6
febbraio

Sanremo 2018, Antonio Ricci vs Claudio Baglioni: «Il botulino gli intoppa i ragionamenti. Deve chiedere perdono all’Italia. Piuttosto la morte che l’accoccolamento»

Antonio Ricci

Antonio Ricci ha rincarato la dose. Dopo l’attacco frontale sferrato nei giorni scorsi a , l’ideatore di Striscia la Notizia è tornato a colpire il direttore artistico del Festival di Sanremo 2018 con giudizi severissimi. Il papà del Gabibbo, del resto, è uno che difficilmente molla la presa. E pensare che il cantautore romano – stuzzicato dai giornalisti sull’argomento – si era rifiutato di replicargli, se non attraverso una laconica (ma a quanto pare efficace) stoccata. 

A sferrare per primo il fendente era stato proprio Antonio Ricci, che nei giorni scorsi – sulle pagine del Corriere – aveva colpito Baglioni in riferimento alla sua carriera.

Non lo reggo da sempre, da quando ero ragazzo. Sono cresciuto nel ‘68, gli anni della protesta, gli anni di Tenco e Paoli, di Guccini e De André… poi arriva questa melensa creatura dalla maglietta fina che canta passerotto non andare via. Baglioni era il cantante preferito dei fascisti, dei La Russa e Gasparri. Non lo sopporto. In uno spettacolo dissi anche che gli avrei tirato una molotov. Ora se gli dai fuoco si sparge odore acre di plastica che semina diossina in tutto il Paese

aveva dichiarato Ricci, aggiungendo poi:

Di fondo non penso sia uno disonesto… del resto non è capace: il botulino gli intoppa i ragionamenti nel cervello“.

Invitato dai cronisti ad esprimersi su quelle parole, ieri Claudio Baglioni aveva prontamente evitato di alimentare la polemica. Rispondere? “Lo farei, ma ho cose più importanti da fare nei prossimi cinque giorni” aveva chiosato. Ma, a stretto giro, Ricci è tornato all’attacco, replicando ai fan del cantautore che nel frattempo lo avevano invitato a porgere le proprie scuse:

Carissimi fan di Claudio Baglioni, avete fatto una petizione per chiedermi di rivolgere le mie scuse al grande poeta. Penso piuttosto che l’autore di un verso osceno come ‘accoccolati ad ascoltare il mare’ debba chiedere lui perdono all’intera Italia, patria di santi, navigatori e poeti. Io proprio non ce la faccio ad accoccolarmi con voi, neppure con una pistola puntata alla tempia. Piuttosto la morte che l’accoccolamento“.

Un botta e risposta che qualche imbarazzo deve averlo suscitato, almeno in Michelle Hunziker, che ieri si era comprensibilmente astenuta dal commentare le iniziali parole rivolte da Ricci al direttore artistico del Festival. “Sono due persone a cui voglio molto bene e se siete d’accordo mi avvalgo della facoltà di non rispondere” ha detto ai giornalisti la showgirl svizzera, che fino alla settimana scorsa sedeva dietro al bancone di Striscia la Notizia.



Articoli che potrebbero interessarti


Sanremo 2018, Antonio Ricci vs Claudio Baglioni: «Il botulino gli intoppa i ragionamenti. Deve chiedere perdono all'Italia. Piuttosto la morte che l’accoccolamento»
Antonio Ricci sulla querela di Baglioni: “Dimostrerò scientificamente che quando bacia la fidanzata ciuccia botulino”


Claudio Baglioni
«Botulino gli intoppa il cervello»: Claudio Baglioni querela Antonio Ricci


FINALE SANREMO 2018
Sanremo 2018, le pagelle finali


Sanremo 2018 - Michelle Hunziker in Moschino (bozzetto)
Sanremo 2018: gli stilisti dei conduttori

14 Commenti dei lettori »

1. Travis ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 11:01

Credo che dare anche un secondo ascolto a Ricci sia troppo. Sono solo deliri di un pazzo. Baglioni non mi piace ma Ricci è davvero folle.



2. RoXy ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 11:08

Ricoverate questo pazzo megalomane!



3. Vince! ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 11:11

Che triste declino…



4. Pongo&Peggy ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 11:36

Imbarazzante, non trovo altro termine.



5. kalinda ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 11:50

Baglioni può non piacere ma è un gran professionista e ha fatto una manifestazione bellissima a Lampedusa O’ Scià.



6. Drew ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 12:18

Ma che modo di esprimersi è questo? Neanche nei peggiori haters dei social. Da uno che produce un programma sul legale, l’etico, la correttezza e poi vomita parole cosi?
Basta un “non mi piace” o un “non guarderò il programma presentato da lui”, bel modo di dare l’esempio in un mondo dove la persona media già sfoga sul web le proprie frustrazioni con un linguaggio che lasciamo perdere



7. xxxxx ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 12:56

Schifo, schifo e ancora schifo.
Oltretutto, non capisco nemmeno il motivo di tanto astio.



8. Marco Urli ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 13:01

Brutta cosa il Fascismo Rosso.



9. ciak ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 13:41

io lo trovo da tempo fuori luogo ricci



10. Nina ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 13:51

Soliti metodi di sinistra, ha ragione Marco Urli.



11. Luca ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 15:46

Quando ero adolescente mi sono nutrito delle canzoni di Baglioni
Che può piacere o non piacere,ma i giudizi di Antonio Ricci ,rasentano una situazione psichiatrica fuori controllo
Ha ragione Roxy



12. tina ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 18:35

Piccolo grande amore .Una canzone da me amatissima come le altre a venire e di cui non faccio l’elenco perché troppo lungo.



13. Gianni ha scritto:

6 febbraio 2018 alle 19:56

Primi segni di alzheimer. Si sbrigassero i medici a diagnosticarglielo così finalmente si rende conto e si prende una più che meritata lunga pausa dal lavoro.



14. Patrick ha scritto:

7 febbraio 2018 alle 03:04

Povero Ricci, un irrisolto che vive delle dittature che impone prendendo per il culo gli spettatori che sono costretti ad attendere i suoi porci comodi per guardarsi i programmi di prima serata perché lui deve aumentare lo share, così quello schifo di programma che dirige non viene chiuso.

Davvero. Pietoso, rancoroso, ridicolo e patetico. Chissà che si levi di torno davvero.



RSS feed per i commenti di questo post

Lascia un commento


Se sei registrato fai il login oppure Connetti con Facebook

Per commentare non è necessaria la registrazione, tuttavia per riservare il tuo nickname e per non inserire i dati per ciascun commento è possibile registrarsi o identificarsi con il proprio account di Facebook.