ribadire che Domenica Live ha surclassato Domenica In anche ospitando Carlo Verdone o Piero Chiambretti e di Piero Angela ce n’è stato uno solo nel salotto dell’ex conduttrice di Strano Ma Vero (correva l’anno 2000). Proprio Giletti dimostrava che battere (e anche di tanto) Domenica Live era possibile sia intavolando i discussi talk politici sia con la parte di costume dedicata alle interviste. La pregevolezza dei contenuti nel dì festivo di Rai 1 proprio non la vediamo: il dibattito trito e ritrito, con i soliti ospiti, sulla storia di Sanremo è qualcosa di una qualità tale di cui andar fieri?

Inoltre se la missione di fare un buon programma è precipua rispetto agli ascolti o alla sconfitta della concorrenza, non si capisce perchè il programma, preparato e pensato per mesi, sia stato stravolto dopo poche settimane. Tuttavia, va detto, che Cristina è convinta di raggiungere gli stessi ascolti della stagione precedente, almeno questo asserisce a Tv Talk. Probabilmente fa un impari confronto con la Domenica In di Baudo, in onda in una fascia oraria completamente diversa, e che comunque se avesse soddisfatto appieno i vertici Rai non sarebbe stata cancellata.

Questione Benedetta Parodi

Cristina Parodi poi tradisce un pizzico di amarezza quando si parla dell’accantonamento di Benedetta Parodi. Dalle sue parole si evince che lei avrebbe dato del tempo alla sorella di farsi conoscere dal pubblico di Rai 1.

“Sono convinta che (la sua presenza) avrebbe avuto senso e sarebbe stato bello continuare. Però la televisione di oggi, devo dire, macina tutto velocemente per cui non c’è tanto tempo per metterla a punto. Ora Benedetta Parodi non è un volto Rai 1, Benedetta ha una storia televisiva importante ma fatta in altre reti, per cui aveva bisogno di un pochino di tempo in più per poter diventare un volto abituale a quel pubblico. Quindi sì mi dispiace, abbiamo scelto di comune accordo un altro tipo di trattamento in cui lei si trova molto bene, in cui funziona molto bene”.

Ecco, in questo siamo d’accordo con Cristina, il trattamento da “avanzo” di Benedetta Parodi è l’ennesimo passo falso di una Domenica INconsistente.

Condivi questo articolo:
  • Facebook
  • Twitter
  • Digg
  • Wikio IT
  • del.icio.us
  • Google Bookmarks
  • Netvibes

, ,



Articoli che potrebbero interessarti


Cristina Parodi, Domenica In
Domenica In, Cristina Parodi chiude: «Stagione non facile, ci avete seguito e criticato»


Selvaggia Lucarelli
BOOM! Cristina Parodi tira fuori gli artigli (a fine stagione!): se dalla D’urso ci sarà Favoloso, a Domenica In arriva Selvaggia


Cristina Parodi
L’ultima bufala la lancia Cristina Parodi: Domenica In fa «ascolti assolutamente buoni»


Domenica In - Cristina Parodi da Sanremo
A Domenica In (come ovunque in Rai) si può solo parlar bene di Sanremo? Assente Benedetta Parodi

14 Commenti dei lettori »

1. RoXy ha scritto:

19 febbraio 2018 alle 14:26

Tristina diceva a Tv Talk che sua sorella non andava bene perché non era un volto Rai. Verissimo, ma anche lei non lo è e non lo sarà mai.

Il paragone con Domenica Live tradisce il suo sentirsi superiore e migliore come succede a tutti coloro che fanno parte degli sciccosi salotti radical-chic. Molte settari ed autoreferenziali.
Comunque di bastonate sulle corna ne ha prese, e ne prenderà ancora, ma non credo che si tirerà indietro. Lei già pensa di rimanere lì per la prossima stagione, molto dipenderà dall’esito delle elezioni ovviamente. Tanto meno potere avranno PD e FI, tanto più lontana sarà la possibilità per Tristina di continuare a rattristare le domeinche in Rai.



2. Sabato ha scritto:

19 febbraio 2018 alle 15:08

Non accendo mai la TV la domenica pomeriggio, quindi non posso avere un’opinione in merito, ma chiedo a chi invece segue Domenica In e Domenica Live: davvero non esiste alcuna “superiorità nei contenuti” di Domenica In rispetto al programma della D’Urso? Leggo su blog e social che Canale5 manda in onda puro trash: Isola dei Famosi (la droga, il clistere…), chirurgia estetica (il Ken umano, le tette della Cipriani…), interviste imbarazzanti, allusioni sessuali, cronaca trattata in modo sensazionalistico, e così via. Davvero Domenica In è allo stesso livello?



3. Perseo ha scritto:

19 febbraio 2018 alle 15:40

Beh la sorella era un disastro nella conduzione, giusto che l’abbiano retrocessa. Anzi, non la dovevano proprio metterla in mezzo. Lo stesso vale per Panatta. Comunque è ovvio che è un flop, stiamo parlando di un programma che il PD ha IMPOSTO al pubblico, dopo la cancellazione dell’Arena perchè dava fastidio a qualcuno.



4. Travis ha scritto:

19 febbraio 2018 alle 17:17

Ma c’è qualche dubbio che i contenuti di Domenica In siano ’superiori’ rispetto a quelli di Domenica Live? Come si può non essere superiori a 0? Comunque il problema di Domenica In non è Cristina. E’ tutto il gruppo di lavoro a partire dagli autori che credono di poter riempire ore di tv con il nulla, con quattro ospiti e due ricette. Ma le idee dove sono?



5. claudio75 ha scritto:

19 febbraio 2018 alle 17:30

Non si può Non tener conto di un aspetto l’intrattenimento Leggero o il pseudo varietà Non è nelle sue corde è la persona sbagliata nel posto sbagliato.
Per giunta Come si suol dire la toppa è peggio del buco ad avere incentrato tutto il programma su di lei lo ha nettamente peggiorato.



6. kalinda ha scritto:

19 febbraio 2018 alle 18:18

Mi dispiace per le sorelle Parodi due brave professioniste.



7. ANGELO ha scritto:

19 febbraio 2018 alle 20:12

Certo che se consideriamo gli argomenti di DOMENICA LIVE superiori a quelli di DOMENICA IN siamo messi male!



8. Ivan ha scritto:

19 febbraio 2018 alle 23:32

Certo che la differenza di contenuti c’è…solo uno stolto non può accorgersene…solo che l’italiao medio è di basso livello , come la tv italiana



9. Stefano ha scritto:

20 febbraio 2018 alle 12:46

E’ una DOMENICA IN inguardabile e continuano a mandare in onda le Parodi con le ricette arronzate, ed i soldoni del Canone buttati per tanti ospiti famosi per soli 2/3 ore di programmazione, tanto che devono mandare dopo su RAI1 Film-spezzoni di programmi vecchi ect. E si parla anche che vogliono confermare la raccomandata della GREGORACI per farle fare il solito programma MADE IN SUD con 40 comici a caro prezzo che non fanno ridere ed ospiti famossimi con uno share del 5% di media! La RAI sta veramente esagerando con le RACCOMANDAZIONI IN PRIMA SERATA oppure in programma storici ed intoccabili come DOMENICA IN! Ci vogliono programmi NUOVI con VERI e POCHI PROFESSIONISTI per fare ascolti decenti ma a loro non importa se la Pubblicità non paga ed è poca, tanto pagano gli Italiani con il Canone questi raccomandati/e! E’ uno SCHIFO!



10. ANGELO ha scritto:

20 febbraio 2018 alle 13:07

Concordo con Ivan!



11. ciak ha scritto:

20 febbraio 2018 alle 13:50

loro sono signorili, garbate, brave. PROFESSIONISTE!
peccato che il pubblico non “apprezza” questo…ma è pur vero che oggi “in ascolto” si vuole tutto e subito… anche se io preferivo il primo “progetto” di questa edizione, quello visto nella prima puntata… è vero andava limato… e con dei bravi “autori” si sarebbe potuto fare!
ADESSO stanno facendo un bruttissimo remake a freddo del “dopofestival” baudiano/biscardiano spalmato su più puntate.
Magari avrei innestato anche un po di “cantanti” fissi e un corpo di ballo “professionista”.
per il futuro di cristina vedrei bene MATTINA IN FAMIGLIA… per BENEDETTA meglio “reti tematiche” ove il pubblico la “apprezza di più”



12. Lilla ha scritto:

20 febbraio 2018 alle 14:53

Premesso che Domenica Live è indirizzato a un pubblico diverso da Domenica In, c’è da dire che quest’ultima non ha fatto molto per calamitare a sé gli spettatori che non si identificano col programma di Barbara D’Urso. Le prime puntate non mi hanno fatta impazzire, ma le ho rivalutate molto dopo aver visto quelle più recenti. Basare tutto sul Festival di Sanremo (prima, durante e dopo) ha generato a lungo andare una noia mortale, allontanando coloro i quali non apprezzano il genere. A questa edizione manca un po’ di vitalità oltre che la varietà di argomenti. Tutto ciò non dipende solo dalla conduttrice (che alla fine è una soltanto), ma anche dagli autori che hanno preferito ripiegare sull’usato (ma non garantito, visti gli ascolti). Mi spiace davvero che il capro espiatorio sia stata Benedetta Parodi, la quale effettivamente non ha avuto il tempo di “crescere” e farsi conoscere. Forse non si doveva farla cucinare, visto che in pochi minuti è difficile per tutti realizzare un piatto senza pasticciare un po’, ma farle sperimentare qualcosa di nuovo. Confinarla nell’ultimo quarto d’ora prima della fine del programma è servito solo a mortificarla e non ha pagato in termini di share. Carina invece l’idea della visita a casa di persone famose, si respira un’aria senza dubbio più leggera.



13. max ha scritto:

20 febbraio 2018 alle 16:30

LA DOMENICA SEGUO IL CALCIO PERO’ QUALCHE VOLTA HO VISTO DOMENICA IN CHE MI INTERESSA DI PIU’ DI VEDERE LE OPERAZIONI DELLA GRANDI O QUEL PUPAZZO DI KEN ANZI CREDO CHE SIA SQUALLIDO VEDERE IN TV QUESTE COSE.MA POI MI DOMANDO COSA CI STA DI INTERESSANTE VEDERE STE COSE?



14. Luca ha scritto:

20 febbraio 2018 alle 20:43

@ max
però vedere Domenica Live della D’Urso non sarà intellettualmente elevante ,però è divertente vedere tutti quei fenomeni da circo e morti di fame che litigano per un Telegatto
Un po’ di spensieratezza senza dover per forza sempre parlare di donne tagliate a pezzettini o bambini seviziati e buttati via come rifiuti

@ Roxy
Grande come sempre
Ho sempre in mente la scena delle gemelline di Shining
Mi sa che con il PD ai minimi storici ,e una debacle alle elezioni,le gemelline Parodi faranno la stessa fine di quelle del film
ahahahahahahaha



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.